venerdì, 9 Dicembre 2022
spot_img
HomeSiciliaA Milo sorgerà la statua di Lucio Dalla e Franco Battiato

A Milo sorgerà la statua di Lucio Dalla e Franco Battiato

Sarà Placido Calì, 43 anni, originario di Acireale, a realizzare la statua raffigurante Lucio Dalla e Franco Battiato, omaggio della città di Milo ai due cantautori che più di chiunque altro hanno portato lustro al piccolo comune pedemontano.

L’artista, selezionato dalla Pro Loco di Milo, promotrice dell’iniziativa, è stato presentato nei giorni scorsi alla stampa, nel Museo Virtuale cittadino, alla presenza del presidente dell’ente turistico, Alfredo Cavallaro, del sindaco di Milo, Alfio Cosentino, del presidente dell’Unpli, Antonino La Spina, del presidente dell’Unpli provinciale, Giuseppe Sanfilippo, del capitano pilota Antonello Calabrese e del primo luogotenente Carmelo Savoca, dell’Aeronautica Militare di Sigonella, del vice presidente della Fondazione Unimprese, Giuseppe Spadafora, e del comandante della Stazione dei Carabinieri di Sant’Alfio, il luogotenente Salvatore Toscano.

“Il progetto nasce due anni fa – spiega Alfredo Cavallaro, presidente della Pro Loco di Milo – dall’idea di realizzare una statua che raffigurasse Lucio Dalla, scomparso dieci anni fa. Nel frattempo ci lascia anche Franco Battiato e il progetto si trasforma. Pensiamo così di realizzare una statua che rappresenti entrambi gli artisti, a fianco ad un pianoforte. La statua verrà collocata nella piazza Belvedere di Milo e sarà interattiva. A realizzarla sarà Placido Calì su bozzetto dell’artista Gianfranco La Pira. Speriamo – conclude Cavallaro – di riuscire ad avere la partecipazione anche di altri sponsor istituzionali”.

La miniatura dell’opera, svelata nel corso della conferenza stampa, ha ottenuto consensi unanimi.

La statua, che sarà collocata in piazza nell’estate 2022, vedrà Lucio Dalla seduto al pianoforte, con lo sguardo rivolto verso il mare, e Franco Battiato all’impiedi, con lo sguardo verso l’Etna.

Sarà la Fonderia Nolana di Nola, in provincia di Napoli, officina artistica specializzata in opere scultoree da quattro generazioni, a realizzare materialmente l’imponente monumento che raggiungerà l’altezza di 1 metro e 85 centimetri, corrispondente all’altezza del maestro Franco Battiato, e la lunghezza di 1 metro e 45 centimetri, corrispondente alle dimensioni del pianoforte.

“L’opera verrà realizzata in bronzo – ha spiegato l’artista Placido Calì, già autore di altre opere – e avrà grandezza reale. Sono onorato di realizzarla per un comune molto vicino a dove opero io. Ho un laboratorio ad Acireale e quindi è molto importante per me lasciare un segno nella mia terra”.

Il progetto ha già ottenuto il patrocinio del Comune di Milo, dell’Unpli, del Parco dell’Etna, della Fondazione Lucio Dalla di Bologna ed il parere favorevole della famiglia Battiato.

“Per Milo è una cosa molto importante – ha dichiarato il primo cittadino Alfio Cosentino – Per questo ringrazio la Pro Loco che si è fatta promotrice di questa bellissima iniziativa. Sono sicuro che ne risentirà positivamente tutta la comunità”.

“Non potevamo mancare oggi – ha detto il presidente dell’Unpli, Antonino La Spina – davanti al coraggio di una Pro Loco, come quella di Milo e del suo presidente Alfredo Cavallaro, che ha immaginato un’opera per rendere omaggio a due grandissimi personaggi che hanno dato lustro a quest’area e che meritano di restare in questa bellissima piazza a Milo per tutti coloro che vorranno venirli a visitare”.  

**

Milo, in arrivo la statua dedicata a Franco Battiato e Lucio Dalla. Il 12 agosto 2022 la presentazione in piazza Belvedere 

Cresce l’attesa a Milo (CT) per l’arrivo della statua in bronzo, a grandezza naturale, raffigurante Franco Battiato e Lucio Dalla, i due musicisti di casa nel piccolo comune pedemontano. Venerdì 12 agosto, alle ore 20, verrà presentata nella centralissima piazza Belvedere “Giovanni D’Aragona”, nel corso di una cerimonia inaugurale condotta dal presentatore Ruggero Sardo. Saranno presenti, tra gli altri, il presidente della Pro Loco di Milo, Alfredo Cavallaro, lo scultore dell’opera, Placido Calì, il critico e storico dell’arte Paolo Giansiracusa, il sindaco di Milo, Alfio Cosentino, il segretario particolare dell’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo Manlio Messina, Alberto Cardillo, il presidente della Fondazione Lucio Dalla di Bologna, Andrea Faccani, il presidente dell’Unpli, Unione Nazionale Pro Loco d’Italia, Antonino La Spina, il presidente del Parco dell’Etna, Carlo Caputo, ed il vicepresidente di Unimpresa, Giuseppe Spadafora. 

A farsi carico della realizzazione della statua, nata dall’esigenza di dar concretezza ad un sentimento popolare sviluppatosi nella comunità milese dopo la scomparsa di Franco Battiato, è stata la Pro Loco di Milo, grazie all’idea, all’impegno e alla perseveranza del presidente Alfio Cavallaro e del vicepresidente Giovanni Strano. Grazie al socio Gianfranco La Pira, medico e poliedrico artista, l’idea ha preso forma con la realizzazione di un bozzetto su carta, che di fatto ha dato il via all’iniziativa. Successivamente sono stati analizzati i lavori di diversi artisti locali e, dopo le necessarie valutazioni, è stata scelta la proposta scultorea dell’artista acese Placido Calì che ha realizzato l’opera presso la Fonderia Nolana, officina artistica di Nola (CE).

L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio del Comune di Milo, dell’assessorato regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, dell’Unpli, Unione Nazionale Pro Loco d’Italia, del Parco dell’Etna, di Unimpresa e della Fondazione Lucio Dalla di Bologna. In occasione della serata verranno esposte anche le foto più significative delle varie fasi di realizzazione della statua.  

CORRELATI

Ultimi inseriti