venerdì, 21 Gennaio 2022
spot_img
HomeculturaTorna Palermo Classica: concerti dal 5 dicembre nell’ex chiesa di San Mattia...

Torna Palermo Classica: concerti dal 5 dicembre nell’ex chiesa di San Mattia ai Crociferi

Il programma fino al 30 aprile

Per Palermo Classica è pronta la stagione invernale, diretta da Girolamo Salerno. Ventidue concerti, da domenica 5 dicembre alle 19,15 nell’ex chiesa di San Mattia ai Crociferi, a Palermo, fino al 30 aprile.

Un appuntamento domenicale fisso che quest’anno non seguirà un tema conduttore, come accaduto per gli anni precedenti, ma lascia ampia libertà di scelte ai giovani pianisti impegnati, promesse del concertismo internazionale e spesso molto conosciuti nei rispettivi Paesi di origine.

Inaugurerà la rassegna, il russo Eduard Kunz, nominato tra i dieci grandi pianisti del futuro dal BBC Music Magazine. Kunz, che si è esibito con più di 70 orchestre internazionali e torna regolarmente nel suo Paese per suonare anche con le formazioni giovanili, è stato ospite della Wigmore Hall di Londra, al Louvre di Parigi, al Concertgebau di Amsterdam, alla Sala Verdi di Milano, dove ha eseguito le 50 sonate di Scarlatti; a Oslo, Barcellona e Bilbau, al Bunka Kaikan di Tokio e Nikkei, Kyoto Concert Hall, nella maggior parte delle sale da concerto dell’Europa orientale, a Dubai e Dallas, New Orleans, Washington e New York. Sarà impegnato in un programma tutto bachiano nel quale si potranno apprezzare le trascrizioni di alcuni brani famosi come la Ciaccona dalla Partita n. 2 di Bach/Busoni e il Preludio in si maggiore di Bach/Siloti.  Biglietto: 14,50 /7 euro

Secondo appuntamento, il 12 dicembre, con la pianista russa Polina Osetinskaya che eseguirà un programma di impronta barocca nel quale emergono opere di Bach, Handel, Purcell e Rameau

Il 19 dicembre tocca al francese François Dumont in un recital interamente dedicato a Chopin. A Santo Stefano, il 26 dicembre, il concerto natalizio più atteso: la pianista russa (ma di stanza ad Amsterdam) Nadezda Filippova offrirà un recital di ampio respiro con musiche di Chopin, Liszt, Mozart e Debussy.

Ritorna la pianista kazaka Oxana Shevchenko e il 2 gennaio, che inaugura l’ingresso del nuovo anno con un recital a dir poco impegnativo nel quale verranno proposti lo Schiaccianoci di Cajkovskij,  4 Valzer di Chopin – estratti dalla Suite “Romeo e Giulietta” di Prokofiev – 3 Preludi di Gershwin e La Valse di Ravel.  Il 9 gennaio, la coreana Ain Yoon offre un programma con musiche di Bach, Liszt e Rachmaninov.

Settimo appuntamento con un altro gradito ritorno, quello dell’ucraina Dinara Klinton che il 16 gennaio proporrà alcuni Preludi, Op. 23 di Rachmaninov e rende omaggio a Scriabin nel 150° anniversario dalla nascita, con la Sonata n. 9. Il 23 gennaio, il pianista belga Matthieu Idmtal – vincitore di oltre 15 concorsi internazionali -aprirà il suo concerto con diversi brani di Chopin, per proseguire con Scene Infantili di Schumann e Soirée de Vienne di Strauss. Il mese di gennaio si chiude il 30 con il concerto del pianista russo Ilya Rashkovsky che proporrà la Grande Polacca di Chopin, Carnaval, Op. 9 di Schumann e ancora Scriabin nel 150 anniversario della nascita.

Febbraio si apre il 6 con la pianista estone Kristi Kapten e unprogramma intenso nel quale emergono la Sonata “Les Adieux” di Beethoven, brani di Scriabin, Schönberg e Berg, per concludere con le Variazioni su tema di Corelli di Rachmaninov. La pianista inglese Lara Melda, il 13 febbraio, eseguirà brani di Chopin e Rachmaninov; e il 20, tornerà la giovanissima russa Eva Gevorgyan, dopo il successo di questa estate e reduce del grande concorso Chopin di Varsavia nel quale è arrivata finalista. Eseguirà musiche di Beethoven, Chopin, per finire ancora con un omaggio a Scriabin con i 24 Preludi. Il 27 febbraio sarà la volta del pianista lettone Kostantin Semilakovs che eseguirà le 3 Mazurche e diversi Scherzi di ChopinScriabin “Vers la flamme” e 3 Preludi di Debussy.

Una virtuosa pianista italiana, che pian piano si sta imponendo all’attenzione della critica: Vanessa Benelli Mosell interpreterà il 6 marzo la Sonata n. 1 di Beethoven, la Suite del Casanova di Federico Fellini di Rota e la Ciaccona di Bach/Busoni; e il 13 ritorna una beniamina di Palermo Classica come Olga Stezhko che renderà omaggio a Scriabin con l’esecuzione di alcuni Preludi e  delle due Sonate n. 8, Op. 66 e n. 10, Op. 70.

Lo spagnolo Enrique Bagarìa, il 20 marzo, aprirà il suo concerto con la Sonata n. 18 di Beethoven, a seguire alcuni Preludi di Rachmaninov, concludendo con Fantasie, Op. 28 di Scriabin. Il 27 marzo, la georgiana Lika Bibileishvili eseguirà il brano di Debussy, Pour le piano, a seguire Petrushka di Stravinsky e Tarantella di Liszt.

Nata a San Sebastián, da madre basca e padre messicano di nascita e francese di adozione, Judith Jàuregu arrivaa San Mattia il 3 aprile: oltre a proporre la Sonata, Op. 7 di Grieg, 6 Pezzi per pianoforte di Brahms, concluderà il concerto con due brani di Chopin: la Ballata, Op. 23 e la Grande Polacca Brillante, Op. 22.

Torna dopo quattro anni, la pianista australiana Primavera Shima che eseguirà la Fantasia, Op. 17 di Schumann e Fantasie, Op. 49 di Chopin. Aprirà il concerto con la Sonata n. 53 di Haydn. Dopo aver partecipato alla XVIII edizione dello Chopin Piano Competition, il 17 aprile si esibirà il pianista lettone Georgijs Osokins che eseguirà gli Studi Op. 25 di Chopin e la “Dante Sonata” di Liszt.

Nel penultimo appuntamento di aprile, il 24, sarà coinvolta la pianista croata (è nata a Spalato) Virna Kliakovic, che proporrà alcuni Notturni di Chopin, Quattro Ballate di Brahms e per concludere con i Quadri di un’esposizione di Mussorgsky.  Chiude la rassegna il 30 aprile, il pianista tedesco Moritz Winkelmann cheinterpreterà due brani di Lachermann: Cradle Music e Marche fatale e le tre Sonate Op. 109 – 110 e 111 di Ludwing van Beethoven.

Aperta la campagna abbonamenti, info su palermoclassica.it

CORRELATI

Ultimi inseriti