mercoledì, 19 Giugno 2024
spot_img
HomeevidenzaIl Palermo contro la Spal non va oltre il pareggio

Il Palermo contro la Spal non va oltre il pareggio

Termina 1 a 1 la partita giocata oggi allo stadio Meazza di Ferrara tra la Spal e il Palermo.

Partita equilibrata tra le due formazioni allenate l’una da Corini l’altra da De Rossi. Primo tempo più vivace, infatti entrambe le reti sono state segnate nella prima parte del gioco.

Comunque tutto sommato la partita è stata gradevole, entrambe le squadre hanno giocato per vincere, ma giusto è stato il pareggio.

Comincia nel primo tempo ad attaccare la formazione di casa, il Palermo risponde dopo vari minuti proiettandosi nell’area della Spal con convinzione.

Ma i primi a segnare sono stati i bianco-azzurri al 9° minuto con Biagio Meccariello che ha effettuato un tiro al volo sullo sviluppo di un calcio d’angolo, nulla ha potuto Pigliacelli. Bel goal, soprattutto perché è stato segnato da un difensore.

Al 23° altro pericolo per la porta dei rosa ma, per fortuna, Gomes sulla linea manda il pallone alle stelle in calcio d’angolo. Sempre Gomes al 27° con una discesa veloce calcia dalla trequarti un tiro forte che termina purtroppo sopra la traversa. Finalmente un tiro da fuori area. Spero che nel proseguo del campionato di questi tiri se ne vedano di più, a forza di provare prima o dopo il goal arriva.

Al 30° ci prova Di Mariano, uno dei migliori dei palermitani, ma il suo tiro termina troppo alto.

Finalmente al 32° il solito Matteuccio Brunori, il nostro goleador, realizza uno splendido goal. Riceve in area una palla da Di Mariano, il suo tiro termina sul palo e continua la sua corsa dietro le spalle di Enrico Alfonzo (portiere della Spal).

Matteo Brunori

Piccola nota: l’arbitro, signor Marco Di Bello di Brindisi, diciamo che è stato un tantino casual: sia nel primo che nel secondo tempo ha estratto innumerevoli cartellini gialli, sia all’una che all’altra formazione. Cartellini che a mio parere sono stati eccessivi e poi alcune sue decisioni arbitrali sono state un po’ così, casual, appunto.

Secondo tempo: al primo minuto De Rossi sostituisce il portiere, in quanto Alfonzo si è infortunato, e al suo posto entra Demba Thiam.

Al 47° bella azione dei bianco-azzurri, La Mantia scheggia la traversa.

Al 56°, su calcio di punizione, Stulac si fa deviare dalla barriera il suo tiro che sfiora la traversa. Peccato.

Al 57° il contropiede la Spal che per poco non fa male al Palermo. Ottimo Pigliacelli che para e manda il pallone fuori.

Comincia poi il solito valzer dei cambi, da entrambe le parti, ma il gioco non ne risente per nulla.

Al 66° ci riprova Brunori, ma il suo colpo di testa è troppo debole e facile preda di Thiam.

Al 78° viene annullato un goal di Vido per fuorigioco di Sala che aveva calciato verso la porta.

Segue poi un batti e ribatti da parte di entrambe le formazioni, ma niente più azioni pericolose.

Il pareggio non cambia la classifica nè per la Spal, a un solo punto dal fondo classifica, nè per il Palermo che rimane ad una sola lunghezza dai playout.

Non ci rimane che attendere la partita di domenica prossima, 18 dicembre alle ore 18:00 al Barbera contro il temibile Cagliari, che attualmente si trova a due lunghezze sopra i rosanero, per vedere se ci sarà una buona prestazione dei rosa-nero che ci porti finalmente un risultato pieno in maniera da risalire la china.

Certo una cosa è innegabile, non ci possiamo affidare ai soli goal di Brunori, ma gli altri ragazzi che fanno? Quando si decideranno ad andare in rete anche loro? C’è bisogno di un impegno più concreto da parte di tutti i giocatori sia in campo sia in panchina. Alcuni di loro mi sembrano demotivati, un esempio per tutti Soleri, che lo scorso campionato entrando quasi sempre a partita iniziata è andato più volte in rete. Ma se questo ragazzo viene impiegato solamente per un quarto d’ora, non ha il tempo di carburare e si vede lontano un miglio che è per questo che è demotivato.

Altro esempio: Valente che oggi ha sviluppato un bel gioco. Il suo impiego sulla fascia sinistra ha dato più spinta al gioco, mentre Sala dall’altro lato ha un pò zoppicato, peccato.

La spinta sulle ali è essenziale, nello scorso campionato è stato questo che ci ha permesso di vincere molte partite. Mister Corini accetta questo piccolo consiglio da questo tifoso sfegatato: favorisci il gioco sulle fasce. Il gioco centrale è molto prevedibile dalle squadre avversarie che ormai ci conoscono e giustamente si chiudono impedendo al nostro attacco di andare in goal. Grazie E’ Un Genio, come mi piace chiamarti.

Forza Palermo sempre e comunque, io ci credo e continuerò a crederci.

N.B. Le foto sono tratte dal sito del Palermo FC.

CORRELATI

Ultimi inseriti