giovedì, 23 Maggio 2024
spot_img
HomesportPALERMO-MODENA 0-0

PALERMO-MODENA 0-0

Il 2014 inizia con un pari. Il Palermo viene fermato sullo 0-0 al “Barbera” contro il Modena: i rosanero non sono riusciti a scalfire il muro eretto dalla formazione emiliana, complici certamente le numerose defezioni che hanno colpito la capolista.

Consueto 3-5-2 per la squadra di Iachini, che si affida al tandem d’attacco Troianiello-Hernandez. In cabina di regia esordio per Maresca, affiancato da Ngoyi e Verre. Novellino risponde con un 4-4-2 che vede Stanco e Babacar in avanti.

Il Palermo prova subito a prendere in mano le redini del gioco, senza però trovare immediatamente la chiave per scardinare la difesa gialloblù. L’atteggiamento aggressivo dei centrocampisti emiliani, che si rendono protagonisti di alcuni duri interventi, rende ancora più complicato il compito dei rosanero. Al 15′ Hernandez ha comunque una buona chance per sbloccare la partita: Pinsoglio manca la presa su un bel cross dalla destra di Troianiello, la “Joya” conclude verso la porta ma Cionek salva il risultato.

Tre minuti più tardi è proprio il difensore brasiliano ad essere protagonista di un dubbio intervento in area su Munoz. Borriello sorvola ritenendo reciproche le trattenute tra i due giocatori. Dall’altra parte è Stanco a testare i riflessi di Ujkani, con un colpo di testa bloccato dal portiere rosanero in tuffo.

Con il passare dei minuti la manovra rosanero diventa più precisa. Verre sale in cattedra con una serie di ottime giocate: è lui, al 38′, a costringere Pinsoglio ad una parata a terra con un bel destro. Nel finale il Palermo ha la migliore occasione dei primi quarantacinque minuti. Ngoyi prende il tempo a Rizzo e devia perfettamente di testa un preciso cross di Daprelà: la traversa gli nega il suo primo gol in Italia. Il Modena riesce ad evitare ulteriori guai nelle retrovie, costringendo i rosanero sullo 0-0 all’intervallo.

La ripresa inizia senza cambi. All’8′ Maresca ad orchestrare la prima azione importante del secondo tempo, lanciando sulla destra Morganella. Il numero 17 salta Garofalo e serve Hernandez, che di piatto sinistro calcia fuori di poco.

Otto minuti più tardi è Samir Ujkani a salire alla ribalta con una strepitosa doppia prodezza. Il portiere kosovaro salva per due volte la porta rosanero, prima su un colpo di testa in tuffo di Molina, poi su una sfortunata deviazione aerea di Andelkovic. Sul versante opposto è invece Verre a provare a sorprendere dalla distanza Pinsoglio, senza esito.

Iachini prova a cambiare la partita attingendo alle risorse della panchina: Malele e Stevanovic sostituiscono Troianiello e Ngoyi. Novellino arretra ulteriormente il baricentro inserendo Nardini per Stanco. La difesa emiliana chiude ogni varco alle iniziative rosanero: al 30′ è proprio il nuovo entrato Stevanovic a sfruttare una combinazione tra Morganella e Maresca, mandando però la sfera sopra la traversa.

Anche Vazquez entra in campo, rilevando Verre. Il numero 20 prova a sfruttare al 37′ una sponda di Malele ma centra con il sinistro proprio l’attaccante rosanero. L’argentino ci riprova al 39′ mandando però il pallone alto dai venticinque metri. Nel finale gli uomini di Novellino riescono a stoppare le iniziative di Hernandez e compagni: il Palermo resta in testa salendo a quota 41 punti, ma nel “big match” di Empoli servirà una prova più convincente per fare risultato.

 

palermocalcio.it

CORRELATI

Ultimi inseriti