domenica, 24 Ottobre 2021
spot_img
HomeappuntamentiAlex Britti al Sicilia Jazz Festival con l’OJS al Teatro di Verdura....

Alex Britti al Sicilia Jazz Festival con l’OJS al Teatro di Verdura. Il programma di oggi del Jazz Village

Uso il canale del pop per fare spazio al jazz” racconta Alex Britti, presente al Sicilia Jazz Festival come uno dei big e con un progetto inedito ed con esclusiva nazionale con l’Orchestra Jazz Siciliana i cui arrangiamenti originali e la direzione sono del Maestro Domenico Riina. Entusiasta il il cinquantatreenne chitarrista e cantautore romano di ritornare in Sicilia e di esibirsi al SJF. Britti ama la Sicilia, tant’è che spesso è la sua meta di viaggi, a volte anche in incognito, ed essere all’interno del cartellone lo riempie di carica. Durante la sua carriera trentennale ha scalato le classifiche con canzoni come Solo una volta, Gelido, La vasca, 7.000 caffé, adesso sarà ospite del SjF il 18 settembre al Teatro di Verdura alle ore 21.30 accompagnato dell’Orchestra Jazz Siciliana – The Brass Group con ben 40 elementi.

La scaletta dello spettacolo prevede il repertorio del noto cantante con canzoni tutte rivisitate in chiave jazz. “Una occasione speciale” dichiara Britti “perchè in questo concerto ci sono i fiati che me piacciano tanto in quanto rievocano il suono degli ensembles americani o alle orchestra che accompagnavano Franck Sinatra”.  Durante la sua permanenza a Palermo per il Festival, Britti ha anche incontrato dei giovani. Un momento che è voluto essere un incontro dedicato alla cultura ed alla comprensione dell’importanza della musica, nel credere in essa in ogni sua sfaccettatura. Tant’è che ha dichiarato “Io non faccio il musicista, io sono musicista. Suono tutte le volte che posso, perchè la musica aiuta – ha continuato sorridendo – meglio che andare a fare terapia. Vi consiglio di seguire il vostro istinto senza fermarsi e credete in ciò che fate, come ho fatto io con la musica”.

Tanto di lui e della sua musica lo annuncia il suo volto: i tratti severi, lo sguardo inafferrabile, il sorriso contagioso. Alex Britti è un chitarrista e un autore solista, fiero, deciso. Un chitarrista fuori dal comune lo è sempre stato, sin da giovanissimo, da quando attraversava l’Europa insieme a grandissimi del Blues quali Rosa King, Buddy Miles e Billy Preston. Ora, a 53 anni, racconta serenamente di quegli inizi difficoltosi, quando suonava come musicista anche per sbarcare il lunario, perché come cantautore non riusciva a farsi ascoltare. Ma caparbio com’è Alex non ha mai mollato e nel 1997 è arrivato il contratto con la Universal Music e la pubblicazione di due singoli prima – Quello che voglio e Solo una volta (o tutta la vita). Ne segue il successo popolare unito ai primi riconoscimenti della critica: It.pop è triplo disco di platino, mentre “Musica e Dischi” lo proclama miglior debutto discografico dell’anno. Nella scaletta dell’album due canzoni che stigmatizzano la cifra stilistica del cantautore romano: Gelido, una ballad bluesy, dal ritmo inalterato, ripetitivo e sensuale che poggia su un testo spezzato, composto da frasi brevi, una canzone che sfugge alle etichette, “un discorso difficile da guidare”, che quasi si contrappone alla stessa Solo una volta (o tutta la vita): un pezzo solare, divertente, leggero.

Info programma completo siciliajazzfestival@live.it, info biglietteria bluetickets.it.

***

La giornata di sabato 18 settembre prevede concerti in contemporanea a partire dalle 18.00 al Complesso Monumentale Santa Maria dello Spasimo, Real Teatro Santa Cecilia e Complesso Monumentale Santa Anna.

Il Jazz Village si protrarrà sino a domenica 19 settembre.

