domenica, 16 Giugno 2024
spot_img
HomeletterareaI riti della Settimana Santa in Sicilia tra fede, mito, devozione e...

I riti della Settimana Santa in Sicilia tra fede, mito, devozione e spettacolo nel libro di Miceli e Ballarò

Alla scoperta dei più bei riti della Settimana Santa attraverso il libro La Pasqua in Sicilia

L’opera La Pasqua in Sicilia: Un itinerario storico, iconografico e religioso della
Settimana Santa nell’isola
, edito da Bonfirraro, ci accompagna in un viaggio lungo tutta l’isola siciliana alla scoperta, alla conoscenza e alla valorizzazione del suo patrimonio storico, artistico, culturale e, naturalmente, di fede. Oltre 150 comuni coinvolti, e circa duecento foto che rappresentano la Settimana Santa in Sicilia realizzate da fotografi professionisti.
Gli autori, Francesco Daniele Miceli e Francesco Luca Ballarò, mossi dalla volontà di
recuperare il forte legame tra l’uomo e le sue tradizioni, riprendono all’interno di un unico
testo centinaia di “Settimane Sante” e “Pasque” siciliane mostrando come la stessa terra, a
seconda del luogo e delle sue celebrazioni, possa apparire così diversa in poche ore: un’isola da vivere e vedere sempre con occhi nuovi.

Per questo Bonfirraro editore ha deciso di pubblicare quest’opera, in collaborazione con l’associazione Rubrica Sicilia che promuove la Sicilia.
Disponibile nelle migliori librerie e gli store on line dal 21 marzo, il libro verrà presentato dopo Caltanissetta, Militello Val Di Catania, Pietraperzia, ed Enna, l’1 aprile a Palagonia, e giorno 5 aprile Catania.

Nove itinerari, uno per provincia, verso la scoperta dei più bei riti della Settimana Santa
siciliana in una Via Crucis collettiva con al centro la presenza costante di Maria Addolorata,
simbolo femminile indiscusso di questi giorni, trafitta da un pugnale.

Dalle storiche confraternite di Enna alle grandi Vare di Caltanissetta, dai misteri di
Trapani ed Erice alle Varette di Messina e Barcellona Pozzo di Gotto, dalle maschere
dei diavoli di Prizzi, dai colorati costumi dei Giudei di San Fratello ai Babbaluci (o
babbaluti) e incappucciati di numerosi altri comuni. In riferimento all’opera, il team di
Rubrica Sicilia, ci esorta ad affrontare questo viaggio ribadendo che «La Sicilia: dobbiamo
amarla, conoscerla, salvaguardarla, proteggerla… divulgare la sua storia e i suoi riti!».

«Proprio in momenti di grande incertezza, come quello che stiamo attraversando, la fede e la religiosità vengono in soccorso – dice l’editore Salvo Bonfirraro – Questo è il momento di
aggrapparci anche alle tradizioni autentiche, come quelle legate ai riti pasquali della Sicilia e che troviamo nel libro raccontare La Pasqua in Sicilia. Un libro che siamo davvero contenti
di aver pubblicato, in collaborazione con i ragazzi di Rubrica Sicilia con i quali abbiamo
lavorato per oltre un anno per realizzare un’opera di notevole importanza, e che consegniamo ai lettori nella speranza che possa riaccendere non solo la devozione religiosa, ma anche la curiosità di riscoprire luoghi e costumi che appartengono alla memoria collettiva, di un’isola in cui la Pasqua è così sentita e che vale la pena di conoscere, rispettare, valorizzare».

Un testo completo dunque che travalica i confini del mero racconto facendosi analisi religiosa, storica, etnoantropologica. Un’indagine completa che include canti, detti e preghiere (Lamenti, lamentanze) ma anche dolci e piatti tipici (agnello pasquale, uova, cassata, spina santa, taganu).

Oltre 150 comuni e più di 40 fotografi coinvolti. L’opera, grazie ai contributi
fotografici, diventa un documento unico da tramandare alle generazioni future, oltre che
soddisfare la sete di bellezza dei siciliani e di chi siciliano non è.

Gli autori
Francesco Daniele Miceli: Nisseno, maestro di scuola primaria e regista di teatro, si è
occupato negli anni di ricerca etnostorica. Pubblica diversi titoli di teatro, musica per bambini e ragazzi con le edizioni Paoline.
Francesco Luca Ballarò: Ennese, laureato con lode presso l’Università di Catania in Storia e Cultura dei Paesi Mediterranei dell’ateneo catanese con una tesi antropologica sul carattere sociale delle feste religiose ennesi e siciliane, insegna materie letterarie, storiche e filosofiche presso gli istituti secondari di I e II grado.

CORRELATI

Ultimi inseriti