Biglietti AMAT chilometrici e a prezzo scontato – La proposta della II^Circoscrizione

Palermo 05.01.2017 – Biglietti AMAT a prezzo ridotto ed agevolazioni per le fasce deboli. È quanto chiesto da parte del Consiglio della II^ Circoscrizione al Comune di Palermo. L’iniziativa è rivolta alle famiglie meno abbienti e ai diversamente abili che utilizzano il tram come mezzo di trasporto primario. Il consigliere Michele Cangelosi dichiara: “L’obiettivo è di rispettare le esigenze di coloro che non possono permettersi l’acquisto del biglietto.”

Abbonamenti speciali a carattere familiare e servizio gratuito per i disabili gravi sono alcune delle misure pensate per ridurre l’utilizzo delle auto. “Il Consiglio di Circoscrizione – dichiara il Presidente della II^ Circoscrizione, Antonio Tomaselli al GCPress. –  aveva già suggerito al Sindaco Leoluca Orlando e alle dirigenze AMAT la creazione un biglietto che, dato il prezzo ridotto, agevolasse le fasce deboli della nostra città.”

Il tram, che ha da poco compiuto un anno, ha superato a pieni voti le aspettative delle istituzioni e dei cittadini che quotidianamente ne usufruiscono come mezzo di trasporto alternativo alle auto o ai classici autobus. Proprio per questo sono state progettate altre 3 linee che entro il 2025 si uniranno alla rete preesistente.

Ad incentivare i pendolari che regolarmente usano il tram sono una serie di iniziative intraprese da Amat: solo un mese fa veniva comunicata la decisione di far viaggiare delle guardie giurate nelle linee principali che, insieme ai controllori, contrastassero il fenomeno dei “portoghesi” e garantissero la sicurezza a bordo.

“Da autista AMAT osservo ogni giorno le difficoltà che una grande parte della cittadinanza ha per l’acquisto del biglietto – dichiara al GCPress il Consigliere Michele Cangelosi – Ho pensato di intervenire proponendo delle agevolazioni dirette per le categorie più deboli della nostra città. Dare la possibilità a tutti di poter acquistare il biglietto è fondamentale: le famiglie numerose vivono un salasso nel momento in cui devono usufruire dei mezzi pubblici; riducendo il prezzo dei biglietti o proponendo abbonamenti familiari per fascia di reddito disincentiviamo l’utilizzo dell’auto in favore dei mezzi di trasporto alternativi.”

Importante è anche l’adozione di un “biglietto chilometrico”, capita spesso di assistere a scene in cui chi ha da poco obliterato il proprio tagliando, lo rivende a chi sta per salire a bordo del tram ad un prezzo ridotto: “ In tanti preferiscono non obliterare il biglietto per via del costo, specialmente coloro che lo utilizzano per poche fermate o pochi chilometri – conclude Antonio Tomaselli – Per far fronte a questo disagio abbiamo pensato alla realizzazione di un biglietto vantaggioso che consenta ai cittadini di pagare per il numero di fermate che deve effettuare.”

La mobilità cittadina ha subito una profonda variazione tra il 2015 e il 2016: tram e ZTL hanno convinto i cittadini che i mezzi pubblici possono essere efficienti.Moovit”, applicazione per smartphone che consente di conoscere la posizione in tempo reale degli autobus, ha iniziato la collaborazione con AMAT; sono numerosi i giovani che per “testare” il reale funzionamento dell’app preferiscono usufruire dei mezzi pubblici per recarsi a lavoro o all’università piuttosto che adoperare i propri mezzi.

Print Friendly, PDF & Email