venerdì, 24 Maggio 2024
spot_img
HomesocialeIncendi: prevenzione con telecamere che rilevano il fumo a distanza, ecco un...

Incendi: prevenzione con telecamere che rilevano il fumo a distanza, ecco un nuovo hub formativo a Palermo

Un nuovo hub formativo di Hikvision a Palermo: inaugurato il centro di 900 metri quadri del colosso della video sorveglianza, al fianco delle istituzioni per la sicurezza delle città e dei territori. Pronta ad espandersi al Sud e ad assumere nuove risorse

Un nuovo hub, di ben 900 metri quadri, con un’aula da cinquanta posti, un ledwall di quattro metri per tre, collegato ad una lavagna interattiva e 21 demo board con prodotti funzionanti del colosso della video sorveglianza e sicurezza, Hikvision, ha aperto i battenti a Palermo in Viale Lazio, 30/b negli spazi che negli anni Novanta furono occupati da Blockbuster. Lo spazio che è stato inaugurato questa mattina alla presenza del sindaco di Palermo, Roberto Lagalla, dell’assessore regionale ai Trasporti, Alessandro Aricò, all’assessore comunale all’Innovazione tecnologica, Antonella Tirrito, non sarà dedicato alla vendita di prodotti ma ai rapporti con la Sicilia, alla consulenza alle istituzioni e ai privati sulla sicurezza e sulle innovazioni nel settore, a vantaggio della sicurezza delle città e dei territori.

Le tecnologie a vantaggio della sicurezza dei territori e la prevenzione degli incendi

Tra le innovazioni del colosso mondiale quotato alla Borsa di Shenzhen, illustrate questa mattina, oltre alla video sorveglianza in cui è leader e agli schermi interattivi, ci sono le telecamere termiche in grado di rilevare gli incendi a chilometri di distanza, anche soltanto dal fumo, le control room per viabilità e circolazione, i sistemi per la regolazione e totale automatizzazione dei grandi parcheggi pubblici. «L’intelligenza artificiale – ha spiegato il general manager di Hikvision ItaliaMassimiliano Troilo – ormai consente l’intervento autonomo delle telecamere quando necessario, senza la presenza h24 di un essere umano, a tutto vantaggio della privacy. Hikvision Italia è passata da un fatturato pari a zero nel 2012, a 100 milioni di dollari nel 2022, a fronte dei 13 miliardi di Hikvision nel mondo. Palermo è la settima filiale che apriamo in Italia, la seconda al Sud, dopo Bari. Abbiamo preso degli uffici molto grandi perché puntiamo ad espanderci, ad assumere nuove risorse e a portare le nostre conoscenze».

Il sindaco, Roberto Lagalla: “Favorire gli investimenti di innovazione, tecnologia per la sicurezza dei cittadini”

«Credo che la Sicilia abbia dimostrato, come in altre parti di Italia e del mondo, che il rischio di incendio costituisca un pericolo reale per le persone e per le cose. È nella stessa linea il potenziamento della tecnologia e delle scelte adottate dal Comune di Palermo, che sta predisponendo la sua control room – ha commentato il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla -. Credo che la Regione Siciliana e il Comune insieme dovranno tenere in particolare considerazione elementi tecnologici come quelli che vengono proposti in questo momento rispetto all’allarme antincendio. È qualcosa di cui discuteremo insieme alla Regione, nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, per favorire gli investimenti di innovazione, tecnologia per la sicurezza dei cittadini.

L’assessore regionale ai Trasporti, Alessandro Aricò: “Evoluzione tecnologica fondamentale per la sicurezza delle nostre strade”

«L’importanza dell’evoluzione tecnologica oggi è fondamentale, non soltanto per la sicurezza delle nostre città ma anche e soprattutto per la sicurezza delle nostre strade – ha commentato l’assessore regionale ai Trasporti, Alessandro Aricò -. E va integrata, soprattutto, nel campo dei trasporti. Già il governo regionale e l’assessorato stanno lavorando in tal senso, per la sicurezza dei viadotti delle strade, delle autostrade, ma anche per il trasporto integrato per la mobilità dei siciliani e di tutti gli utenti. Parliamo di strade ferrate, di treni, di traghetti, aliscafi e di tutti i mezzi su gomma che la Regione Siciliana sovvenziona ogni anno con i propri contratti di servizio che devono parlare tra di loro sia per la sicurezza di trasferirsi da un lato all’altro della Sicilia, sia per una confidenza per i titoli di viaggio».

[Comunicato stampa + foto]

CORRELATI

Ultimi inseriti