Rottamazione cartelle esattoriali: adesso i debiti si estinguono anche via Facebook

Rottamare le proprie cartelle esattoriali, evitando l’estenuante e lungo iter previsto dall’Agenzia delle Entrate, adesso è possibile utilizzando un sistema innovativo, ideato dallo staff di avvocati dello Studio Legale Leone-Fell di Palermo, che da anni lavora sfruttando al massimo i sistemi digitali e l’intelligenza artificiale. Per la prima volta, i contribuenti potranno scegliere quali debiti rottamare tramite una semplice chat su Facebook.

Ma come funziona esattamente il sistema? A spiegarlo è l’avvocato Francesco Leone socio fondatore dello studio legale: «Il nostro Studio Legale offre un servizio che permette di verificare, online, quanti debiti si hanno con lo Stato ed estinguerli nel modo più efficace evitando sanzioni, lunghe file e complicazioni con l’Agenzia delle Entrate. Ci sostituiamo in tutto e per tutto al contribuente – ha proseguito l’avvocato – evitandogli di commettere errori grossolani».

Come poterne usufruire: «Si accede al servizio tramite un form – ha proseguito il legale- nell’ambito del quale si inseriscono i propri dati. Conclusa la compilazione, il contribuente ci delega ad analizzare la sua posizione e gli indichiamo le cartelle rottamabili. Solo dopo aver ricevuto conferma dal cliente procediamo con la rottamazione vera e propria. Operiamo sull’intero territorio nazionale dove abbiamo già effettuato diverse rottamazioni, con grande entusiasmo dei nostri clienti. Il numero delle cartelle attualmente rottamate – ha concluso – ammonta a diverse centinaia».

Collegandosi alla pagina Facebook dello studio legale, i contribuenti potranno chattare direttamente con i legali tributaristi e conoscere il costo del servizio. Il team legale dello Studio avvierà in poco tempo l’approfondimento della singola situazione del contribuente al quale esporrà il quadro debitorio completo e verrà, altresì, affiancato durante tutto il percorso con l’indicazione delle cartelle più convenienti da rottamare.

Secondo i dati diffusi dall’Agenzia delle Entrate – Riscossione, relativi alla Rottamazione bis, in poco più di 200 giorni, la rottamazione delle cartelle ha superato quota 950mila adesioni.

Da tali dati è possibile prevedere che alla Rottamazione ter, procedura contenuta nel decreto fiscale 119/2018, per mezzo della quale qualsiasi contribuente può estinguere definitivamente i propri debiti col fisco senza pagare sanzioni e interessi di mora. Accederanno altrettanti contribuenti o forse di più in ragione della possibilità di rateizzare il proprio debito fino a 18 rate spalmabili in 5 anni.

La Rottamazione ter coinvolge tutti i contribuenti, sia quelli che non hanno aderito alle precedenti edizioni (rottamazione e rottamazione bis) sia coloro che lo hanno fatto. Con un emendamento approvato al “Decreto semplificazioni” è stata anche prevista una nuova apertura nei confronti di tutti quei debitori che non sono riusciti a pagare le rate scadute della rottamazione bis entro lo scorso 7 dicembre.

Quest’ultimi potranno accedere alla rottamazione, ma avranno la possibilità di rateizzare i pagamenti in 3 anni e non in 5.
Si tratta, con tutta probabilità, dell’ultima possibilità di cancellazione dei propri debiti con il fisco. Il termine ultimo per accedere alla procedura è il 30 aprile 2019, oltre il quale la domanda non potrà più essere presentata.

Print Friendly, PDF & Email

Testata giornalistica reg. Tribunale Palermo n. 7/2014 - Iscrizione ROC n. 31030