sabato, 22 Giugno 2024
spot_img
HomeculturaUna donna tra i 20 e i 50 anni vissuta nel periodo...

Una donna tra i 20 e i 50 anni vissuta nel periodo greco-romano è la mummia egizia riscoperta al Museo Salinas

In programma anche visite guidate sabato 23 settembre al Museo Salinas e Riso

Per quanto i secoli possano scorrere, quando è tempo che una storia esca dalle pieghe della memoria, niente riesce a fermarla. Il ritrovamento che lega la civiltà egizia a Palermo è una di queste: ha aspettato, pazientemente, di essere raccontata. Dai depositi del Museo Salinas, tra i reperti non esposti al pubblico, è stata “riscoperta” una testa mummificata – frammento della sapiente arte dell’antico Egitto – portata a Palermo nel XIX secolo, oggi studiata e presto esposta.

Il ritrovamento sarà presentato per la prima volta venerdì 22 settembre, alle 17.30 al Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas, diretto da Caterina Greco, con l’intervento di Selima Giorgia Giuliano, soprintendente ai Beni Culturali di Palermo, e Laura Anello, presidente della Fondazione Vie dei Tesori.

Lo studio e le indagini sono state affidate all’antropologo siciliano Dario Piombino-Mascali, ispettore onorario della Regione Siciliana per il patrimonio mummificato, ricercatore capo della Facoltà di Medicina dell’Università Vilnius, Lituania e docente di paleoantropologia alla Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università del Salento.

“Il ritrovamento di questa prestigiosa testimonianza nei depositi del Museo Salinas e il suo studio permettono di affermare, ancora una volta – dice l’assessore regionale ai Beni Culturali, Francesco Scarpinato – che la Sicilia non è seconda a nessuno per i tesori che custodisce, le cui storie, come in questo caso, sono di estremo interesse. Uno studio decisivo non soltanto perché ha permesso di verificare l’autenticità dei resti, attribuendoli alla civiltà egizia, ma perché ha anche consentito di individuare l’età e il sesso della persona a cui la testa è appartenuta, i materiali utilizzati e il periodo in cui venne mummificata”.

Un reperto che ritroverà molto presto il suo ruolo di primo piano, come afferma la direttrice del Museo Salinas, Caterina Greco: “La riscoperta dei resti di una mummia nei nostri depositi rivela come le ricche collezioni storiche offrano di continuo nuovi importanti spunti di ricerca e di conoscenza del patrimonio culturale esposto al pubblico. Insieme ad altri materiali di origine egiziana, la mummia andrà infatti ad arricchire il nuovo allestimento della pietra di Palermo, che costituirà un importante capitolo del percorso espositivo del museo”.

Dall’antico Egitto a Palermo: la storia del reperto

Ma com’è approdata una testa mummificata ai tempi degli antichi egizi a Palermo, per poi essere stata quasi dimenticata nei secoli?

Per quanto possa apparire strano oggi, il reperto venne donato nel 1870 dall’abate Antonio Pietro Paternosto, direttore spirituale dell’Istituto Vittorio Emanuele II, che lo acquisì durante le sue peregrinazioni in Africa. Un “dono” che non deve però stupire se inquadrato in tempi in cui la Sicilia pre- e immediatamente post-unitaria era fortemente affascinata dalle antiche civiltà del Nilo.

Gli studi per verificare l’autenticità della testa mummificata sono partiti proprio dalla storia e dall’evoluzione della pratica dell’imbalsamazione nell’antico Egitto.
Nel 2022, anno dell’ispezione, il ritrovamento appariva parzialmente scheletrizzato e ricoperto da tessuti molli e bendaggi impregnati di resina.
“La presenza di una chiara doratura visibile su uno degli strati di lino ne indicava la cronologia, con ogni probabilità riferibile al periodo greco-romano. Tanto le fasce quanto l’aspetto della testa – afferma Dario Piombino-Mascali – sembravano quindi deporre in favore di un reperto autentico, compatibile con i trattamenti imbalsamatori tipici della cultura egizia”.

Gli studi di tipo morfologico, finalizzato a osservarne le caratteristiche antropologiche, hanno poi suggerito informazioni relative al sesso e all’età: la testa mummificata è appartenuta infatti a una donna tra i 20 e i 50 anni.

