lunedì, 15 Aprile 2024
spot_img
HomeculturaAl Real Teatro Santa Cecilia ''Invertiti'', un viaggio nel tempo e nei...

Al Real Teatro Santa Cecilia ”Invertiti”, un viaggio nel tempo e nei tempi dedicato a Pasolini

Da una produzione della Fondazione Taormina Arte, testi di Gery Palazzolo, voce narrante Silvia Francese, voce Laura Sfilio, musiche originali di Fabio e Tommaso Lannino. In scena il 2 aprile a Palermo

Una produzione originale della Fondazione Taormina Arte appositamente commissionata dalla direzione artistica dal titolo “Invertiti – dall’era del boom economico a quella della cretinocrazia: un viaggio nel tempo e nei tempi” che, dopo il successo della prima, sarà in scena il 2 aprile alle ore 18.30 al Real teatro Santa Cecilia di Palermo. Con i testi di Gery Palazzotto e le musiche originali di Fabio Lannino (contrabasso e chitarra) e Tommaso Lannino (pianoforte), con Silvia Francese voce narrante, Laura Sfilio voce, Tommaso Bruno Lannino pianoforte e Fabio Lannino contrabbasso, video Davide Vallone.

1963-2022 – c’è una macchina del tempo che attraversa tre ventenni sanando gli opposti o addirittura unendoli, come fosse un miracolo, in un’unica linea retta. Il viaggio che ne scaturisce è quello nell’universo mai troppo esplorato delle differenze. La linea guida la dà̀ Pier Paolo Pasolini, che proprio nel 1963 è in giro per l’Italia in cerca dei luoghi in cui girare il suo film “Il vangelo secondo Matteo”. E che in questo peregrinare afferra un microfono e comincia a raccogliere opinioni e impressioni su tabù di varie forma e sostanza, comunque sessuali, conducendo una vera inchiesta sul costume degli italiani, dal divorzio all’omosessualità̀, dalla prostituzione al ruolo della donna nella società̀. Buttandosi a capofitto nel baratro del pregiudizio, nasce “Comizi d’amore”, un documentario che è pietra miliare del cinema, della cultura del Novecento, una frustata al corpo sociale di un Paese nascosto dietro troppe foglie di fico. Grazie alla macchina del tempo la preziosa inattualità̀ di Pasolini ci guida attraverso le contraddizioni di quello che una volta si chiamava sentire comune e che oggi identifichiamo con un termine (inglese e abusato) come mainstream. Per diffidarne, per scardinare le oziose certezze della condivisione cieca, per affrontare le sterili perversioni del “desiderio mimetico” che spinge una pecora a seguire il gregge senza capire bene il perché́. “Invertìti” è un viaggio che parte dall’Italia del boom economico e arriva a quella della cretinocrazia imperante, e che attraversa le “dittature culturali” dove in fondo ogni cosa non ha solo il suo prezzo, ma soprattutto il suo sconto.

La Musica all’interno di Invertiti ha un ruolo fondamentale basandosi sulla frase dello stesso Pasolini: “Vorrei essere scrittore di musica”. Un pensiero musicale che riconosce a musica e suoni, annidati nella parola o di per sé, o accostati ad altri codici, la capacità di oltrepassare i confini visibili del reale, evocarne il mistero e condurre l’espressione a un livello tanto complesso e profondo da fargli dire nell’autobiografia in versi del 1966-67, intitolata Poeta delle Ceneri (Pasolini: 1288): vorrei essere scrittore di musica, vivere con degli strumenti dentro la torre di Viterbo che non riesco a comprare, nel paesaggio più̀ bello del mondo, dove l’Ariosto sarebbe impazzito di gioia nel vedersi ricreato con tanta innocenza di querce, colli, acque e botri, e lì comporre musica l’unica azione espressiva forse, alta, e indefinibile come le azioni della realtà̀. 

La musica di questa produzione originale composta da Fabio e Tommaso Lannino e commissionata dalla direzione artistica della Fondazione Taormina Arte, è basata su citazioni classiche, canzoni scritte da Pasolini e nuove musiche scritte appositamente per sottolineare i momenti recitativi, enfatizzando il rapporto stretto nell’ incorporare l’infinito nella forma attraverso la musica, il contrasto verticale tra musica e parola.

Link acquisto biglietti: Invertiti (Nel segno di Pasolini)

CORRELATI

Ultimi inseriti