Coronavirus, all’aeroporto di Palermo arriva un boeing con 40 tonnellate di materiale sanitario | Video

Il materiale sanitario proveniente dalla Cina, e destinato alla protezione civile della Sicilia, servirà per fronteggiare l’emergenza Covid 19 e sarà smistato alle Aziende sanitarie e ospedaliere dell'Isola

coronavirus
Il Presidente Musumeci all'arrivo del boeing all'Aeroporto di Palermo

Alle 4,30 è atterrato all’aeroporto internazionale di Palermo Falcone Borsellino l’aereo cargo B777F della compagnia Ethiopian Airlines Italy con a bordo circa 40 tonnellate di materiale sanitario proveniente dalla Cina, e destinato alla protezione civile della Sicilia per fronteggiare l’emergenza Covid19.

Il Boeing 777F del vettore etiope è partito dall’aeroporto internazionale di Shanghai-Pudong per poi fare scalo a Nuova Delhi e infine ad Addis Ababa, da dove è ripartito alla volta di Palermo

Il ponte-aereo è stato voluto dal governo di Nello Musumeci, che si è avvalso della forte sinergia con la UPMC in ItaliaISMETT, il colosso multinazionale che sta investendo nel Paese asiatico. Il materiale, giunto a bordo di un Boeing 777 appositamente noleggiato, comprende mascherine chirurgiche, guanti, occhiali protettivi, camici, copricapo e gambali, per diversi milioni di pezzi. Il carico giunto stamane è solo il primo di più voli con la Cina che si effettueranno nei prossimi giorni. I dispositivi sono stati già presi in consegna dagli uomini della Regione Siciliana – Dipartimento Regionale della Protezione Civile, che da subito provvederanno a smistarli alle Aziende sanitarie e ospedaliere dell’Isola. Oltre ai dispositivi giungeranno in Sicilia con i prossimi carichi anche attrezzature destinate ai reparti di terapia intensiva e più diffusamente ai Covid-Hospital che sono stati realizzati attraverso il Piano straordinario messo in atto dal governo regionale.

«Appena abbiamo compreso la difficoltà del Dipartimento Protezione Civile nazionale nel far fronte alle richieste di tutte le Regioni – spiega il presidente Musumeci – ci siamo mossi per trovare un rimedio e dare risposta a tutti. Ci son volute più di due settimane di lavoro e confesso che fino all’ultimo abbiamo temuto che l’importante acquisto potesse saltare. Nel frattempo, abbiamo avuto contatti anche con aziende siciliane e spero che presto arrivino altri analoghi risultati. Intanto, questo primo materiale sarà distribuito già da subito per garantire tutela e sostegno al personale medico e sanitario impegnato in prima linea nei nostri ospedali. È una iniziativa – conclude il presidente – portata avanti nella leale collaborazione con lo Stato, a cui il mio governo non si è mai sottratto».

“Ci rassicurano gli arrivi di questa mattina all’alba del materiale acquistato della Regione Siciliana. È quello che abbiamo chiesto e il presidente Musumeci ci ha ascoltato. La decisione della Regione Siciliana, come la Lega aveva invitato a fare senza esitazione, di provvedere autonomamente ad approvvigionarsi dei dispositivi di protezione (mascherine, camici e quant’altro), è importantissima per fronteggiare l’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus”. Questo, il commento del segretario regionale della Lega Salvini Premier, senatore Stefano Candiani, e del capogruppo leghista all’Ars Antonio Catalfamo, alla notizia dell’arrivo, questa mattina, di un volo con 40 tonnellate di dispositivi di protezione anti covid-19.

“Il dovere di tutelare la salute dei cittadini e del personale sanitario – sottolineano Candiani e Catalfamo – è oggettivamente inconciliabile con i tempi lunghi, troppo lunghi e inaccettabili, della Protezione civile nazionale, che a tutt’oggi sta ancora lasciando sprovvisti dei dispositivi di protezione interi territori del nostro Paese e in particolare, i medici, gli infermieri e il personale in prima linea nel combattere l’infezione. Avevamo chiesto una risposta concreta che si sta materializzando. Su questa strada diciamo al presidente Musumeci di proseguire senza esitazione. Ora occorre velocemente passare alla distribuzione del materiale arrivato, vigilando che non sia lasciato scoperto anche un solo angolo del territorio regionale”.

“Questo dimostra – concludono gli esponenti della Lega Sicilia – che nelle regioni, quando vi è l’impegno e la determinazione degli amministratori, c’è una reale capacità organizzativa rispetto al livello centrale, che ormai da troppo tempo è colpevolmente in ritardo nei soccorsi”.

Al link il video dell’arrivo del B777F Ethiopian Airlines con operazioni di scarico merce e intervista:

 
https://youtu.be/T0zgYvWs130