giovedì, 18 Luglio 2024
spot_img
HomePalermoLa prevenzione allo Sperone, due iniziative il 23 e il 28 marzo

La prevenzione allo Sperone, due iniziative il 23 e il 28 marzo

E poi, Sperone167 lancia l’iniziativa In-Cura: domenica 26 marzo, un’azione collettiva nel centro servizi di via Giuseppe di Vittorio per liberare l’immobile dai rifiuti

Asp Palermo incontra i quartieri e nasce l’iniziativa La prevenzione allo Sperone per tutte le donne del quartiere dai 25 ai 69 anni, e non solo. Gli appuntamenti sono due, nel dettaglio:
giovedì 23 marzo, alle 9:30, nell’aula magna del plesso Pertini in via Pecori Giraldi 21 si terrà un incontro di sensibilizzazione sul tema della prevenzione oncologica e sulle vaccinazioni, per grandi e piccoli;
martedì 28 marzo, sempre presso la scuola Pertini di via Pecori Giraldi 21, dalle 9 alle 16:30, sarà possibile effettuare i test di screening oncologico (mammografia, PAP/HPV test e SOF test, ovvero la ricerca del sangue occulto nelle feci – per uomini e donne dai 50 ai 69 anni, e le vaccinazioni contro il Papilloma Virus (HPV), meningococco B e ACW135Y, Difterite/tetano/pertosse.

In-Cura di Sperone167

Domenica 26 marzo, alle 8:30, avrà luogo un’iniziativa di tutt’altro genere che prevede come luogo di ritrovo il muro delle Medianeras in via Giuseppe Di Vittorio per un’azione collettiva nel centro servizi che si trova proprio in questa strada, allo scopo di liberare l’immobile dai rifiuti.

Nel quartiere Sperone, tra via Giuseppe Di Vittorio e largo Luigi Buozzi, esiste un centro servizi inattivo dal 2004 e in stato di degrado, un immobile dove, lontano dagli occhi di tutti, e senza alcuna inibizione all’ingresso, persone di ogni età vanno a drogarsi, mentre all’esterno, e purtroppo a volte anche all’interno, i bambini sostano a giocare. Un luogo che non può e non deve essere ignorato, e che domenica 26 marzo sarà ripulito dai rifiuti, come gesto simbolico di come una storia diversa per il quartiere Sperone sia necessaria e possibile. 

In-Cura  è un’azione promossa da Sperone167, in collaborazione con diverse associazioni e e cittadini. Questa nuova azione di cura della comunità nel quartiere desidera richiamare l’attenzione di tutte le autorità competenti al dovere di riconvertire immediatamente i luoghi di morte – come questo – in spazi sociali e di vita al servizio della comunità e dei quartieri. 

Si consiglia di indossare scarpe con suola spessa, pantaloni lunghi, guanti da giardinaggio resistenti, mascherine, pinze e altri dispositivi per raccogliere i rifiuti in sicurezza.

 

CORRELATI

Ultimi inseriti