lunedì, 17 Gennaio 2022
spot_img
HomeSiciliaVicari: dagli scavi nelle fondazioni del Teatro Libertà, importanti resti dell’ex Chiesa...

Vicari: dagli scavi nelle fondazioni del Teatro Libertà, importanti resti dell’ex Chiesa di San Leonardo

INTERVENTI URGENTI DI RIPRISTINO DELLE COPERTURE ALL'INTERNO DEL PARCO ARCHEOLOGICO DI MORGANTINA

Interessanti testimonianze archeologiche di età antica e medievale sono emerse a Vicari (PA) nel corso dei lavori di restauro e riqualificazione del Teatro Libertà che prevedevano anche il risanamento e il consolidamento delle fondazioni.

Gli scavi, realizzati dal Comune e progettati da Livia Realmuto sotto la direzione tecnico-scientifica della Soprintendenza dei Beni culturali di Palermo, diretta da Selima Giorgia Giuliano e in particolare della Sezione Archeologica, diretta da Maria Rosaria Marrone, hanno permesso di individuare parti delle strutture che appartenevano all’ex Chiesa di San Leonardo.

“L’attività di vigilanza esercitata dalle Soprintendenze della Sicilia – sottolinea l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – continua a dare interessanti frutti. Si tratta di un’azione costante e puntuale che scruta il territorio e permette di recuperare testimonianze storiche importanti durante le normali attività di cantiere consentendo che non vadano persi elementi importanti che contribuiscono a meglio definire l’atlante storico della nostra regione”.

Ad essere messi in luce sono stati, in particolare: una cripta, i resti dell’antico ingresso (acciottolato e gradino di accesso) e, all’esterno, parte di una delle absidi laterali costituita dai tipici blocchetti di calcarenite biancastra che caratterizza le architetture più antiche e tipiche del paese.
Al di sotto di queste strutture, lo scavo ha rivelato la presenza di sepolture infantili, costituite da contenitori in ceramica (spesso anfore) che custodivano i resti dei piccoli inumati secondo un rito (detto enchytrismòs) noto nelle necropoli di tradizione greca nel VI e V secolo a.C..

I contenitori ceramici in alcuni casi erano situati in fosse foderate e coperte da lastre di pietra, al di sopra delle quali piccoli cumuli di pietre costituivano i semplici segnacoli. All’interno di queste povere deposizioni si è trovato, in alcuni casi, anche qualche elemento di corredo, quali brocchette decorate a immersione.

Secondo quanto riferiscono gli archeologi della Soprintendenza, Monica Chiovaro e Laura Riolo –precisa la Soprintendente Selima Giorgia Giuliano – il dato è interessante poiché conferma l’estensione dell’ampia necropoli di età classica; inoltre, per la prima volta, lo scavo è stato realizzato con metodo stratigrafico e ciò ha consentito una raccolta attenta e puntuale dei dati della preziose testimonianze archeologiche messe in luce”.

L’area urbana di Vicari, situata ai piedi della possente rocca sulla quale si trovano oggi i ruderi del castello medievale, più volte nel passato ha restituito rinvenimenti fortuiti, costituiti per lo più da vasellame di età arcaica e classica (VI-V secolo a.C.). L’area era, infatti, occupata da una vasta necropoli, relativa a un centro posto in posizione strategica tra le vallate del Fiume Torto e del fiume San Leonardo; il sito fu fortemente influenzato dalla cultura greca e rimase in vita fino al III secolo a.C. quando, anche in questi territori, si assiste all’affermazione politica di Roma.
Poco sappiamo di Vicari in età tardo-antica e alto-medievale; è noto, invece, che il centro ebbe il suo sviluppo in età medievale, di cui conserva ancora oggi i tipici caratteri urbanistici, con la disposizione tortuosa delle strette vie che si dispongono alle pendici dell’antico castello.

INTERVENTI URGENTI DI RIPRISTINO DELLE COPERTURE ALL’INTERNO DEL PARCO ARCHEOLOGICO DI MORGANTINA

Sono in corso i lavori per il ripristino delle coperture in policarbonato a protezione degli ambienti che si trovano all’interno dell’Area Archeologica di Morgantina ad Aidone messi a rischio dalle avverse condizioni atmosferiche che si sono abbattute sulla Sicilia centro-orientale nelle scorse settimane.

L’intervento effettuato con massima sollecitudine dal Parco archeologico di Morgantina – sottolinea l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – esprime l’attenzione sempre crescente dell’amministrazione regionale alla salvaguardia del patrimonio culturale nella consapevolezza che la cultura e, nella fattispecie, i luoghi archeologici della Sicilia, sono il vero oro nero della Sicilia, sui quali costruire un progetto di sviluppo economico della Sicilia. Custodirli e garantirne la migliore fruibilità, è condizione essenziale per qualsiasi politica di valorizzazione”.

Gli interventi riguarderanno in particolare la messa in sicurezza delle strutture metalliche di supporto alle coperture in policarbonato, il rifacimento delle coperture tramite sostituzione delle lastre mancanti e la ricostituzione delle gronde e dei pluviali mancanti saranno eseguiti dalla ESSE I s.r.l. di Regalbuto che effettuerà gli interventi per garantire il ripristino delle condizioni di sicurezza e protezione anche a garanzia dell’incolumità delle persone. I lavori serviranno a ripristinare le lastre di copertura che, in alcuni casi letteralmente divelte dalle fortissime raffiche di vento, e a ripristinare le condizioni necessarie per la protezione degli ambienti di interesse archeologico quali pavimenti musivi e in coccio pesto, altari, fontane e il fabbricato denominato “Casa cisterna ad arco”.

La verifica dei danni è stata effettuata dall’Ufficio tecnico del Parco Archeologico di Morgantina e della Villa Romana del Casale che, dopo aver rilevato le criticità esistenti, ha attivato le procedure necessarie per gli interventi di pronto intervento necessari.

CORRELATI

Ultimi inseriti