mercoledì, 22 Settembre 2021
spot_img
HomeSiciliaBarbablùFest, la I edizione, dal 19 agosto al 4 settembre nell'area archeologica...

BarbablùFest, la I edizione, dal 19 agosto al 4 settembre nell’area archeologica di Morgantina

Un palcoscenico classico che torna ad oggi con il BarbablùFest, sostenuto dall’Assessorato regionale ai Beni culturali e all’Identità siciliana, e che parte da uno dei reperti più importanti riconsegnati alla Sicilia, la Testa di Ade (trafugata, ritrovata al Getty Museum di Malibu e restituita) ma lo si chiama in causa con il suo nomignolo affettuoso e popolare, che nasce da quei riccioli blu della barba, e che sa tanto di fiaba: Barbablù, o, come recita il mood del festival, tutto quello che la testa ci fa dire sul mito, teatro, musica e altro, in scena e, ovviamente, anche nel ragionamento. 

Nasce su questo filo, un festival che per la prima volta porta teatro, dibattito e musica nel parco archeologico di Morgantina (Enna), diretto da Liborio Calascibetta. Dal 19 agosto al 4 settembre, nei due spazi vicini all’interno del sito archeologico, l’Odeon e l’Ekklesiasterion, un cartellone fortemente voluto dall’assessore ai Beni culturali e all’Identità siciliana, Alberto Samonà, costruito dal drammaturgo e regista Giuseppe Dipasquale, da un’idea di Pietrangelo Buttafuoco. Produzione esecutiva ed organizzazione generale a cura di Terzo Millennio di Andrea Peria.

“Il mito, la tradizione, il linguaggio antico eppure contemporaneo, perché universale, del teatro – sottolinea l’assessore Samonà -. E ancora, la musica che guarda oltre, all’interno di ciascuno di noi, proprio come i libri e le narrazioni su testi e suggestioni letterarie. Non poteva debuttare in modo migliore questa prima edizione di BarbablùFest, un progetto culturale che intende sviluppare nel cuore della Sicilia centrale, a Morgantina, un ampio dibattito sulla cultura, sulla nostra identità, sul ruolo stesso della Sicilia. A partire dai linguaggi dell’arte, dalla riflessione sull’attualità e con solide radici piantate in una terra antica e unica”.

“BarbablùFest è un festival pensato per l’area archeologica di Morgantina – afferma il direttore artistico Giuseppe Dipasquale – come progetto di incontri tra le varie culture artistiche della vasta area del Mediterraneo. E’ un cantiere e un laboratorio insieme, una vetrina prestigiosa e un forum permanente per i linguaggi e le arti contemporanee, un luogo di incontro delle identità siciliane con le tradizioni culturali più diverse”.

I protagonisti e le date del BarbablùFest

Il festival segue tre direttrici principali, musica, teatro e incontri.Tanti gli artisti che si succederanno sul palcoscenico di BarbablùFest: si apre il 19 agosto con il concerto di chi per primo ha cantato il “Cocciu d’amuri” di Sicilia facendone una serenata di grandissimo successo, ovvero Lello Analfino&Tinturia per chiudersi il 4 settembre con la multietnica Orchestra di Piazza Vittorio. Tra gli appuntamenti musicali, il 27 agosto il concerto di Roberto Cacciapaglia, con il suo “Cosmos”, e un inatteso tributo a Franco Battiato di Juri Camisasca & Radiodervish, il 29 agosto. Il programma teatrale si apre il 21 agosto con Clitemnestra scritto da Luciano Violante, presidente emerito della Camera, nonché presidente della Fondazione Leonardo, con Viola Graziosi, diretta da Giuseppe Dipasquale. Il 22 agosto l’attore e regista Ninni Bruschetta e la pianista, compositrice e direttore d’orchestra Cettina Donato presentano I Siciliani. Vero succo di poesia. Il 23 agosto sarà la volta di Salvo Piparo, non comico ma moderno aedo con Un giudice come Dio comanda per presentare – con un’introduzione a viva voce di Giuseppe Sottile – il suo cunto speciale su Rosario Livatino. Ed ancora a chiudere Roberto Nobile il 25 agosto che trarrà le sue Le storie del mondo dalle Metamorfosi di Ovidio; Mariano Rigillo con Il soffio degli Dei calato nel dolore tangibile delle Troiane di Seneca, il 28 agosto; Mario Incudine, Antonio Vasta e Manfredi Tumminello per raccontare I Mille del Ponte, il 31 agosto. Chiude il teatro, Leo Gullotta, in Minnazza – miti e pagine di Sicilia, regia di Fabio Grossi il 3 settembre.

All’interno del calendario, anche una serie di incontri e presentazioni prestigiose: Maria Giovanna Maglie con il suo e-book “I Dannati del Covid”; le avventure del brillante Saverio Lamanna in “Màkari” (Sellerio) con Gaetano Savatteri; la Lectura Dantis di Aldo CazzulloBarbablùFest si occuperà anche di sondare la politica sotto la lente della letteratura (e viceversa) con numerosi appuntamenti che saranno a breve comunicati.

Gli spettacoli teatrali inizieranno alle 19,30, i concerti alle 20, e si divideranno nei due siti all’interno del Parco archeologico di Morgantina, l’Odeon e l’Ekklesiasterion.

Ingresso: 8/12 euro, acquistabili solo on line. Le presentazioni di libri e gli incontri, nel giardino adiacente al Museo di Aidone, sono ad ingresso libero. L’accesso seguirà le regole previste dalla normativa anticovid.

Il festival Barbablù con teatro e musica nell’area archeologica di Morgantina

Per conoscere il PROGRAMMA, clicca qui:

https://www.giornalecittadinopress.it/il-festival-barbablu-con-teatro-e-musica-nellarea-archeologica-di-morgantina-la-testa-di-ade-al-museo-salinas/

CORRELATI

Ultimi inseriti