Vivi Sano Onlus dona mascherine ai riders e ai volontari che portano cibo a persone disagiate

riders
riders social food

Vivi Sano Onlus, l’associazione che gestisce il Parco della Salute a Palermo, è impegnata da anni in interventi di promozione della salute. Per far sentire maggiormente la vicinanza alla città, in questo periodo così difficile, ha deciso di donare le mascherine ai riders di Social Food e ad alcune associazioni che in città si occupano di persone disagiate.

Si tratta di lavoratori e volontari che ogni giorno vengono a contatto con tante persone, e che necessitano quindi di una protezione maggiore.

Le mascherine donate da un’impresa socialmente responsabile, Spanu Veste Lavoro, sono state realizzate in tessuto adatto all’uso dei cittadini. Tessuto che assorbe l’esalazione ed umidità trattenendola e non rilasciandola.

“Medici, operatori sanitari e forze dell’ordine per il ruolo che svolgono utilizzano altri generi di mascherine (FFP3 e FFP2 con e senza valvola), a questo purtroppo non possiamo provvedere noi, ma attraverso questa iniziativa pensiamo di dare una mano concretamente fornendo presidi utili a persone obbligate per lavoro ad avere contatti giornalieri e combattere le speculazioni purtroppo in atto’’ spiega Daniele Giliberti di Vivi Sano Onlus.

Nel giro di poche ore sono state oltre 50 le richieste di mascherine che sono giunte, dirottate dal Comune di Palermo, specialmente dalle case famiglie, associazioni, dormitori e residenze sanitarie assistenziali della città. Tutte richieste di aiuto di operatori preoccupati per la propria salute che non trovano in commercio i dispositivi medici per proteggersi dal virus.

Vivi Sano Onlus in queste ore, disponendo di un numero limitato di mascherine, sta valutando le richieste allargando la donazione delle mascherine anche agli operatori delle associazioni:  Gli Angeli della Notte Onlus, Francesca Morvillo Onlus, Zen Zona Energia Nuova, Nuova Opportunità Onlus, Donne Insieme Associate, Cristo nei Poveri e alle comunità alloggio La Provvidenza di Palermo e Egle di Gela (Cl).