Monreale: solo congetture sui rifiuti da parte dell’Assessore Salvatore Grippi

A Monreale è stato un intervento del Consigliere Comunale Giuseppe Lo Coco (Alternativa Civica) a costringere alla risposta ed a un, secondo i suoi personali parametri, chiarimento, l’Assessore Salvatore Grippi, titolare delle delega alla gestione dei rifiuti, delega conferitegli dal Sindaco Alberto Arcidiacono, non sappiamo bene a fronte di quali competenze specifiche, dal momento che sul sito del Comune non è riportato, come sarebbe a nostro avviso utile, il curriculum dello stesso.

Lo Coco ha evidenziato poca trasparenza da parte del Comune sugli introiti relativi al conferimento dei rifiuti differenziati e la presa d’atto che i Centri più piccoli, un po’ a giustificare il quasi-fallimento della raccolta differenziata nella Città un tempo normanna, riescono più facilmente a controllare il territorio e più energicamente a giungere alle più rilevanti percentuali di conferimento rispetto quelle che, almeno sino ad oggi, sul territorio monrealese, restano solo una chimera

l’assessore Salvatore Grippi ha dichiarato in Aula Consiliare, nel corso del Consiglio dello scorso 18 dicembre, di aver preso atto della migliore attività di raccolta differenziata da parte dei Comuni più piccoli, affermando comunque che l’Amministrazione ha creato una struttura per controllare il servizio, al fine di valutare se l’attività dell’Impresa incaricata sia idonea e che questa, quando si sono rilevate incongruità, è stata prontamente sanzionata.

Grippi ha poi espresso auspici positivi nei confronti dell’Impresa “Ecolandia”, la quale ha di recente attivato la sua opera sul vasto rerritorio monrealese, tanto a spingersi sino al punto di dichiarare che l’Amministrazione ha le potenzialità per giungere al 65% di raccolta differenziata, ma secondo il nostro parere è solo una utopia.

Sempre lo stesso Grippi, il quale, come sopra evidenziato, ha rilevato le “sanzioni alla ditta”, non ha invece posto l’attenzione e nulla ha dichiarato, su quanto dal sottoscritto più volte rilevato e cioè, per essere generosi, la deludente attività di controllo da parte della Polizia Municipale e l’assoluta ineducazione di gran parte dei Cittadini, specie quelli appartamenti alla fascia dei più anziani, i quali di differenziare proprio non ne vogliono sapere e che, addirittura, sono avvezzi, al calar della sera e ben conoscendo gli orari di servizio della, a nostro avviso, poco incisiva Polizia Municipale, a gettare i rifiuti per strada e spesso, fatto anacronistico ed assolutamente sconcertante, lanciandoli direttamente dai loro balconi e terrazze, senza nemmeno fare la fatica di scendere le scale.

Ho più volte denunciato alla Stazione Carabinieri, trovandomi ad essere testimone oculare di indebiti conferimenti e di lanci di spazzatura, come sopra detto, direttamente dai balconi alla strada e, addirittura in una occasione, dell’incredibile vicenda che ha visto colpito ad una spalla un Operatore Ecologico, il quale, alla 6 del mattino, aveva iniziato il suo lavoro nella centrale Via Antonio Veneziano che dista non più di 200mt dal celebrato e controllato, da telecamere e dalle Forze dell’Ordine, Duomo.

L’assessore, ha poi finto di non conoscere un secondo e ben grave problema, ovvero quello legato alla “migrazione” verso Palermo dei rifiuti di Monreale e delle sue Frazioni, a cominciare da quelli che si muovono da San Martino delle Scale a Villaciambra.

Questi sono tutti fatti ben noti a molti Cittadini, i quali, stufi del silenzio delle Istituzioni, cominciano timidamente a ribellarsi, scrivendo i loro post sulle pagine Facebook dei quotidiani on line locali, ma guardandosi bene, come consuetudine in loco, di andare a denunciare quanto a loro conoscenza, non comprendendo che la loro “omertà” provoca, non solo l’impunità di chi trasgredisce le regole, ma anche l’innalzamento della tassa sui rifiuti che si ripercuote su tutti gli abitanti, anche i più virtuosi.

Riportiamo di seguito alcuni di commenti dei Cittadini “Andate dietro a chi fa sbarazzi” scrive G.N. – “sottolineo all’Ass. Grippi che la AVSDTS Sicilia si è proposta al Comune di Monreale con ben 7 unità di videosorveglianza che siamo dei volontari e che avremmo piacere di discutere nella sede opportuna con lei e con il Sindaco, saremmo ben lieti di essere ricevuti per fare il punto della situazione” scrive M.P. – “Abbiamo i numeri ma manca la buona volontà da parte dei cittadini….controllate le frazioni che ricadono in più territori, come Malpasso e Villaciambra, dove alcuni incivili continuano a conferire a Palermo”  scrive G.M. – “L‘inciviltà regna sovrana. Un territorio sommerso dalla spazzatura” scrive R.C. solo per citarne alcuni.

A queste aggiungerei le minacce che subiscono coloro i quali, sottoscritto compreso, si permettono di scrivere e denunciare alla Forze dell’Ordine quanti vengono colti a conferire indebitamente e che rischiano, come accaduto a me ed a mia moglie che abbiamo denunciato i fatti alla Stazione Carabinieri, l’aggressione da parte dei trasgressori, i quali, in periodo di pandemia, non ci pensano due volte ad affrontarti fisicamente, non rispettano il distanziamento ed evitando, peraltro, di far il giusto uso delle mascherine, uso del quale, a Monreale, bisognerebbe scrivere una inchiesta giornalistica a parte.