A Palermo la mostra ”Io sono Cammarata Giovanni l’artista di Maregrosso”

Per il progetto “Dintorni – Luoghi Circostanti per l’arte 2019” che si svolge in queste settimane a Palermo, è di particolare interesse la mostra “Io sono Cammarata Giovanni, l’artista di Maregrosso” curata da Mosè Previti e Pier Paolo Zampieri.

Giovanni Cammarata è un artista prettamente territoriale che ha lavorato e vissuto nella periferia di Maregrosso a Messina dagli anni ’50 fino alla sua morte avvenuta nel 2002. Una periferia industriale ma allo stesso tempo molto popolare a pochi metri dal mare chiuso da una linea ferrata e popolato da artigiani e operai che vivevano in condizioni molto precarie, privi di allacci di acqua e luce, in un mondo di assoluto degrado.

In questo contesto Cammarata, rimasto isolato dopo lo sbaracco della zona avvenuta nel ’79, decide di effettuare una sorta di riqualificazione del quartiere. Realizza migliaia di sculture in cemento armato e gesso dipinte a mano, fontane, murales sulla strada (da lui ribattezzata Via delle Belle Arti) e semina per il territorio il suo segno artistico. Questa sorta di quartiere museo ha spesso attirato la curiosità di visitatori e fotografi fino all’abbattimento della casa di Cammarata da parte dell’autorità amministrativa avvenuta nel 2007. L’arte di Giovanni Cammarata è stata a lungo considerata l’opera di un esaltato, un naif da relegare nelle pagine delle “curiosità”. Divenuta una zona commerciale, oggi Maregrosso sta vivendo una nuova vita grazie all’intervento di artisti che seguono la strada tracciata da Cammarata.

I curatori Previti e Zampieri si sono preoccupati di studiare, recuperare e mantenere i resti della casa di Cammarata fino a produrre questa raccolta di fotografie e reperti che raccolgono la testimonianza del lavoro dell’artista.

La mostra è visitabile il 18,19 e 20 ottobre presso i Magazzini di via Alloro 129, il progetto “DINTORNI – Luoghi circostanti per l’arte” si avvale del patrocinio del Comune di Palermo e dell’Assessorato alle Culture ed è stato realizzato grazie al sostegno di sponsor privati.

Print Friendly, PDF & Email