domenica, 24 Ottobre 2021
spot_img
HomeappuntamentiUna Marina di libri ai nastri di partenza: oggi pomeriggio l'inaugurazione. Gli...

Una Marina di libri ai nastri di partenza: oggi pomeriggio l’inaugurazione. Gli eventi

Ecco anche alcune delle iniziative delle case editrici presenti al festival

Al via giovedì 16 settembre, la dodicesima edizione di “Una Marina di Libri”, il Festival dell’editoria indipendente di Palermo. Il tema scelto, “Per l’alto mare aperto”, si ispira a un verso di Dante, di cui quest’anno si celebrano i settecento anni dalla morte, tema che si riconnette fortemente alla natura di Palermo e della Sicilia. Il visual è dell’artista Enzo Patti. Anche quest’anno “Una Marina di Libri” è organizzata dal Centro Commerciale Naturale Piazza Marina & dintorni, le case editrici palermitane Navarra e Sellerio in collaborazione con l’Università degli Studi di Palermo, Parco Villa Filippina e Libreria Dudi.

Il biglietto giornaliero ha un costo di 3 euro e non ha limiti di permanenza oraria. L’abbonamento alla manifestazione, che dà diritto a un ingresso per ciascuna delle quattro giornate, ha un costo di euro 8,50. I bambini al di sotto dei 12 anni entrano gratis. L’accesso alla manifestazione il venerdì mattina è libero e gratuito per tutti, dalle 10 alle 16. La biglietteria è gestita dal Parco Villa Filippina. I biglietti giornalieri possono essere acquistati on line sul sito di Villa Filippina e fisicamente recandosi al parco. Per info sulla biglietteria: 389 1335731.

L’inaugurazione della kermesse letteraria è fissata per le ore 16:30, quando si brinderà con uno dei vini delle Tenute Orestiadi, vino ufficiale della manifestazione, da quel momento il Parco di Villa Filippina di Palermo aprirà le porte per accogliere tutti gli amanti dei libri. Quest’anno saranno 74 gli stand degli editori, di cui 35 siciliani. 

Alle 17 cominciano le prime presentazioni di libri nei vari palchi che quest”anno hanno i nomi dei venti. Allo Spazio Tramontana presentazione del libro “Tra un niente e una menzogna”, Passigli Editori, di Nicola Romano, interviene Salvatore Lo Bue, sarà presente l’autore. Sempre alle 17 allo Spazio Ponente, presentazione del videoclip “Fiori dal nulla”, intervengono: Annalisa Arcoleo, Giuseppe “Jaka” Giacalone, Ornella Longo, Clara Pangaro, Gianni Zichichi a cura dell’Associazione Rock10elode e dell’Istituto Penale per i Minorenni di Palermo. Sempre alle 17 allo Spazio Libeccio, presentazione del libro “Almanacco delle Artiste siciliane” a cura di Giulia Ingarao ed Emilia Valenza Edizioni Kalós, intervengono Rosaria Raffaele Addamo e Marina Giordano. Ancora alle 17 allo Spazio Grecale presentazione del libro “Hai presente Liam Neeson” di Roberta Lepri, Voland editore, interviene Beatrice Monroy e sarà presente l’autrice. 

Alle 17.30 presso lo Spazio Mezzogiorno presentazione del libro “Dendrolatrie. Miti e pratiche dell’immaginario arboreo” a cura di Dino Ranieri Scandariato, Carlo Andrea Tassinari, Gioele Zisa, Giuseppe Barbera e Giulia de Spuches Edizioni Museo Pasqualino, intervengono: Giuseppe Barbera, Giulia de Spuches, Alessandro Casula e Igor Spanò, modera Rosario Perricone. Alle ore 17.30 allo Spazio Levante presentazione del libro “Cultura visuale. Una genealogia” di Michele Cometa per Raffaello Cortina Editore, interviene: Francesco Parisi, introduce: Emanuele Crescimanno, sarà presente l’autore. 

