Un cane in casa contro eczema e asma

Far crescere i propri figli con un cane li proteggerà da asma e dermatiti. È quanto emerso dagli ultimi due studi presentati all’ACAAI, l’Asthma and Immunology Annual Scientific Meeting, a Boston lo scorso ottobre.

Intolleranze e allergie alimentari

Il primo studio ha dimostrato che i bambini di madri che siano state a contatto con un quattrozampe, almeno un’ora al giorno durante la gravidanza, abbiano una minore possibilità di contrarre dermatiti nei successivi due anni di vita. Tuttavia, dalla ricerca si evince anche che l’effetto protettivo sul sistema immunitario si abbassa notevolmente verso i dieci anni.

“Sebbene eczema e dermatiti di vario tipo siano patologie molto diffuse nei neonati, non tutti sanno che potrebbero trasformarsi facilmente in allergie alimentari e asma.”

Riferisce Gagandeep Cheema, allergologo membro dell’ACAAI e autore di fama internazionale.

“Vorremmo appurare che vi sia un reale effetto protettivo esercitato dalla presenza di un cane, in grado di ritardare questo processo”.

Asma e problemi respiratori

Il secondo studio si è concentrato, invece, sui bambini asmatici con allergie al pelo di cane. I ricercatori hanno individuato due probabili fonti dell’allergia: proteine, allergeni, e batteri portati dall’animale stesso.

I risultati hanno mostrato effetti contraddittori sull’asma. I bambini già affetti da allergia erano, infatti, soggetti a peggioramenti se esposti all’allergene, mentre negli altri lo stesso elemento riusciva ad avere un effetto preventivo contro i sintomi dell’asma.

Tali risultati sono paragonabili agli effetti positivi offerti dall’esposizione costante ai microbi, riscontrati nelle comunità Amish negli Stati Uniti e pienamente riconosciuti dalla letteratura scientifica.

Come ridurre il rischio

Per ridurre l’esposizione dei bambini allergici al pelo del miglior amico dell’uomo, l’ACAAI suggerisce di:

  • tenere il cane lontano dalla camera da letto e farlo entrare solo in alcune stanze.
  • lavarsi le mani con acqua e sapone dopo aver toccato o giocato con il quattrozampe
  • istallare sistemi di purificazione dell’aria ad alta efficienza
  • pulire la casa sistematicamente
  • lavare l’animale almeno una volta a settimana

fonte: qzlife.it

Print Friendly, PDF & Email