A Blufi la “Prima Sagra del finocchietto selvatico”

Riceviamo e pubblichiamo.

Di Margherita Garofalo

Blufi (PA) – La Sagra del Finocchietto Selvatico che si svolgerà a Blufi, domenica 10 maggio, per celebrare un prodotto tipico blufese dalla bontà e dalle caratteristiche gastronomiche uniche, mira ad affermarsi già dalla prima edizione come una tradizione che esprime le consuetudini culturali e gastronomiche di Blufi e l’importanza culinaria del finocchietto nella cucina Mediterranea.
La Sagra rientra nel piano promozione dei cittadini di Blufi, che intendono promuovere l’alimento “Foeniculum Volgare” dal valore nutrizionale elevatissimo e dalle proprietà stimolanti, digestive, antisettiche e diuretiche.
L’evento, interamente rivolto alla valorizzazione dei prodotti tipici del paese, è un progetto originatosi dell’Associazione Pro-Loco Blufi in collaborazione con il Comune, le Congregazioni e la cittadinanza attiva. L’assessore Luisella La Placa riferisce che «Il progetto non si è limitato soltanto alla creazione della Sagra, ma punta a valorizzare e far “scoprire” alle persone l’importanza del finocchietto e degli altri prodotti tipici della nostra realtà. Si tratta di comprendere non soltanto la bontà del finocchietto come prodotto ma, soprattutto, la sua importanza all’interno dei nostri territori. Il nostro progetto ha l’obiettivo di far conoscere e fruire, ai visitatori locali e non, le risorse ambientali, paesaggistiche, tradizionali, culturali e alimentari della Sicilia e nello specifico del territorio blufese, nonché Madonita».Blufi 2
Lo spirito di iniziativa, di collaborazione, di intraprendenza che caratterizza la popolazione blufese, che collabora alla preparazione dell’evento, sta dando prova di grande forza e fiducia nel lavoro di squadra, partecipando attivamente dimostrano di portare nel cuore il buon nome di Blufi. Ed è solo grazie al forte spirito di comunità che caretterizza la popolazione che sarà possibile gustare i piatti della tradizione locale e quelli che spontaneamente nascono dall’entusiasmo, come l’ottimo e originalissimo gelato al finocchietto.
I sapori, sapientemente lavorati dalle mani degli organizzatori, non saranno gli unici protagonisti di questa prima edizione della Sagra, ma anche le tradizioni ed il territorio verranno valorizzate, infatti i blufesi hanno creato per l’occasione diverse iniziative: le escursioni al Santuario della Madonna dell’Olio, supportate dalla collaborazione delle scuole che stanno preparando gli studenti affinchè possano fare da guida ai visitatori e il concorso fotografico “UNA CARTOLINA PER BLUFI”, che ha lo scopo di raccontare per immagini il contesto urbano, paesaggistico e storico artistico blufese. Anche i bambini sono stati coinvolti e resi partecipi della manifestazione affidando loro la realizzazione degli addobbi e di piccoli gadget di benvenuto.Blufi1
La creatività madonita non verrà espressa solo in cucina, oltre a poter degustare le migliori selezioni di specialità e prodotti tipici di una cultura enogastronomica genuina come quella siciliana, si potranno ammirare in giro per i gli stand anche i prodotti dell’artigianato locale che ben raccontato la storia dei luoghi.
Alla Sagra del Finocchietto Selvatico di Blufi non mancherà, inoltre, l’intrattenimento: tra le tarante SOLUNTINE itineranti e lo spettacolo di circo-teatro LE PETIT CARILLON i visitatori non avranno modo di annoiarsi tra una degustazione e l’altra.

 

Foto di Piero Di Gangi.