Alle 18.30 allo Spazio Tramontana, presentazione del libro “Le mie Afriche” di Sergio Infuso per Navarra Editore, intervengono: Giuseppe Barbera, Giovanna Genco e Rino Martinez, modera: Anna Ponente, Letture di Antonio Parisi, sarà presente l’autore. Sempre alle 18.30 allo Spazio Libeccio presentazione del libro “Corpo striato” di Riccardo Frolloni per Industria e Letteratura, intervengono: Giorgia La Placa e Nicola Romano, sarà presente l’autore. Alle 18:30 presso lo Spazio Grecale il primo appuntamento con la rassegna 2Marina Rolls2 con un incontro dal tema 2Da Sticky Fingers a Who Next: il 1971 fu il tredicesimo mese del 2021″, intervengono: Matteo Di Gesù e Piero Melati. Sempre alle ore 18.30 allo Spazio Ponente presentazione del libro “La vita lenta” di Abdellah Taïa per Funambolo editore, interviene: Francesco Paolo Alexandre Madonia, sarà presente l’autore, evento a cura di Sicilia Queer Film Festival nell’ambito delle Letterature Queer 2021.

Alle 19.00 presso lo Spazio Levante, presentazione del libro “Kayn” di Angelo Agnello per Gaeditore, intervengono: Gaetano Amoruso, Paola Ardizzone ed Eleonora Lombardo, sarà presente l’autore. Alle 19.00 allo Spazio Mezzogiorno, presentazione del libro “Tutto un rimbalzare di neuroni” di Vanessa Ambrosecchio per Einaudi, interviene: Giusi Parisi, sarà presente l’autrice. 

Alle 20 primo evento clou di quest’anno allo spazio Tramontana, dove ci sarà una conversazione “Processo ai Florio” con Stefania Auci, Geri Ferrara e Marco Pomar, modera Elvira Terranova. Alle 20 presso lo Spazio Ponente Conversazione “Dante e il mare” con il timoniere di Luna Rossa Checco Bruni, Matteo Di Gesù e Mario Genco, modera Salvatore Cusimano. L’evento è inserito nel calendario di incontri di Piazza Dante #Festivalinrete. Sempre alle 20.00 allo Spazio Grecale “La Comunità di Spazio Cultura”, incontro con gli autori, intervengono: Biagio Balistreri, Antonella Giacona, Pasquale Hamel, Gabriella Maggio, Vicio Matta e Nicola Romano, modera Giovanna Corrao, introduce Nicola Macaione a cura di Spazio Cultura Edizioni. Sempre alle 20 “E quindi uscimmo a riveder le stelle”, osservazione astronomica grazie agli esperti del Planetario di Palermo, che, attraverso telescopi a disposizione del pubblico, accompagneranno gratuitamente alla scoperta della volta celeste.

Alle 20.30 presso lo spazio Maestrale incontro con Franco Arminio: La Palermo “bandita”, un racconto inedito del noto scrittore, poeta e paeseologo sulla passeggiata che farà durante la mattina a Sant’Erasmo fino ad Acqua dei Corsari. Una costa un tempo di tonnare, di quartieri di pescatori e anche dei primi bagni dell’epoca della Palermo felicissima, adesso negata e “bandita”. L’evento è a cura di Una marina di libri in collaborazione con Ecomuseo Mare Memoria Viva. Alle 20.30 allo Spazio Levante la “cucina delle nonne”: un patrimonio dell’umanità presentazione del libro “Cucina” di Mario Di Ferro per Pietro Vittorietti Editore, intervengono: Lello Analfino e Virgilio Fagone, sarà presente l’autore. 

Alle ore 21.30 presso lo Spazio Ponente, proiezione “Pride”: “Anni ‘70: L’avanguardia della lotta”, introduce: Giuseppe Cutino, a cura di Associazione Famiglie Arcobaleno e Coordinamento Palermo Pride. Si conclude il primo giorno con l’ultimo appuntamento alle ore 21.30 allo Spazio Tramontana con la performance musicale tratta dal libro “La fabbrica onirica del suono” per Feltrinelli di e con Sergio Algozzino a cura di Una marina di libri.

