sabato, 20 Aprile 2024
spot_img
HomeevidenzaPalermo irriconoscibile al Barbera. La Ternana si impone con un 3 a...

Palermo irriconoscibile al Barbera. La Ternana si impone con un 3 a 2

Quella di questa sera al Barbera è stata una partita da dimenticare subito. Brutta prestazione dei rosanero che fanno una figura pessima davanti a 27.404 tifosi presenti (dati forniti dalla società ndr.).

Difesa inesistente, attacco evanescente e centrocampo non pervenuto. Con un comportamento così non abbiamo dove andare, troppi errori soprattutto in difesa. I tifosi in rete hanno coniato il termine di “ceccaronite“, nel senso che la squadra è stata colpita da questa nuova sindrome. Il termine è presto spiegato, i goal realizzati degli ospiti sono nati dalla poca attenzione che oggi il giocatore in questione ha dato in campo.

Peccato dopo cinque vittorie casalinghe consecutive arriva la prima sconfitta al Barbera di quest’anno.

E dire che la partita era iniziata con i padroni di casa proiettati in area avversaria con molta decisione, al 6° minuto Brunori colpisce la traversa. In precedenza “u picciriddu”, al secolo Traoré, oggi schierato dal primo minuto, compie due azioni degne di un calciatore di alto livello.

Mentre i palermitani sono intenti ad attaccare, con veemenza, cosa fa la Ternana? Al 10° minuto, errore di Ceccaroni in difesa, Raimondo, lanciato, offre un pallone d’oro al compagno Peireiro che di destro manda la palla all’angolino basso dove Pigliacelli non può arrivare. Palermo 0 – Ternana 1.

La Ternana prende coraggio e va vicino al raddoppio tre minuti dopo con Pyyhtia, lasciato tutto solo, sul suo tiro ci mette una pezza Pigliacelli.

Al 19° Lund realizza uno splendido goal dalla trequarti, il suo tiro si insacca sotto l’incrocio. Palermo 1 – Ternana 1.

Il tiro di Lund che si insacca all’incrocio dei pali

I rosso-verdi, tentano più volte di realizzare il goal del vantaggio, ma per nostra fortuna non riescono a insaccare la palla nella nostra rete.

Al 29° è il turno di Ranocchia, ma il su tiro viene neutralizzato da Iannarilli, portiere degli ospiti.

Continua la gara tra le due squadre a chi sa rendersi più pericolosa, ma il primo tempo si chiude sul risultato di parità 1 a 1. Per quello che si è visto in campo – risultato giusto.

Il secondo tempo vede gli ospiti farsi più pericolosi dalle parti di Pigliacelli.

Al 13° comincia il valzer dei cambi: fuori Lund e Traoré, dentro Aurelio e Di Francesco. Con l’uscita dal campo di Traorè i tifosi gli rendono omaggio, infatti “u picciriddu” si è comportato bene, non si capisce perché Corini lo abbia fatto uscire.

Con questi cambi è cambiato nulla? Poco o niente. Infatti al 19° è la Ternana che segna il raddoppio con Pyyhtia (il suo primo goal in campionato – ma tutti qua segnano il loro primo goal? Si vede che Palermo porta bene agli avversari). Palermo 1 – Ternana 2.

Altri cambi per i rosanero, in precedenza anche la Ternana aveva effettuato dei cambi: al 73° escono Di Mariano e Segre ed entrano Isigne e Soleri.

Manco passa un minuto e la Ternana che fa? Realizza il suo terzo goal con Raimondo, indovinate quale difensore ha favorito l’intervento di Raimondo? Ceccaroni? Indovinato, oggi non è proprio la sua giornata. Palermo 1 – Ternana 3.

Il Palermo come reagisce? In maniera raffazzonata e confusa, infatti non si rende mai pericolosa dalle parti di Iannarilli.

Al 37° ultimo cambio peri i rosa: entra Vasic fuori Diakité. Questo cosa comporta? Che, il Palermo diventa a trazione anteriore: Vasic fa il terzino, Ranocchia il mediano e Di Francesco, Soleri, Brunori e Insigne fanno gli attaccanti. Tutto questo riassetto produce qualcosa? Stendiamo un velo pietoso, che è meglio. I rosanero sempre più imbambolati.

Al 50°, quando già il Barbera si stava svuotando, cross di Brunori a cercare Soleri, Iannarilli in confusione e pallone che termina in rete. Goal fortuito? Basta che la palla entri nella rete avversaria è sempre un bel goal. Palermo 2 – Ternana 3.

Forte delusione di tutta la tifoseria, non si può essere sconfitti in questo modo con una compagine che lotta per non retrocedere. Se si vuole fare il salto della staccionata, è inammissibile perdere dei punti preziosi. Altro che salto della staccionata, qua si è fatto il salto della quaglia.

Forza Palermo sempre e comunque, io ci credo e continuerò a crederci.

Prossimo appuntamento con il campionato sabato 2 marzo alle ore 14:00 con: Brescia -Palermo.

N.B. Le foto sono tratte dalla pagina Facebook del Palermo FC.

CORRELATI

Ultimi inseriti