A Parma, anche i palermitani trionfano al Campionato mondiale della pizza

premiazione campionato mondiale della pizza 2019

Anche Palermo è stata protagonista alla 28esima edizione del Campionato mondiale della pizza che si è svolto al Palacassa, alla Fiera di Parma, dal 9 all’11 aprile. Un’edizione, quella del 2019, che ha visto sfidarsi per i titoli ben 775 concorrenti provenienti da 42 nazioni, mentre 1113 sono state le gare totali, e 12 invece le categorie.

Il palermitano Giorgio Borrelli, 18 anni, de “L’arte bianca” è stato proclamato vice campione del mondo nella categoria “pizza classica” e “pizza più larga”, ottenendo anche un terzo posto nella categoria “pizzaiolo più veloce”. Bene anche Fabrizio Borrelli, padre di Giorgio, che si è piazzato al terzo posto nella categoria “Pizza più larga”.

A salire sul primo gradino del podio, per la “pizza classica 2019”, è stato Riccardo La Rosa che ha presentato “Profumi liguri” una ricetta composta da cuore di burrata, pomodorino datterino, pomodorino giallo, pesto al mortaio, pinoli tostati e parmigiano. La Rosa ha anche ottenuto il premio speciale Parmigiano Reggiano e il premio Triathlon.

Per quanto concerne la categoria “pizza in teglia”, ad aggiudicarsi la vittoria e il primo gradino del podio è stato Angelo D’Intino della provincia di Pescara: la sua ricetta prevedeva formaggi, salsiccia, melanzane, tartufo, rucola e gorgonzola.

È stato invece Lorenzo Collovigh di Udine a vincere nella categoria “pizza napoletana STG” (specialità tradizionale garantita). La ricetta che ha presentato era una marinara con San Marzano, aglio e origano.

Per l’occasione, presentata anche una pizza speciale dedicata a Matera, capitale europea della cultura 2019, preparata da Graziano Bertuzzo che ha utilizzato farina integrale, lievito madre ed estratto di Amaro Lucano; come farcitura: pomodoro, mozzarella, tartufo, peperone, erbe del territorio e salsiccia. 

Ecco le altre categorie: per “pizza in pala”, a vincere è stato Alessio Bertolucci, “Senza glutine”, Francesco Sardisco, “stile libero”, Scott Volpe, “pizza più larga”, Alessandro Tinè, “pizza a due”, Viale Jeremy (con Desmurs Frédéric), “pizzaiolo più veloce”, Giuseppe Amendola, “Trofeo Heinz Beck“, Roberto Rossi, “world pizza team”, squadra bianca.

“Voglio esprimere il mio apprezzamento – ha commentato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando – per il prestigioso risultato ottenuto da Giorgio e Fabrizio Borrelli che con la loro bravura e professionalità hanno contribuito ad aumentare l’internazionalizzazione della città di Palermo”.

“Siamo molto orgogliosi – hanno detto Giorgio e Fabrizio Borrelli – per ciò che siamo riusciti ad ottenere a conferma del grande amore per il mestiere che svolgiamo. Questo successo lo dedichiamo anche a tutti i palermitani”.

Print Friendly, PDF & Email