“L’indagine radiologica condotta in situ – continua l’antropologo – ha inoltre permesso di notare la presenza di abbondante resina intracranica, mentre lo studio chimico ha consentito di identificare, almeno in parte, alcuni degli ingredienti usati per l’imbalsamazione del defunto”.

Eccoli: estratti di cedro dell’atlante, una conifera della famiglia delle Pinacee, mescolati ad altre sostanze possibilmente di origine vegetale e in parte anche animale, usate in abbondanza nel periodo storico in questione. Le tracce di zolfo rinvenute potrebbero inoltre indicare la presenza di bitume, che sarebbe responsabile del colore particolarmente scuro del composto.
Il teschio imbalsamato che dall’antico Egitto approdò a Palermo, sfidando il tempo e la memoria, diventa dunque patrimonio visibile e condiviso: e forse non è un caso che abiti proprio nel museo che di un grande innovatore come Salinas porta il nome.

Dario Piombino-Mascali. Dopo aver collaborato con l’Istituto per lo studio delle mummie di Bolzano, fondato per monitorare il celebre Uomo del Similaun, l’antropologo Dario Piombino-Mascali è diventato ricercatore di biologia delle popolazioni all’Università baltica di Vilnius, e ha insegnato e condotto indagini negli atenei di Messina, Catania, Cranfield, Oxford e Tartu. Ispettore onorario dei beni culturali della Sicilia, ha studiato resti umani curati in numerosi musei del mondo, dal Vaticano all’Ungheria, passando attraverso le Filippine e l’Ucraina. È anche perito scientifico per la ricognizione delle reliquie cattoliche e cura le celebri Catacombe dei Cappuccini di Palermo.

GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO

Al Salinas e al Riso visite guidate sabato 23 settembre

Alla scoperta di due importanti musei cittadini, al costo di 1 euro soltanto. Per le Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days) il Museo Archeologico Salinas e il Museo regionale d’Arte Moderna e Contemporanea organizzano delle speciali visite guidate ispirate al tema di quest’anno Living Heritage, scelto dal Consiglio d’Europa e condiviso dai Paesi aderenti alla manifestazione: un invito a riflettere sul patrimonio culturale immateriale inteso come sinonimo di patrimonio “vivo”.

Al Museo Archeologico Salinas, un appuntamento è stato pensato per i bambini: alle 19 è previsto “Un giorno da artigiano. Alla riscoperta del mondo antico attraverso i reperti del museo archeologico Salinas”. Dopo un interessante percorso di visita che si concentrerà su alcuni aspetti della cultura e della vita quotidiana degli antichi Greci, i bambini potranno realizzare dei piccoli manufatti in argilla, ispirandosi a quelli osservati nelle sale del museo.

Costo attività 5 euro – ingresso al museo al costo simbolico di 1 euro (escluse le gratuità previste per legge). 

Alle 19.30 visita guidata sul tema Patrimonio InVita: nel percorso di visita nelle sale espositive del museo più antico della Sicilia, saranno messi in luce i valori culturali, le tradizioni, le pratiche e i modi di vivere del passato, elementi che ancora oggi servono a creare profondi legami tra il riconoscere, salvaguardare e promuovere i beni del patrimonio culturale immateriale allo scopo di condividerli e trasmetterli alle generazioni future. Un percorso didattico che affronta inoltre il tema dell’importanza delle operazioni di tutela e di conservazione, restauro e trasmissione.  Alla fine della visita, attenderà il pubblico un calice di vino nel chiostro del Museo.

Costo attività + calice di vino 8 euro;  

Costo solo attività 5 euro +  ingresso al costo simbolico di 1 euro (escluse le gratuità previste per legge).  

Al  Museo regionale d’Arte Moderna e Contemporanea sempre sabato alle 19.30 CoopCulture propone un ciclo di visite guidate, con un approfondimento sulla nuova collezione “Percorsi di memoria”: il nuovo allestimento recupera opere già in possesso del museo che ritornano ad essere nuovamente fruibili, il patrimonio torna in vita, riprende lo slogan europeo “Living Heritage”.

Costo attività 5 euro – ingresso al costo simbolico di 1 euro. (escluse le gratuità previste per legge).

CORRELATI

Ultimi inseriti