PROGRAMMA PER BAMBINI A CURA DELLA LIBRERIA DUDI

Il ricchissimo cartellone per bambini e ragazzi è organizzato come ogni anno dalla Libreria Dudi di Palermo, vincitrice a giugno del premio Andersen 2021 come migliore libreria per ragazzi d’Italia. Il primo appuntamento è alle ore 17.30 con la presentazione del libro “Giovanni e Paolo e il mistero dei Pupi”, edito da DeAgostini, e l’intervento delle autrici Rosalba Viola e Alessandra Vitellaro e del procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio. Si proseguirà alle ore 19:00 con il consueto spettacolo di inaugurazione che quest’anno vedrà come protagonista uno dei personaggi più famosi della letteratura per l’infanzia. “Pinocchio in mezzo al mare”. Liberamente tratto da “La filastrocca di Pinocchio” di Gianni Rodari. A cura di Gisella Vitrano. Voce narrante e marionettista Stefania Ventura e con Marcella Vaccarino, Dario Muratore e Gisella Vitrano. Oggetti di scena di Petra Trombini. Dopo mille avventure ed incontri magici Pinocchio finisce in mezzo al mare alla ricerca del suo caro babbo. Nel buio ventre del Pescecane, si imbatterà in un Tonno filosofo che gli consiglierà di fare come lui, aspettare rassegnato che si compia il suo destino, quello di essere digerito. Ma è proprio lì che il burattino intravede una luce, seppur lontana, e trova la forza e lo spirito di reagire e crescere.

Le Edizioni Museo Pasqualino a “Una marina di libri”

Giovedì 16 settembre, ore 17.30: “Dendrolatrie. Miti e pratiche dell’immaginario arboreo”. Intervengono: Giuseppe Barbera, Giulia de Spuches, Alessandro Casula, Igor Spanò e i curatori (Dino Ranieri Scandariato, Carlo Andrea Tassinari, Gioele Zisa). Modera Rosario Perricone.

L’Antropocene è l’epoca in cui l’essere umano, diventato una forza geologica, spariglia le carte del sapere tra scienze umane e naturali. È quanto invita a fare anche il fenomeno delle dendrolatrie.
Diffuso in ogni luogo e in ogni epoca, il culto degli alberi testimonia come il mondo arboreo abbia plasmato modi di vivere e di pensare, venendone a sua volta trasformato. Per scavare nella complessità di questo scambio, il volume raccoglie i frutti del dialogo tra un gruppo interdisciplinare di ricercatrici e ricercatori che esplorano l’immaginario arboreo in tre direzioni: quella degli studi sulla memoria e sul patrimonio contemporaneo; quella dell’antropologia e della storia delle religioni antiche; e quella della critica estetica, marxiana e decoloniale dei cultural studies.

Sabato 18 settembre, ore 18.30: “Carota sulla Luna”, di Alessia Franco, illustrazioni di Gabriele Genova – in collaborazione con Dudi. Intervengono: Simonetta Trovato, Tiziana Martorana, l’autrice.

Ogni volta che può, Carota e la zia Agata passano del tempo insieme e tutto diventa straordinario. Con la zia, la bimba condivide la passione per i racconti, per il parco, per i cuscini morbidi e per la bicicletta, con cui vanno in giro per la città. E, naturalmente, anche il colore dei capelli.
Un giorno, però, la bambina si ritrova a un noiosissimo convegno, “trascinata” dalla zia Agata, e si mette a girare per la stanza. Non si tratta di una stanza come tutte le altre, perché è popolata da pupi e marionette. Lì, Carota incontra Astolfo, e questa volta è lui a dovere essere aiutato. Soffre di vuoti di memoria, e si sa che esiste un solo luogo dove trovare quello che si è perso: sulla luna. Così, la bimba parte a bordo del fido Ippogrifo sulle tracce della memoria di Astolfo. E, insieme a questa, troverà, sulla luna, una valanga di emozioni da restituire agli abitanti della Terra.

Domenica 19 settembre, alle ore 20: “Omero, Pirandello, Buttita, Consolo”. Intervengono: Salvatore D’Onofrio, Salvatore Ferlita, Franco Giorgianni. Modera Rosario Perricone.

Vissuti in epoche e luoghi in parte diversi, gli autori evocati nel titolo di questo volume sono accomunati, oltre che dal riferimento alla Sicilia, dalla capacità di inscrivere personaggi ed eventi della vita quotidiana nell’orizzonte del mito. Pervasi come sono dalle logiche di mitizzazione del quotidiano e dall’avvolgente quotidianità del mito, i testi di Omero, Pirandello, Buttitta, Consolo presentano, come molti altri, gli stessi tratti della letteratura mitica: la ridondanza, e più precisamente la triplice ripetizione in cui si articolano spesso i racconti di tradizione orale; il doppio livello di significazione, che consente di trascorrere dal testo al contesto etnografico; la presenza di enigmi, il cui scioglimento consente al lettore di prendere la giusta distanza dalle sue emozioni per ricongiungersi ai percorsi più intimi del narratore.

