Calcio. Brevi su SSD Palermo

Prima sconfitta rosanero che arriva in coppa Italia. Polemiche sulle restrizioni di accesso alle bottiglie di plastica. Difficoltà a vedere le partite in tv

Ieri pomeriggio prima sconfitta per il nuovo Palermo. Meno male che non era una partita di campionato ma solamente una partita di coppa Italia di serie D. Certo non fa piacere avere perso una partita che alla vigilia sembrava abbastanza facile, prima o dopo la prima sconfitta doveva arrivare, meglio in coppa Italia che in campionato.

Alla fine dei tempi regolamentari il risultato era di 1 a 1. Si è finito ai calci di rigore dove il Biancavilla (la squadra sfidante) ha avuto la meglio per 5 a 3. Certo non ha aiutato schierare per ben otto undicesimi diversi rispetto alla formazione che domenica scorsa a vinto contro il San Tommaso.  Pazienza.

Sul fronte acquisti, come riportato dal Giornale di Sicilia, Guilherme Willian dos Santos Dias (prima punta, classe 1999) è stato proposto alla società rosanero e in questi giorni è in prova con la squadra allenata da Pergolizzi in attesa di un’eventuale conferma.

Novità per gli abbonamenti: è stata riaperta la campagna abbonamenti dal 10 al 18 settembre (seconda fase di vendita libera). Sarà possibile abbonarsi solo on-line ed il ritiro si potrà fare dopo due giorni dalla sottoscrizione. Questa seconda campagna di abbonamenti è stata denominata “porta un’aquila”, un abbonato “presenta” un amico o parente che si abbona, per entrambi verranno garantite le stesse tariffe di quest’anno anche per l’anno prossimo – devono condividere la stessa categoria, ad esempio: un under 18 porta un under 18, un intero porta un intero, una donna porta un’altra donna, etc.

Domenica sui social si è scatenata la polemica sulle bottigliette d’acqua allo stadio. Tra tutte quelle che ho letto, quella che mi ha colpito di più è stata quella raccontata da un papà che era andato allo stadio con tutta la famigliola. Ai controlli, alla moglie hanno sequestrato una bottiglietta d’acqua, che doveva servire a dissetare il figliolo, e qua sono scattate le proteste del papà, ma gli inflessibili addetti al controllo non hanno voluto sentire ragione. Non vi dico cosa ho letto nei commenti dei lettori, di tutto di più. Cari signori tifosi, allo stadio è vietato, dalle normative vigenti, introdurre tra l’altro bottiglie di vetro ed anche di plastica, quindi i controllori hanno fatto il loro dovere, certo per carità un bambino è sempre un bambino. Però, cari signori “controllori” auspichiamo maggiore solerzia nei controlli da tutti voi e per tutti. Infatti, non è gradevole vedere il vicino di posto a sedere con la sua bella bottiglia di acqua chiusa con tanto di tappo oppure, peggio ancora, qualcuno che riesce ad entrare tante altre cose ben più pericoloso della bottiglia di plastica.

Nei giorni scorsi la proprietà del Palermo (Mirri-Di Piazza) ha chiesto la concessione gratuita dello stadio “Renzo Barbera”. Come riportato dal Giornale di Sicilia, il presidente rosanero ha incontrato, insieme a Sagramola, i componenti della commissione consiliare Patrimonio e Bilancio del Comune di Palermo che stanno vagliando l’ipotesi di una concessione gratuita dello stadio. Tutti i componenti la commissione a vario titolo si sono detti disponibili ad appoggiare tale richiesta.

Altre polemiche, sempre sui social, si sono scatenate dopo la partita di domenica scorsa, in merito alla visione della partita sulla piattaforma Eleven Sport, che trasmette in streaming le partite del Palermo. Alcuni l’hanno vista bene, altri no, è qui si è scatenata l’ira di alcuni ed il plauso di altri. Personalmente, mi accingo questa settimana ha stipulare anch’io l’abbonamento, lo farò per prova per un solo mese. A tal proposito tanto per parlare, vi racconto la mia esperienza, lo scorso campionato per vedere le partite della mia squadra del cuore, ovviamente il Palermo: dovendo sottoscrivere l’abbonamento con la piattaforma DAZN, sono stato costretto a spendere un po’ di soldini per comprare una tv nuova perché, con quello in mio possesso non mi era possibile la visione. Quest’anno non potrò utilizzarlo nemmeno la tv ultimamente acquistata perché non mi scarica l’app, e mannaggia un altro televisore non lo compro,  ancora debbo finire di  pagare questo. E allora che fare? Sono costretto ad utilizzare un computer portatile perché quello che avevo ha tirato le cuoia. Altra spesa non preventivata. Cosa si fa per la squadra del cuore.

Forza Palermo sempre e comunque.

Print Friendly, PDF & Email