Un Polo museale dedicato al liberty: se ne discuterà all’Ars

liberty
Villino Messina Verderame

La prossima settimana, la Commissione Bilancio dell’Assemblea Regionale Siciliana esaminerà il testo del Disegno di legge, già votato a gennaio dalla Commissione cultura, per la costituzione di un Polo museale dedicato al liberty e alle figure storiche della scuola
siciliana della “Art nouveau”, prima fra tutte quella di Ernesto Basile.

Per quell’occasione, Marianna Caronia ha chiesto che sia sentito anche il neo assessore regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, Alberto Samonà.
Il Disegno di legge identifica tre i luoghi storicamente legati alla figura dell’architetto palermitano e dello stile Liberty che ospiteranno tre diversi musei sotto un’unica regia.

Due interventi, rispettivamente a Villa Ida di via Siracusa e al Villino Messina Verderame di via Lo Jacono, prevedono la rifunzionalizzazione di edifici esistenti con la creazione
rispettivamente della “Casa Museo Basile” e dell’Archivio Benfratello.

Il terzo e più corposo intervento, con un primo stanziamento previsto dalla Commissione pari a 2 milioni di euro, riguarderà la realizzazione del “Museo del Liberty” lì dove una volta sorgeva la Villa Deliella progettata dal Basile ed abbattuta nel 1959.

Per Marianna Caronia, “è importante proseguire in tempi rapidi con l’esame di questa proposta di legge, perché Palermo dia il giusto tributo e torni a valorizzare, come avviene in altre parti d’Europa, il proprio patrimonio e la propria storia legata allo stile Liberty,
dedicandogli un museo in un luogo simbolico come quello in cui sorgeva Villa Deliella. Sono certa che l’Assessore Samonà proseguirà nell’impegno già assunto dal Governo regionale in passato per dotare la nostra città di un Polo unico ma con tre luoghi operativi; un’idea innovativa che potrà essere vincente sia per creare relazioni fra Istituzioni museali sia
per favorire un turismo culturale che può essere portatore di nuova economia”.