mercoledì, 28 Febbraio 2024
spot_img
HomearteMonreale: si inaugura una mostra bipersonale fra arte sacra a confronto con...

Monreale: si inaugura una mostra bipersonale fra arte sacra a confronto con l’arte contemporanea

Si inaugura mercoledì 2 agosto a Monreale (PA) una mostra bipersonale a tema sul confronto fra l’arte sacra – cattolica e liturgica – e i linguaggi dell’arte contemporanea. Un evento che apre l’esposizione “Nel segno del Sacro” e mette a confronto due artisti siciliani con il mondo teologico e accademico, per interrogarsi sulla nuova relazione tra colore, segno e forma e la comunicazione della Sacra Scrittura.

Elisabetta Maniaci ed Enzo Puleo – entrambi siciliani – sono figli di una terra intrisa di luce, di colore e di umana sofferenza. Sono artisti profondamente motivati per vivere e sviluppare, nella pienezza della fede personale, il dialogo fra l’estetica contemporanea e la Parola: entrambi attingono alle tecniche e ai materiali della modernità ma il loro sentimento è quello di diventare mezzo, strumento, linguaggio attraverso cui possa fiorire l’epifania del Sacro.

“Nel segno del Sacro” è curato da Vito Mauro e prevede, nella sede espositiva della “Chiesa degli Agonizzanti” il dibattito aperto al pubblico “Arte Contemporanea e il Sacro” presieduto da S.E Monsignor Gualtiero Isacchi, Arcivescovo di Monreale e una nutrita serie di interventi istituzionali, tra cui, l’onorevole Marco Intravaia – Deputato all’ARS, il sindaco di Monreale Alberto Arcidiacono, il sindaco di Baucina Fortunato Basile, il sindaco di Montelepre Giuseppe Terranova. Ed ancora parteciperanno: Luigi Amato – Ordinario di Estetica presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo, Don Innocenzo Bellante – Parroco di Santa Teresa del Bambino Gesù a Monreale, Don Antonino Chimenti – Parroco della Chiesa Ecce Homo di Cinisi, Don Nicola Gaglio – Arciprete Santa Maria Nuova Cattedrale di Monreale, Ciro Lomonte – Master Università Europea di Roma e Massimiliano Reggiani – Critico d’arte.

“Dibattere sulla possibile relazione fra Arte Contemporanea e Chiesa Cattolica – sottolinea il Curatore Vito Mauro – significa soprattutto sollecitare la creatività di coloro che sentono l’affinità e la vicinanza con i precetti cristiani. In un mondo policulturale e in uno Stato Laico, infatti, l’arte diventa espressione individuale e spesso scade nella mera contestazione o nel desiderio di un risultato commerciale. Il segno del Sacro, invece, è un invito al dialogo tra chi interpreta e spiega la Parola e coloro che desiderano contribuire, attraverso l’arte, a dare pienezza estetica e bellezza visiva al messaggio evangelico”.

È il critico d’arte Massimiliano Reggiani ad avere scelto questa contrapposizione solo apparente fra nuovo figurativo e pittura astratta: il tema della croce e quindi della forma umana, è il tema dominante. Il corpo umano, in cui Dio esprime la perfezione del Creato, lega le due ricerche di Enzo Puleo e di Elisabetta Maniaci coniugando tradizione e modernità. Nel commentare l’evento scrive il Critico: “L’arte contemporanea, purtroppo, grazie alla smisurata potenza dei mezzi di comunicazione è spesso diventata autoreferenziale; allo stesso tempo, per via dell’improvviso relativismo culturale che caratterizza il Novecento, ha frequentemente perduto la propria ragion d’essere diventando un mero strumento finanziario, legato al mondo delle aste e delle gallerie. È importante, invece, dare spazio ad artisti che riescano a mantenere un equilibrio tra capacità tecnica e contenuti, riconoscendo che l’arte non debba essere il proprio diario personale ma parte di un più grande disegno collettivo.

Per queste ragioni le opere di Elisabetta Maniaci e Enzo Puleo sono molto adatte per riaprire un dialogo fra la Chiesa e l’Arte, in un periodo dove mancano a questo confronto fluidità e naturalezza. L’arte Sacra, infatti, è funzionale alla Chiesa militante: le appartiene e contribuisce a realizzarla. Siamo ormai abituati ad accettare solo le meraviglie tecniche dell’architettura nella progettazione dello spazio sacro e della comunità, dando per scontato che l’arte contemporanea – sentita come ostile, ribelle e laica – non possa diventarne parte integrante.

Di tutto il Creato entrambi gli artisti hanno scelto di centrare la propria ricerca sul corpo e sul colore: la forma umana perché vertice della creazione, la luce – attraverso l’intero spettro del visibile – per il valore fortemente simbolico sia nelle Scritture che per la tradizione.

Enzo Puleo studia e rispetta l’anatomia, donando al corpo il significato di misura dello spazio, di elemento costruttivo. Il corpo, creato a Sua immagine, è la forma terrena di un frammento d’eternità. Il colore è sottointeso, rappresenta il fine, la vittoria dello spirito sui tormenti della carne, corruttibile e transitoria.

Elisabetta Maniaci mantiene del corpo la proporzione, lo fa attraverso la più crudele delle sue possibili espressioni: la croce del martirio, lo strumento che realizza l’intero disegno della Salvezza. Il colore apre alla trascendenza, accenna e svela lo spazio inconoscibile: è una porta sull’eternità”.

Tra il dibattito e l’inaugurazione vi saranno degli intermezzi musicali: Cinzia Guarino al clavicembalo e Paolo Rigano alla chitarra barocca per evidenziare la continua ricerca della bellezza che la Chiesa nei secoli ha sempre mantenuto viva, per innalzare lo spirito dell’uomo e avvicinarlo al mistero della Creazione.

ELISABETTA MANIACI e ENZO PULEO
“NEL SEGNO DEL SACRO”
Chiesa degli Agonizzanti, Piazza Guglielmo II – MONREALE (PA)

Inaugurazione mostra: mercoledì 2 agosto 2023
ore 19:30

con Dibattito sull’Arte Contemporanea e il Sacro presieduta da Sua Eccellenza Mons. Gualtiero Isacchi

INFO MOSTRA

Dal 2 agosto al 18 agosto 2023
GIORNI E ORARI: tutti i giorni, dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 17:00 alle 20:00.
Ingresso libero.

CORRELATI

Ultimi inseriti