Orti, giardini e Casa Professa in notturna, film muti e degustazioni per il 6° week end di RestART

Villa Tasca
Villa Tasca

Sabato 8 agosto sarà la giornata adatta per visitare Villa Tasca: per soli venti partecipanti, sarà possibile passeggiare per i viali romantici del giardino, scoprire una dimora nobiliare dove hanno dormito Wagner – che qui compose il secondo atto del Parsifal – e Bismarck, Ferdinando e Carolina di Borbone, Margherita di Savoia e Jacqueline Kennedy, ospitati nei saloni ancora intatti, guardati a vista dagli affreschi e dalle maioliche raffiguranti scene rupestri. Al termine della visita (che inizierà alle 18,30 e prevede un ticket di 30 euro), drink in terrazza con vini Tasca d’Almerita. E’ questo uno degli appuntamenti di RestART che si prepara al suo sesto weekend con oltre venti tra monumenti e siti aperti di sera, venerdì e sabato (7 e 8 agosto), dalle 19 a mezzanotte.

Sarà aperto anche l’Orto Botanico, per un’altra passeggiata, stavolta tra specie esotiche e giardini di piante medicinali, ascoltando cicale e grilli, magari arrivando alla vasca con le ninfee. Il resto del programma di RestART prevede tutta una serie di piccole iniziative. Continua il ciclo di letture tratte dai documenti storici dell’Archivio comunale: venerdì 7 verrà raccontato il rito della “Passeggiata alla Marina. Musica e passatempi al Foro Italico”, sabato toccherà ad un excursus attraverso “Le antiche porte di Palermo e la malavita. La riqualificazione delle strade” (ticket: 3 euro).

Per le proiezioni di “4 risate mute”, all’oratorio di San Mercurio (cortile San Giovanni degli Eremiti) la ribalta sarà tutta per Charlie Chaplin: venerdì, “Charlot a teatro” (A Night in the Show_1915), esilarante cortometraggio ambientato in un teatro di Vaudeville con Charlot, visibilmente ubriaco, alle prese con improbabili cambi di posto e animati incontri con pubblico, attori e orchestrali. Sabato toccherà invece a “Charlot macchinista” (Behind the Screen_1916), uno dei più bei film di Chaplin, molto contestato ai tempi per la scena in cui l’attore bacia un ragazzo (che poi non è altri che l’attrice Edna Purviance). Dalle 19 alle 23, repliche ogni 30 min. Ticket: 3 euro. Infine, all’Oratorio di San Lorenzo, degustazioni di prodotti tipici siciliani d’eccellenza offerti da alcune giovani aziende innovative. dalla birra artigianale Bruno Ribadì, prodotta a Cinisi, ai formaggi del caseificio Bompietro, alla selezione di eccellenze siciliane finora acquistabili solo sull’e-commerce insicilia.com.

Tra gli altri siti che aprono le porte, lo Spasimo con l’altare del Gagini appena recuperato;la Torre di Sant’Antonio AbatePalazzo Mirtopalazzo Abatellis e il Teatro Massimo, il Museo archeologico Salinas e il Museo RisoSan Giovanni degli EremitiVilla Zito e Palazzo Branciforte; la chiesa di Santa Caterina dove si potrà salire fino alla cupola, e lo stesso capita per la vicina chiesa del SS. Salvatore. Una prospettiva inedita anche per Casa Professa (bisogna approfittarne sabato, poi sarà aperta solo il 21 e il 29 agosto), la chiesa della Catena e la chiesa di San Matteo. Oltre a San Mercurio e San Lorenzo, aperti anche gli oratori serpottiani del SS.Rosario di santa Cita, del SS. Rosario e il cinquecentesco Oratorio dei Bianchi.

RestART è organizzato dall’associazione Amici dei Musei Siciliani e da Digitrend, che cura la piattaforma di ticketing ed audio guide.

CONVENZIONI

Le guide FEDERAGIT AGT hanno organizzato un’offerta di visite tematiche: questo weekend – alle 19 e alle 21 – si potrà seguire venerdì un itinerario dedicato all’antico culto di Hermes e di San Mercurio, alla scoperta dei putti del Serpotta e del magico chiostro di San Giovanni degli Eremiti. Alla Kalsa, invece, si raggiungerà lo Spasimo e il sontuoso oratorio dei Bianchi. Prevista una visita guidata all’interno di Palazzo Riso, un’occasione imperdibile per conoscere più a fondo la collezione del museo. Sabato sarà dedicato a due grandi capolavori di Giacomo Serpotta, gli oratori di Santa Cita e di San Lorenzo, e ai misteri che aleggiano nelle chiese del SS. Salvatore e di San Matteo, dove sarà possibile osservare uno dei passaggi segreti descritti nel romanzo di Natoli sui Beati Paoli. Disponibile infine un’appassionante visita a Villa Zito, sede dell’importante collezione d’arte della Fondazione Sicilia.

I tour del sesto week-end RestART

VENERDÌ 7 AGOSTO

HERMES. SANTI E DEI | S. Giovanni degli Eremiti e oratorio di S.Mercurio| ore 19 e 21

L’ELETTA. LA KALSA E I SUOI DINTORNI | Spasimo e oratorio dei Bianchi | ore 19 e 21

VISITA GUIDATA DI PALAZZO RISO | ore 19 e 21

SABATO 8 AGOSTO

IL BAROCCO DEI MISTERI | SS. Salvatore e San Matteo | ore 19 e 21

PALERMO DI STUCCO | Oratori del SS. Rosario in Santa Cita e San Lorenzo | ore 19 e 21

VISITA GUIDATA DI VILLA ZITO | ore 19 e 21

INFO E PRENOTAZIONI: Cell. 345 9126055 info@palermoguide.it. Biglietto: 15 euro.

La FIPE, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi, ha invece attivato una convenzione in base alla quale i ristoranti associati scontano l’importo dei biglietti agli spettatori del festival che si presenteranno muniti di tagliando cartaceo o online. Dal canto suo, RestART offrirà ai ristoratori, coupon omaggio da distribuire ai clienti. Al festival collaborano anche Confcommercio, Comune, Regione Siciliana, Università, Curia, Fondazioni private, Teatro Massimo, UNESCO e diverse associazioni culturali, sotto il patrocinio del Comune di Palermo e dell’ Assessorato regionale ai Beni Culturali e all’Identità siciliana.

INFO

RestART si svolge ogni venerdì e sabato dalle 19 a mezzanotte fino al 29 agosto. Ingressi e prenotazioni su www.restartpalermo.it, scegliendo precisi slot orari, secondo le indicazioni di ciascun sito. Igienizzazione e mascherine per i visitatori, misurazione della temperatura all’ingresso dei musei. Sull’App, notizie e curiosità sui luoghi.


Ingresso: 3 euro se il biglietto viene acquistato sulla piattaforma online; 4 euro all’ingresso dei siti, nel caso ci fossero ancora posti liberi.