mercoledì, 21 Febbraio 2024
spot_img
HomeculturaLampedus'amore, il Premio dedicato alla giornalista Cristiana Matano; ecco il bando dell'edizione...

Lampedus’amore, il Premio dedicato alla giornalista Cristiana Matano; ecco il bando dell’edizione 2023

TORNA IL PREMIO GIORNALISTICO “CRISTIANA MATANO" GIUNTO ALLA SUA OTTAVA EDIZIONE. Al via il progetto di formazione giornalistica e civica rivolto alla scuola secondaria di I e II grado del Comune di Lampedusa e Linosa, che si terrà in tre giornate, dal 20 al 22 marzo

È stato pubblicato sul sito www.occhibluonlus.com il bando per l’ottava edizione del Premio giornalistico internazionale “Cristiana Matano”, dedicato alla giornalista di origine campana,
ma siciliana d’adozione, prematuramente scomparsa l’8 luglio 2015 e che riposa a Lampedusa.

L’associazione Occhiblu onlus, organizzatrice dell’evento, per l’edizione 2023 ha scelto come
tema: “LAMPEDUSA, IL MEDITERRANEO E LE TERRE DI CONFINE DEL MONDO: RACCONTI DI VITA, BELLEZZA, DIRITTI E APPARTENENZA”. Il Premio è riservato ai giornalisti italiani iscritti all’Ordine e ai giornalisti stranieri autori di articoli, inchieste e servizi andati in onda e/o pubblicati su carta stampata, tv, radio, agenzie di stampa e testate online (regolarmente registrate), tra l’1 giugno 2022 e il 31 maggio 2023, termine ultimo per
partecipare al Premio.

La maggiore isola delle Pelagie, dal 6 all’8 luglio 2023, diventerà ancora una volta il luogo simbolo in cui per tre giorni si concentreranno numerosi appuntamenti che ruoteranno attorno al Premio giornalistico internazionale. Solidarietà e integrazione, musica e teatro, cultura e giornalismo, sport e letteratura saranno i temi che terranno viva l’attenzione verso l’ultimo lembo d’Italia e d’Europa, terra di frontiera, di accoglienza, di emergenze, ma anche di straordinarie bellezze paesaggistiche.
Al termine della manifestazione, saranno consegnati i riconoscimenti che, dal 2016, rappresentano un appuntamento ormai tradizionale e di successo.
Il programma completo della manifestazione sarà diffuso nella primavera del 2023.
Info: www.occhibluonlus.com.

IL BANDO

 A Lampedusa, il corso di formazione giornalistica per le scuole

Il progetto di formazione giornalistica e civica – fortemente voluto, dopo le positive esperienze degli anni scorsi, dall’Associazione Occhiblu onlus, che organizza il Premio – rivolto alla scuola secondaria di I e II grado del Comune di Lampedusa e Linosa, che si terrà in tre giornate, dal 20 al 22 marzo 2023.
Il progetto, in sinergia con il corpo docente, Amnesty International, l’Ordine dei Giornalisti e il Parlamento europeo, sarà tenuto dai giornalisti professionisti Marina Turco e Filippo Mulè, presidente dell’Associazione, a Lampedusa, con il contributo, in presenza o a distanza, di alcune personalità delle istituzioni della cultura, del giornalismo, dello sport e dello spettacolo e avrà lo scopo di introdurre gli studenti nel mondo dell’informazione.
Tra i temi trattati: il concetto della notizia e l’importanza di una corretta informazione, le insidie delle fake news, il linguaggio del web e i new media, giornalismo e violenza di genere, i fenomeni migratori che hanno proiettato Lampedusa al centro del mondo.
Al termine del corso gli studenti, con l’ausilio dei propri insegnanti, procederanno alla stesura di un articolo di circa 30 righe o alla realizzazione di un audio-video sui temi affrontati durante il seminario. Gli elaborati saranno valutati dai docenti e dai giornalisti curatori del progetto: i migliori saranno premiati in occasione della serata dell’8 luglio 2023, in cui saranno anche assegnati i riconoscimenti del Premio giornalistico Cristiana Matano.

Nel dettaglio:
20 marzo 2023, ore 9,30-13,30
Il giornalismo, il concetto di notizia e l’importanza di una corretta informazione

21 marzo 2023, ore 8,30-12,30 (orario da confermare)
Violenza di genere e informazione: aspetti, rappresentazioni e linguaggi
Saranno presenti Francesca Cesarotti e Francesca Corbo, responsabili di Amnesty International, e l’attrice Federica Sabatini, nota per avere interpretato il personaggio di Nadia nella serie televisiva Suburra.

22 marzo 2023, ore 8,30-12,30 (orario da confermare)
Raccontare l’immigrazione e le carte deontologiche per il rispetto della persona
Saranno presenti il professor Cataldo Salerno, presidente dell’Università Kore di Enna, e l’egiziano Remon Karam, giunto in Sicilia a 14 anni con un barcone: oggi, a 23 anni, è laureato in lingue e culture moderne alla Kore e lavora come mediatore culturale. In chiusura si collegherà il giovane afghano Enaiatollah Akbari, la cui storia è raccontata nel libro di Fabio Geda “Nel mare ci sono i coccodrilli”.

CORRELATI

Ultimi inseriti