DARIO FLACCOVIO A UNA MARINA DI LIBRI

Doppio incontro sabato 18 insieme a due autori best seller della casa editrice: Gaetano Basile e Salvo Piparo. Si comincia con Gaetano Basile, ospite del festival, sabato 18, alle 17, allo Spazio Tramontana. L’autore dialoga con Mario Azzolini sul libro “La Vita in Sicilia al tempo degli Emiri”: un viaggio nell’Isola felice al tempo della dominazione araba. Sempre sabato, alle 19, sul palco centrale, Spazio Maestrale, Salvo Piparo presenta il suo fortunato “Scordabolario”, un dizionario insolito e creativo delle “palore” palermitane – come le chiama – perdute e riattualizzate dall’attore e cuntista palermitano. Sul palco, insieme a Piparo, Mario Azzolini, Vito Discrede e un ospite speciale, Valentino Picone, cui seguiranno tanti altri ospiti e amici a sorpresa.

Pamela Villoresi a Una marina di libri il 18 settembre

“Salis e l’Equilibrio dei Regni”della scrittrice Daniela Morelli (Edizioni Piuma) approda a Una marina di libri. L’autrice sarà sul palco con l’attrice e direttrice del Teatro Biondo Pamela Villoresi, che leggerà l’incipit del libro. Sabato 18 settembre alle ore 17.00 a Palermo, presso Villa Filippina.

Novità Corrimano: Le vite private, tre racconti di Henry James

Corrimano Edizioni partecipa alla dodicesima edizione di Una marina di libri con un nuovo libro in catalogo: Le vite private di Henry James.

Un maggiordomo spodestato, uno scrittore che coltiva la biforcazione di sé stesso, il camerino di un teatro condiviso magicamente da un albergo e da un castello. Sono vite private quelle che racconta Henry James e che Corrimano Edizioni ha raccolto nel nuovo libro della collana Baltimora.

I tre racconti sono trainati da personaggi-osservatori che studiano i diagrammi di certe realtà e di certe mistificazioni, rischiando di finire incastrati tra gli assi cartesiani. La struttura delle frasi e la dinamica dei paragrafi sono la mappa di un territorio promiscuo.

Come scrive Fabrizio Coscia nella postfazione, questi racconti rappresentano il momento in cui la scrittura di James assume forme e intenzioni nuove, segnando un congedo dall’età del realismo. C’è del surreale in queste storie, vite sdoppiate tra pubblico e privato. Nel racconto più lungo, La vita privata, James ci mette di fronte ad un paradosso esistenziale: da un lato l’uomo che sembra esistere solo nella sua dimensione pubblica e mondana, dall’altro lo scrittore che ha bisogno di annullarsi come uomo per dare vita alla sua opera.

Henry James (1843-1916) è uno dei più grandi autori americani di sempre. Grazie ai suoi romanzi, ai suoi racconti e ai suoi saggi, è diventato un faro per diverse scrittrici e diversi scrittori di primissimo piano (da J. D. Salinger a T. Capote a J. Updike, da I. Murdoch a A. Byatt a J. C. Oates). Tra i suoi capolavori ricordiamo Ritratto di signora, Il carteggio Aspern, Le ali della colomba, Gli ambasciatori.

Il Coordinamento Palermo Pride a Una Marina di Libri

Anche quest’anno il Coordinamento Palermo Pride collabora al festival dell’editoria Una Marina di Libri. Tra libri, talk, proiezioni e incontri anche per bambini in collaborazione con la Libreria Dudi il Coordinamento Palermo Pride ha partecipato al programma della manifestazione sin dal primo giorno. Giovedì alle 21.30 c’è la proiezione del film “Pride: anni ’70: l’avanguardia della lotta”. All’evento interviene Giuseppe Cutino di Famiglie Arcobaleno. Venerdì gli appuntamenti sono con i libri e sono due: alle 17:30 la presentazione di “Il delitto di Giarre. 1980: un caso insoluto e le battaglie del movimento Lgbt+ in Italia” di Francesco Lepore (Rizzoli) e intervengono Maria Di Carlo, Giuseppe Di Salvo, Claudio Fava, Massimo Milani, Paolo Patanè e Luigi Carollo. Insieme a Uaar, unione atei e razionalisti italiani alle 18.30 si presenta il libro “Codice Europeo della Libertà di Non Credere” e partecipano l’autrice Silvia Baldassarre, Giorgio Maone e Mirko Pace. Nella giornata conclusiva di domenica invece gli appuntamenti sono tre: alle 11.30 la conversazione “Cantico dell’abisso – Scoprire convivere serenamente con la propria omosessualità e con la decisione di diventare transgender” dal libro “Cantico dell’abisso” di Ariase Barretta (Arkadia), con Luigi Carollo ed Eugenia Nicolosi. Alle 17:30 insieme a Libreria Dudi c’è incontro per docenti e genitori dedicato all’inclusione a partire da “Una scuola arcobaleno. Dati e strumenti contro l’omotransfobia in classe”, il volume di Giulia Selmi e Valeria Roberti (edizioni Settenove) e intervengono Gilda Terranova e Luigi Carollo. Infine domenica alle 20 il palco centrale della manifestazione ospita un dibattito su un tema di grande attualità: “Ddl Zan: le parole da non dire”: due le opinioni a confronto, quella di Daniela Dioguardi e quella di Massimo Milani che dialogano con la moderazione della giornalista Flavia Fratello.