Il programma del Jazz Village del 18 settembre

Teatro Santa Cecilia

Ore 18.00

Brasil Fala Italiano il cui progetto raccoglie in un’unica variegata proposta musicale le canzoni brasiliane tradotte in italiano da autori come Bardotti, Lauzi, Endrigo e coinvolge per la sua bellezza espressiva e poetica, che trasporta nelle calde sonorità carioca e bahiane ove c’è spazio per momenti di grande lirismo, nel ricordo del poeta Vinicius De Moraes.

Formazione:

Pamela Barone – voice, Vincenzo Palermo – guitar & voice, Antonio Zarcone – piano, Gianni La Rosa – bass, Sebastiano Alioto – drums.

Ore 19.30

Cordepazze

Concerto al Real Teatro Santa Cecilia di Palermo in occasione del Sicilia Jazz Festival. La band salirà sul palco con Alfonso Moscato (voce, chitarra, basso), Francesco Incandela (violino, mando elettrico, synth), Vincenzo Lo Franco (drum e programmazione), Fabrizio Fortunato (cori, synth e tastiere) e presenterà i brani del nuovo disco.

Ore 21.00

Rossella D’Andrea Quartet a cura del Conservatorio A. Corelli di Messina

Un progetto che si basa principalmente su due aspetti: melodia e swing! I brani, arrangiati anche in chiave moderna, esaltano la bellezza delle melodie – standard senza tempo – con uno sguardo sempre attento al mantenimento dello swing, ingrediente fondamentale. Queste idee confluiranno a breve in un progetto discografico che vedrà la partecipazione di tanti musicisti.

Formazione:

Rossella D’Andrea – voice, Francesco Pisano – piano, Aurelio Bandiera – bass, Andrea Liotta – drums.

Complesso Monumentale Santa Maria dello Spasimo

Ore 18.00

Veronica Parilla Quintet a cura del Conservatorio A. Corelli di Messina

Ore 19.30

Irish Leaves

Un progetto segnato dalla passione per la tradizione musicale irlandese ricca di sonorità che hanno segnato la storia di questa splendida terra. Il gruppo propone brani appartenenti alla tradizione irlandese e scozzese, arrangiati in chiave moderna, così come riproposte di brani appartenenti al repertorio pop e rivisitati in chiave irlandese. Così si alternano reels, jigs, hornipipes, polkas, vals, march e brani cantati anch’essi tratti dalla tradizione.

Formazione:

Antonio Putzu – Whistle, Flauti di canna, Gaita elettronica, Lorenzo Profita – accordion & keyboards, Sara Romano – guitar & voice, Raffaele Pullara – violin & mandolin, Davide Inguaggiato – bass, Emanuele Rinella – drums.

Ore 21.00

Mario Crispi – Arenaria feat. Vincenzo Castellana

Arenaria è un lavoro poetico sulla Sicilia, fonte di ispirazione, strumento musicale, metafora degli incroci culturali di cui è costituita. Un viaggio che parte dall’isola per il mondo, verso un’esplorazione di luoghi che “suonano” – come le Grotte della Gurfah, la Tomba del Principe di Sant’Angelo Muxaro, o il Mercato Ittico di Palermo – e delle genti che vi abitano.

Formazione:

Mario Crispi – strumenti a fiato arcaici/etnici e voce, Enzo Rao Camemi – violino, Maurizio Curcio – Chapman Stick, Fabrizio Francoforte – batteria, percussioni, Vincenzo Castellana – percussioni, voce.

Complesso Monumentale Sant’Anna – G.A.M.

Ore 19.30

Jazz for Life – Toscanini Jazz Orchestra

a cura dell’Istituto superiore di Studi Musicali “Arturo Toscanini” di Ribera

Formazione:

Giacomo Tantillo – director, Daniela Spalletta – voice, Ernesto Marciante – voice

Luca Nostro – guitar, Valerio Rizzo – piano, Angelo di Leonforte – piano.

Info programma completo siciliajazzfestival@live.it, info biglietteria bluetickets.it.

CORRELATI

Ultimi inseriti