martedì, 25 Giugno 2024
spot_img
HomesportPallanuoto, finale per il terzo posto: il TeLiMar cede il primo round...

Pallanuoto, finale per il terzo posto: il TeLiMar cede il primo round all’Ortigia

Nella sfida per il terzo posto in Campionato, il TeLiMar Palermo cede il primo round al Circolo Canottieri Ortigia. Alla piscina Paolo Caldarella di Siracusa finisce 16-9 per i padroni di casa.

Gli aretusei sono più lucidi in attacco e riescono ad approfittare di qualche difficoltà degli avversari, dovuta in parte anche al forte vento. Dopo il break iniziale di 4-0, reagisce il Club dell’Addaura. Nonostante la poca concretezza in fase di uomo in più, i ragazzi del Presidente Giliberti restano a breve distanza dai biancoverdi fino allo strappo dell’ultimo periodo di gioco.

Sabato alle 18,30, davanti a 450 tifosi, il TeLiMar avrà l’occasione di pareggiare i conti per giocarsi l’accesso ai preliminari di LEN Champions League alla bella.

LA CRONACA
La sblocca Di Luciano dopo un paio di azioni non concretizzate da entrambe le parti. Gli aretusei raddoppiano con Cassia in superiorità. Il TeLiMar ha l’occasione di accorciare, ma il tiro dai cinque metri di Irving finisce sulla traversa alle spalle di Tempesti. Ne approfittano i padroni di casa, che con Rossi in extra player chiudono il primo periodo con un break di 3-0.
Prosegue il momento buono dei biancoverdi, che si portano sul 4-0 in avvio della seconda frazione con la rete di Rossi su uomo in più. Arriva la reazione del Club dell’Addaura, che con un gran tiro di Irving dal lato cattivo a uomini pari accorcia le distanze. Ribatte due volte Ferrero, la prima volta in superiorità, la seconda beffando tutta la difesa avversaria per il 6-1. Ci pensa Hooper con determinazione a suonare la carica per i palermitani, mentre sulla Caldarella si alza il vento. Bravi gli aretusei a sfruttare ancora un uomo in più con Andrea Condemi, a cui, però, rispondono Occhione dai due metri e Vitale in più per il 7-4. Sul finale del secondo tempo, Ciccio Condemi allunga sull’8-4 prima dell’intervallo lungo.
Al cambio vasca, dopo una traversa di Irving, è Cassia a segnare un eurogol a pochi secondi dalla fine dell’azione in attacco. Gli aretusei vanno in doppia cifra con Carnesecchi su uomo in più. Con rabbia Irving accorcia concretizzando il secondo extra player per i palermitani. Restano concentrati gli uomini di Piccardo, che allungano con Ferrero sull’11-5. In ripartenza, furbizia di Hooper che scarica su Vitale, a metterla dentro per l’11-6. Ancora TeLiMar, con Giliberti in superiorità per l’11-7. Qualche polemica sul finale, con un colpo subìto al viso da Pericas, non visto dagli arbitri. Sul prosieguo, dopo il time out chiesto dai palermitani, gol su uomo in più non convalidato agli uomini di Baldineti.
Batti e ribatti negli ultimi 8’ di gioco, con Ciccio Condemi e Hooper, entrambi in superiorità. Poi, lo strappo decisivo di Ferrero con un no look a uomini pari e con un assist per Rossi. Ancora Ortigia con Ciccio Condemi, per il 15-8 in superiorità. A chiudere l’incontro, Di Patti e Di Luciano entrambi in extra player fissano il risultato sul 16-9.  

«Una sconfitta così netta con ben sette gol di scarto – commenta il vicecapitano del TeLiMar Fabrizio Di Patti – non rispecchia la realtà dei fatti. Pur essendo l’Ortigia un grande team, lo siamo anche noi. Oggi, però, ci è mancata la giusta grinta. Oltre alla preparazione fisica e tecnica, in queste partite ci vuole anche la giusta dose di cattiveria, che non abbiamo saputo dimostrare. Lavoreremo in questi giorni per giocare al meglio gara 2 di fronte al nostro pubblico. E faremo di tutto per arrivare alla bella».

Marcello Giliberti, Presidente TeLiMar: «Motivo di grande orgoglio per il TeLiMar, per Palermo e per l’intera Sicilia giocare questa finale Scudetto play-off per il terzo e quarto posto, portando la nostra Isola nell’Olimpo della pallanuoto. E tutto ciò in questo periodo di straordinaria sofferenza, a causa del malfunzionamento degli impianti natatori e della carenza di risorse finanziarie. Andando al match di oggi, grande prestazione dell’Ortigia, che ha strameritato la vittoria. Noi siamo stati veramente scadenti, sia in attacco che in difesa, andando a -5 già nel secondo tempo, quindi mai in partita. Abbiamo certamente pagato gli infortuni di Johnny Hooper e di Andrea Giliberti, rientrati in acqua appena ieri, dopo otto giorni di recupero, ma, indipendentemente da ciò, tutta la squadra non ha girato, spesso non applicando gli schemi di coach Baldineti. Sono, però, sicuro che, da qui a sabato, sapremo ricaricarci, per dimostrare a gara 2, che giocheremo in casa sabato 20 maggio alle ore 18,30, il nostro reale valore, che non è quello visto oggi in acqua».

Campionato di pallanuoto maschile di Serie A1 – Finale 3°/4° posto – gara 1 – Circolo Canottieri Ortigia vs TeLiMar 16-9
CC Ortigia: Tempesti, Cassia 2, Carnesecchi 1, Condemi A. 1, Di Luciano 2, Velkic, Ferrero 4, Giribaldi, Condemi F. 3, Rossi 3, Vidovic, Napolitano, Ruggiero – Allenatore: Stefano Piccardo
TeLiMar: Jurisic, Del Basso, Vitale 2, Di Patti 1, Giorgetti, Hooper 2, Giliberti 1, Pericas, Lo Cascio, Occhione 1, Lo Dico, Irving 2, Washburn – Allenatore: Marco Baldineti
Arbitri: Attilio Paoletti e Fabio Ricciotti – Delegato: Claudio Marchisello.

CORRELATI

Ultimi inseriti