Secondo incontro cittadino – la pedonalizzazione del Centro Storico al dibattito

Il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, l’Assessore alla Mobilità Giusto Catania, il Direttore della Fondazione UNESCO Prof. Aurelio Angelini  e il Movimento “Nuovo Senso Civico”, rappresentato dal Presidente Giuseppe Giammalva, sono solo alcuni dei nomi degli intervenuti all’assemblea cittadina tenutasi ieri pomeriggio alle 15:00, alla Biblioteca Nazionale “Alberto Bombace” della nostra città. Si è trattata della seconda assemblea cittadina in sette giorni per lo stesso motivo:”Il Centro Storico di Palermo”.Assemblea1

L’iter è stato speculare all’ Assemblea precedente di Palazzo delle Aquile dello scorso Lunedì: i cittadini e gli esercenti accorsi riscaldano vivacemente l’aria, già ben poco respirabile, frapponendosi alle proposte che provengono dal tavolo dei moderatori o degli Amministratori. Tra i primi a prender parola il dottor Angelini, che sottolinea l’importante opportunità che a Palermo viene offerta di venire eletta Patrimonio Culturale UNESCO. Ma una battuta tra le file dei cittadini intervenuti lo arresta: “Perché mai questa dovrebbe essere un’occasione? Quale turista dovrebbe mai arrivare qui? E per cosa, poi? Per i negozi chiusi dalle conseguenze della pedonalizzazione?!”.

Assemblea4È il caos, di nuovo. Il Sindaco Orlando, appena accorso, cerca di riportare la calma nella Sala Lettura della Biblioteca, scelta per l’evento. Si decide di far parlare i cittadini. Uno per volta, sfilano davanti ai loro rappresentanti e discutono le proprie idee.

C’è la sensazione – dice qualcuno seduto tra il pubblico –  che tutto sia già stato deciso: che il piano di pedonalizzazione, previsto per il prossimo Giugno, sia ormai cosa fatta e che le loro opinioni non siano rilevanti alla discussione del progetto.

Lo sostiene, al microfono, l’ambasciatore Michele Martinez, che invita a prudenza e dialogo. A salvaguardare gli interessi del cittadino, prima di tutto.

Applausi e segni d’incoraggiamento accompagnano le voci di chi aborre un provvedimento che, dicono, lederebbe al commercio e alle esigenze dei residenti.

“Cosa si conclude?” Chiedono da più parti, ma “Una decisione così non può esser presa dalla sola Amministrazione. Né in quattro e quattr’otto nè in Assemblea  mentre gli animi sono ancora così caldi”.Assemblea2

Da parte dell’Amministrazione si formaòlizza l’istituzione di una Commissione di Lavoro Mista, formata dai rappresentanti dell’Amministrazione Comunale stessa e dalle parti sociali e istituzionali, aventi entrambe l’unico obiettivo di giungere, mediante un dettagliato esame delle multiformi problematiche recentemente affrontate, a un comune e condiviso risultato, che possa soddisfare le esigenze di tutti nella prospettiva di una vera ed efficace valorizzazione del Centro Storico.

“Accogliamo positivamente – dichiara Filippo Virzì, Responsabile dell’Ufficio Stampa dell’Ugl in Sicilia, la volontà di condividere da parte del Comune di Palermo, un percorso congiuntamente a tutte le associazioni, le forze sociali, i residenti e i commercianti, che porti alla stesura di un piano di mobilità che tuteli il patrimonio e la vivibilità del cittadino, oggi di fatto seriamente compromessa, dalla mancanza di servizi, infrastrutture e igiene”.

“Conciliare le due fazioni non sarà facile, – ci dicono da “Movimento Nuovo Senso Civico”, fortemente interessato al tramite tra i cittadini e le autorità – “Ma noi ci impegneremo al massimo. Cercheremo di far valere le ragioni dei palermitani più che potremo, non lasceremo in pace gli Amministratori”.

 

Print Friendly, PDF & Email