sabato, 23 Ottobre 2021
spot_img
HomeSiciliaZone Franche Montane: si torna al camper di Irosa per sensibilizzare il...

Zone Franche Montane: si torna al camper di Irosa per sensibilizzare il Parlamento

SINDACI E COMITATO TORNANO AL PRESIDIO DI IROSA DOPO LO STOP A CAUSA DELLA ZONA ROSSA. DOMENICA SI TORNA A SENSIBILIZZARE IL PARLAMENTO

La battaglia per l’istituzione delle Zone Franche Montane di Sicilia continua e dopo l’interruzione del presidio dettato dall’entrata in zona rossa della Sicilia, domenica 7 febbraio si torna al camper di Irosa.

I 133 sindaci coadiuvati dal comitato promotore della legge tornano a presidiare lo svincolo di Irosa, per sensibilizzare i deputati di Camera e Senato affinché accolgano le loro istanze, e lo fanno con un flashmob oggi (alle 11) quando al presidio saranno disposte 133 sedie con altrettante fasce tricolore da sindaco appoggiate dai rappresentanti dei comuni sulle sedie. L’evento sarà seguito in diretta streaming da Grifo Tv sui canali social facebook.com/grifeowebtv.

Il 26 gennaio era stata calendarizzata in commissione finanza e tesoro del senato la discussione sulle ZFM che avrebbe dovuto definire l’iter in sede redigente, appuntamento andato in fumo con il sopraggiungere della crisi di governo in corso.

«Abbiamo fiducia nel Presidente della Repubblica Sergio Mattarella – dicono dal Comitato – una guida sicura per far uscire l’Italia da questa crisi politica. Le terre alte di Sicilia non possono più aspettare, hanno bisogno dell’immediata approvazione di una fiscalità di sviluppo che permetta di guardare al futuro con fiducia e di attrarre nuovi investimenti».

Le 133 comunità interessate rappresentano un terzo della Sicilia, chiedono un sostegno concreto, «La situazione era drammatica già prima della pandemia – continuano dal Comitato – tra spopolamento, giovani in fuga, servizi essenziali non garantiti, strade non sicure e imprese che chiudono. Adesso con l’emergenza sanitaria viene meno anche il turismo, una leva fondamentale. Abbiamo bisogno di questa legge per continuare a sperare che i nostri comuni possano sopravvivere».

Ieri, invece, il Comitato ha incontrato i referenti delle banche di credito cooperativo siciliane, componenti essenziali del progetto di vita comune che si sta cercando di costruire in Sicilia.

CORRELATI

Ultimi inseriti