giovedì, 1 Dicembre 2022
spot_img
HomePalermoCovid, dal 9 maggio chiude l'area tamponi dell'aeroporto Falcone Borsellino di Palermo

Covid, dal 9 maggio chiude l’area tamponi dell’aeroporto Falcone Borsellino di Palermo

Domenica 8 maggio, dalle 8 alle 20, sarà l’ultimo giorno di attività dell’area tamponi all’aeroporto “Falcone Borsellino” di Palermo. 

Aperta a ottobre 2020, l’area di mille metri quadrati nei locali della vecchia aerostazione – con una batteria di 8 postazioni per i prelievi – ha elaborato finora 342.800 tamponi rapidi gratuiti, con referto consegnato in 15 minuti, per i viaggiatori in transito (arrivi/partenze da Italia/Europa) dallo scalo aero palermitano. Con la fine dello stato di emergenza e le nuove regole per viaggiare, l’area Covid test, dove hanno lavorato squadre di medici, infermieri e ausiliari, sarà svuotata e il servizio sospeso.

Da lunedì, infatti, all’aeroporto di Palermo non si faranno più tamponi rapidi antigenici.

“L’area dedicata ai test ha rappresentato un passo importante nella lotta al Covid19 — dice Giovanni Scalia, amministratore delegato di Gesap – L’aeroporto di Palermo si è adeguato velocemente agli standard di sicurezza richiesti durante la pandemia, e lo spazio dedicato ai prelievi ha garantito controlli gratuiti a tutti i passeggeri in transito. Un risultato importante, raggiunto grazie all’intesa e alla stretta collaborazione con la struttura commissariale, Asp di Palermo, Usmaf, assessorato regionale della Salute e con tutti gli enti che operano in aeroporto”.

Una volta terminata l’attività sanitaria, la zona delle vecchia aerostazione sarà riqualificata. Nei prossimi mesi, infatti, saranno sviluppati i progetti per la nascita di un albergo e del terminal per voli di aviazione generale.

“Sono stati due anni di attività molto intensa, e per questo ringraziamo la Gesap – dice Renato Costa, commissario per l’emergenza Covid-19 di Palermo – Nell’area, riconosciuta come snodo centrale per lo screening, abbiamo avuto punte di venti medici a turno e, in alcuni casi, sono stati effettuati tremila tamponi al giorno. Un lavoro incessante che è servito a contenere i contagi e a rendere il viaggio in aereo più sicuro. Comunque – conclude Costa – la struttura commissariale potrà dare sempre supporto immediato con le postazioni mobili”.

CORRELATI

Ultimi inseriti