Al Teatro antico di Segesta Gigi Borruso, Filippo Luna e Salvo Piparo in ”L’alba di Riccardino”

Reading di incipit e frammenti dai romanzi del commissario di Vigata. Unica replica 20 agosto alle ore 19.45

Tra gli appuntamenti del cartellone delle Dionisiache 2020 che accenderà i fari della Cultura fino al 30 agosto all’interno del Parco archeologico di Segesta, e dei nuovi siti che da poco ne fanno parte, è in programma al Teatro antico per giovedì 20 agosto, alle ore 19.45, L’alba di Riccardino – Reading di incipit e frammenti dai romanzi del commissario di Vigata.

La casa editrice Sellerio festeggia insieme ai lettori l’ultimo atto della grande epopea di Montalbano con una maratona di lettura.

Incipit e frammenti dai romanzi del commissario di Vigàta, nelle voci di Gigi BorrusoFilippo Luna e Salvo Piparo, col commento musicale di Pietro Leveratto al contrabbasso e Tobia Vaccaro alla chitarra e al violino. 

Gli spettatori potranno calarsi nei sogni di Montalbano, partecipare ai suoi risvegli, salutare i personaggi che lo accompagnano già dalle prime pagine, e percepire il crescendo e l’invenzione di una nuova lingua fino ad accogliere Riccardino, che conclude il glorioso romanzo di Andrea Camilleri.

Nell’ambito del Festival diffuso, giovedì 20 agosto alle ore 21.00, al Belvedere “Francesco Vivona” di Calatafimi – Segesta andrà in scena lo spettacolo teatrale Edipo Seh!, di e con Andrea Tidona, regia di Carla Cassola, produzione Associazione Città Teatro.

Lo spettacolo è uno scherzo intelligente e raffinato per raccontare con leggerezza una delle più grandi tragedie della storia del teatro. Giorgio Strehler, nell’aldilà, dirige una prova aperta dell’Edipo re di Sofocle. Gli attori a cui sono affidati i ruoli principali sono tutti grandi interpreti, anche loro trapassati, che hanno fatto la storia del Teatro e del cinema italiano. 

La maggior parte di loro, però, non ha mai avuto a che fare con la tragedia classica. Una per tutte: Tina Pica nel ruolo di Giocasta. Tutto questo, va da sé, genera un sentimento del contrario che suscita grande ilarità fra gli spettatori, senza intaccare comunque, nei momenti più intensi, la forza tragica del testo. La presenza di Strehler, con tutta la sua foga, la sua passione, la sua iperbolicità, le sue parolacce, provoca un continuo straniamento, permettendo anche di sintetizzare alcune parti del testo, affidandole alle sue personalissime narrazioni. Tutto questo è reso possibile dalle straordinarie capacità imitatorie dell’unico interprete dello spettacolo: Andrea Tidona.

Nel rispetto delle norme per prevenire la diffusione del Covid-19 il distanziamento verrà rispettato con apposite segnalazioni dei posti da non occupare (per consentire un più rapido svolgimento delle operazioni al botteghino suggeriamo di portare già compilato il modulo di “registrazione spettatore” che si può scaricare a questo link https://bit.ly/2DyjrOt).

Il costo dei biglietti varia a seconda dei pacchetti scelti o delle riduzioni previste; tutte le informazioni sono disponibili sul sitowww.dionisiache.it.