venerdì, 14 Giugno 2024
spot_img
HomePalermoPalermo. Via Cuba sommersa dai rifiuti. Botta e risposta tra Moncada e...

Palermo. Via Cuba sommersa dai rifiuti. Botta e risposta tra Moncada e Marino

Continua la querelle tra il presidente della IV circoscrizione, Silvio Moncada, e quello della Rap, Sergio Marino. Oggi Moncada ha rappresentato i disagi e la protesta dei residenti di via Cuba, angolo via Rosario Salvo, per lo stato in cui versa la strada sommersa dai rifiuti .

“Da una settimana – dice il presidente della IV Circoscrizione Silvio Moncada –  chiedo al presidente della Rap, Sergio Marino, di intervenire e, ieri, ho inoltrato le foto della discarica al sindaco Orlando, senza ottenere risposta. Da anni chiedo una soluzione per la presenza costante della discarica a cielo aperto che si forma nella zona, nessuno però ha mai dato seguito alle soluzioni proposte da questa Circoscrizione. Il management della Rap è inadeguato: nonostante le promesse di miglioramento dei servizi, acquisto di mezzi nuovi e riorganizzazione aziendale i risultati sono nulli. Faccio un appello al sindaco – conclude Moncada – affinché provveda alla sostituzione dell’intero cda Rap, a cominciare dal presidente Marino, totalmente inadeguato a questo incarico!”.

A quanto dichiarato da Moncada, il presidente della Rap ha replicato:

“Spiace apprendere per mezzo stampa che il presidente della quarta  circoscrizione Silvio Moncada continua, ancora una volta, a rivolgersi all’ azienda con toni forti e astiosi.  L’azienda  ha più volte dimostrato – spiega il presidente della Rap Sergio Marino –  una notevole attenzione nei confronti del territorio della quarta circoscrizione avviando, in ultimo, una iniziativa pilota di sperimentazione, unica nel territorio cittadino, di un modello di governo del territorio con il coinvolgimento di tutti i cittadini, commercianti, associazioni, volto all’ utilizzo dei beni comuni e interrotta inopinatamente dallo stesso presidente”. “In riferimento ai ripetuti attacchi personali che il presidente della circoscrizione continua ad effettuare nei confronti del CDA, – aggiunge Marino – considerato che gli stessi travalicano i consueti rapporti istituzionali e che nella fattispecie risultano offensivi per i toni utilizzati, per le inesattezze riportate, il CDA della Rap annuncia che valuterà se sussistono le condizioni per sporgere querela”.
In riferimento, invece, al lamentato mancato spostamento dei cassonetti di via Cuba, il presidente Marino ricorda che si stava valutando una soluzione equa che evitasse di favorire alcuni cittadini a discapito di altri.

Nel pomeriggio Moncada è tornato all’attacco e su facebook, sul gruppo pubblico della IV Circoscrizione, ed ha contro replicato:

“È chiaro che oramai il Presidente Marino non riesce più a governare, neanche verbalmente, lo stress dovuto alla sua stessa incapacità di risolvere le questioni legate all’azienda che dirige. Aspetto con ansia la sua querela per capirne le
motivazioni. Forse non riesce a darsi pace che c’è qualcuno che mette nero su bianco il suo fallimento. Se vuole raggiungere il suo primo obiettivo da quando è presidente della rap, si dimetta subito, i palermitani gli saranno grati!”

CORRELATI

Ultimi inseriti