MSF al Festival “Una Marina di libri”

Nell’ambito del Festival “Una Marina di libri”, venerdì 17 settembre, dalle ore 21:30, il gruppo di volontari di Medici Senza Frontiere (MSF) di Palermo organizza la presentazione del libro “Le Ferite” edito da Einaudi in occasione dei 50 anni di MSF. Beppe Ciaccio, volontario del gruppo di Palermo, dialogherà con Evelina Santangelo, scrittrice palermitana e una delle autrici del libro, e con alcuni membri del team di progetto MSF in Sicilia che racconteranno le attività svolte nella regione. 

Bonfirraro Editore a Una marina di libri con I gialli di venerdì 17

Bonfirraro editore partecipa alla dodicesima edizione di “Una marina di libri”, un’occasione per incontrare i lettori dopo i lunghi mesi di ferma dovuti alla pandemia, nel corso dei quali la casa editrice ha proseguito la sua attività sul web animando incontri, seminari e presentazioni digitali. 
Bonfirraro ha voluto far incontrare gli ultimi romanzi pubblicati nella collana “Giallonero” con i “Cold Case” de La Repubblica Palermo. Saranno Pietro Esposto, Valerio Musumeci e Roberto Leone a far scoprire cosa si nasconde dietro la costruzione di un “caso” da risolvere e dietro il genere letterario “giallo” tanto amato dai lettori. L’incontro, I gialli di venerdì 17, si terrà venerdì 17 settembre alle ore 19, presso lo spazio Libeccio di Villa Filippina. A intervenire, anche l’editore Salvo Bonfirraro.

“Gli appetiti del Pangolino” a “Una Marina di Libri”

La casa editrice Edizioni Ex Libris sarà presente a Palermo alla manifestazione “Una Marina di libri con la presentazione del libro “Gli appetiti del Pangolino – Storie di colpe, ingiustizie, rivalse”; l’appuntamento con i lettori è programmato per sabato 18 settembre alle ore 16.00, presso lo “Spazio Mezzogiorno” di Villa Filippina; saranno presenti Antonina Nocera, Lavinia Spalanca e Carlo Guidotti, modererà l’incontro Margherita Ingoglia. Il volume si compone di cinque racconti firmati da autorevoli personaggi del campo della cultura nazionale quali Alessio Arena, Fabrizio Catalano, Concita Guastella, Antonina Nocera e Lavinia Spalanca; la prefazione è stata affidata al giornalista ed editore Carlo Guidotti. In questi cinque racconti il protagonista è un pangolino, anzi, il Pangolino, additato da molti come causa di trasmissione del terribile coronavirus. Il pangolino, nella realtà, è un piccolo mammifero probabilmente timido e innocuo ma è associato ad una delle tante, forse inverosimili, cause del contagio che ha causato la pandemia. Nelle storie narrate, ebbene, proprio il pangolino assume il simbolo delle colpe, delle ingiustizie sociali e della voglia di rivalsa e di riscatto su una società che, troppo frettolosamente, sa solo accusare i più fragili, senza porsi troppe domande e senza interrogarsi su se stessa. Tra il serio e il faceto, suscitando sentimenti diversi e contrastanti fra le varie pagine, il Pangolino assumerà sempre forme diverse, conducendo il lettore, forse tra una risata e una lacrima, ad una profonda riflessione su noi stessi.

CORRELATI

Ultimi inseriti