BIAS 2020 sbarca in Sicilia

La terza tappa italiana della biennale internazionale “arte contemporanea sacra delle religioni dell’umanità” avrà luogo al Parco Archeologico di Lilibeo a Marsala; vernissage mercoledì 24 giugno 2020 alle ore 17,30

Inaugurazione BIAS 2020 Venezia
Inaugurazione BIAS 2020 Venezia

I riflettori della Biennale d’Arte Sacra delle Religioni dell’Umanità nella terza tappa italiana saranno puntati in Sicilia ed in particolare al Parco Archeologico di Lilibeo a Marsala. Appuntamento per tutti gli amanti dell’arte e della cultura mercoledì 24 giugno 2020 alle ore 17.30. La BIAS 2020, che rappresenta una esposizione transnazionale voluta e promossa da Fondazione Donà dalle Rose insieme con WISH-World International Sicilian Heritage e l’artista Rosa Mundi ideatrice sin dal 2009, per la sua terza edizione coinvolge ben 100 artisti provenienti da tutto il mondo.

Gli artisti sono stati selezionati per dare voce al duplice concetto tematico di Tempo e Gioco, alla luce di ciò che da sempre BIAS sostiene e promuove: l’arte quale strumento di indagine, denuncia e conoscenza, scevro di sovrastrutture e pregiudizi, capace di generare crescita collettiva, nuovi contesti espressivi e dialogo interreligioso, superando ogni pregiudizio ( #BIAS#) e barriera nazionalistica o linguistica.

Dopo il vernissage di apertura della terza edizione che ha avuto luogo il 12 giugno 2020 nella splendida location della Darsena della Marina di Sant’Elena a Venezia, sede dello Yancht Club e dello Yachting Club di Venezia, ed il 13  giugno nella magica atmosfera di Villa Barbarigo e del suo Parco Monumentale a Valsanzibio nel cuore dei Colli Euganei,  BIAS 2020 si prepara ad un turbinio di colori e oniriche atmosfere in occasione della apertura della terza sede della Biennale. I vernissage in programma sono previsti per il 24 giugno 2020 alle ore 17,30 nel cuore del Parco Archeologico del Lilibeo nella punta estrema ad sud ovest dell’Italia, a Marsala, ed il 1 luglio alle ore 18,00 con l’apertura di BIAS al MUME Museo Regionale di Messina dove sarà possibile ammirare opere di varia natura create da eclettici artisti contemporanei del panorama internazionale che hanno realizzato una importante riflessione sul tema di questa edizione “the time of game, the game of time” in un dialogo costante con il presente ed il passato e i luoghi storici in cui, per una stagione, vengono ospitati. Mentre la preview della BIAS a Marsala coinciderà con l’apertura del Parco Archeologico dopo emergenza Covid 19 con i festeggiamenti del   patrono della città San Giovanni Battista. L’artista Rosa Mundi ha organizzato per l’occasione una performance strettamente legata al ritrovamento a seguito di scavi archeologici della Venere accanto al Santo.

Si proseguirà nelle prossime aperture al Loggiato di San Bartolomeo nel magico crocevia di Palermo, il 10 luglio 2020 con la collaborazione della Fondazione Sant’Elia  e della Fondazione Sicilia e l’11 luglio alle ore 17,30 nella oramai storica sede della Fondazione Orestiadi a Gibellina Nuova, in provincia di Trapani.

«BIAS promuove un’Arte privata di visioni nazionalistiche e costrizioni geopolitiche, con l’intento di arrivare a creare e promuovere un linguaggio universale che sappia superare non solo barriere ideologiche ma anche difficoltà oggettive, come nel caso del Covid che per quanto sia stato e continui ad essere ‘evento’ durissimo da contrastare ha comunque rappresentato uno sprone, uno stimolo a non mollare. Quest’anno si parte da Venezia in un ideale viaggio attraverso l’umanità, dal Nord al Sud non solo dell’Italia ma anche del mondo, nella certezza che L’ARTE NON MUORE MAI», dichiara Chiara Modìca Donà dalle Rose, Direttrice BIAS 2020.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito bias.institute