domenica, 16 Maggio 2021
spot_img
HomePalermoPalermo zona rossa, restano chiuse le ville comunali. Prenotazioni anche per i...

Palermo zona rossa, restano chiuse le ville comunali. Prenotazioni anche per i cimiteri

Con il perdurare della “zona rossa” correlata all’emergenza pandemica, le ville comunali a Palermo continueranno a restare chiuse.

D’intesa con il sindaco, l’assessore con delega a Ville e Giardini, Antonino Costumati, comunica che da lunedì 12 aprile sarà autorizzato l’accesso libero per disabili anche senza prenotazione.

Viceversa, su prenotazione, con ingresso contingentato in automatico dal sistema, sarà garantito l’accesso per i minori di età inferiore a 14 anni accompagnati.

Ville e giardini interessati

Saranno interessati dal provvedimento il Giardino Rosa Balistreri (ex roseto viale Campania), il Giardino Zisa, il Parco Piersanti Mattarella (Giardino all’inglese), Villa Falcone Morvillo, Villa Garibaldi, Villa Giulia, Villa Trabia e Villetta Tricoli (via Giovanni Campolo 54)

Gli interessati potranno effettuare la prenotazione seguendo le istruzioni dal seguente link: https://www.comune.palermo.it/prenotazione-servizi-online.php

***

Prenotazione servizio cimiteri

L’accesso ai tre cimiteri comunali dei Cappuccini, Rotoli e Santa Maria di Gesù è consentito solo su prenotazione.

Il provvedimento resterà in vigore fintanto che perdurerà la decretazione di “zona rossa” correlato all’attuale emergenza pandemica.

La prenotazione potrà essere effettuata – attraverso il portale dei servizi on-line del Comune: https://www.comune.palermo.it/prenotazione-servizi-online.php  – compilando un apposito form. 

Ogni prenotazione potrà essere effettuata per un massimo di quattro componenti.

***

“La nuova zona rossa per la provincia di Palermo è mortale per il tessuto economico già debole di suo. I commercianti e gli esercenti sono al limite dell’esasperazione”. Così il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, in riferimento all’ordinanza che dispone la zona rossa in tutti i Comuni della Città metropolitana di Palermo a partire da domenica 11 e fino a giovedì 22 aprile.

“In questa situazione – aggiunge – non è accettabile che il commissario per l’emergenza Covid, Renato Costa, dica che la zona rossa è stata suggerita al presidente Musumeci “nonostante non ci fossero i numeri per sostenerla”, aggiungendo che questi numeri comprendono anche i dati degli immigrati di Lampedusa e di quelli sulle navi”.

“Adesso, poi, è arrivato il colpo di grazia con la chiusura di tutta la provincia. Voglio conoscere i numeri e sapere chi decide – ribadisce -. E per questo ho chiesto alla presidente della commissione Sanità dell’Assemblea, Margherita La Rocca Ruvolo, l’immediata convocazione dei responsabili dell’assessorato. Vorrò essere io stesso presente per valutare le scelte che sono state adottate”, conclude il presidente.

CORRELATI

Ultimi inseriti