TARI e IMU, il Comune propone agevolazioni tributarie per imprese ed enti colpiti dal lockdown

Arriva il taglio di Tari e IMU che, in base alla legge regionale, riguarderà imprese ed enti danneggiati dalla chiusura imposta dal Covid-19. Per alcuni sarà automatico e per altri, invece, su richiesta

tari scadenza
tari

Palermo. Su proposta dei dirigenti del Servizio TARI e del Servizio ICI-IMU-TASI, sono state sottoposte al Consiglio comunale quattro proposte di delibera, due riguardanti la TARI e due riguardanti l’IMU.

TARI


Con la prima proposta di delibera, a cura del Dirigente del Servizio TARI, redatta nel rispetto della Direttiva del Sindaco, è stato chiesto al Consiglio Comunale di modificare il Regolamento per l’applicazione della tassa sui rifiuti (TARI), attraverso l’inserimento di un articolo – “Art. 24 Misure straordinarie valevoli per il solo 2020 soggette a condizione sospensiva finalizzate all’utilizzo del Fondo Perequativo di cui all’art.11 della L.R. n.9/2020” –  in base al quale, per il solo anno 2020, per alcune categorie di utenze non domestiche, a cui è stata imposta la sospensione della propria attività a causa della emergenza sanitaria determinata dalla pandemia del COVID-19, la tassa – se venisse accolta la proposta – verrà ridotta nella misura del 59%, sia nella quota fissa che nella quota variabile

Classe Categorie di attività ai fini Tari valide dal 1° gennaio 2020

1 Associazione, museo, biblioteca, scuola, luogo di culto

2 Cinematografo, teatro

4 Campeggi e impianti sportivi

5 Stabilimento balneare

6 Esposizione, autosaloni

7 Alberghi con ristorante

8 Alberghi senza ristorante

11 Uffici, agenzia,

12 Banca ed istituto di credito, studi professionali

13 Negozi di abbigliamento, calzatura, libreria, cartoleria

15 Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato

16 Banchi di mercato di beni durevoli

17 Attività artigianali tipo botteghe: parrucchiere, barbiere, estetista

18 Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista

20 Attività industriali con capannoni di produzione

21 Attività artigianali di produzione di beni specifici

22 Ristorante, trattoria, osteria, pizzeria, pub

23 Mensa; hamburgheria

24 Bar, caffè, pasticceria

29 Banchi di mercato generi alimentari

30 Discoteca, night club

L’agevolazione, che sarà compensata con pendenze precedenti riferite al medesimo tributo o, in assenza, con la tassa dovuta per l’anno 2021, è riconosciuta d’Ufficio alle suddette utenze ad eccezione di quelle riguardanti i campeggi, gli impianti sportivi, i negozi di abbigliamento, calzatura, libreria e cartoleria, le quali, essendo incluse in classi che comprendendo altre categorie economiche che non hanno avuto imposte chiusure, non risultano automaticamente agevolabili.

Per quest’ultime utenze, il beneficio dell’agevolazione, è riconosciuto su apposita dichiarazione dell’interessato da presentare, esclusivamente attraverso il servizio di protocollo on line disponibile sulla piattaforma informatica denominata “cassetto tributi”, entro il termine dell’1 marzo 2021.

Considerato che alla luce di tutti i benefici previsti dalla citata direttiva sindacale, al fine di non sforare la somma complessivamente assegnata a questo Ente dalla Regione Siciliana, la misura agevolativa ai fini TARI non può superare il limite del 59%.

Nel caso in cui l’effettivo trasferimento dovesse essere diverso da quello stabilito nella pre-intesa con la Regione Siciliana, la percentuale di riduzione, di cui al superiore comma 1, sarà rideterminata in misura direttamente proporzionale all’importo del trasferimento stesso.


Viene altresì proposta l’adozione da parte del Consiglio comunale di un altro articolo  – Art. 24 bis “Misure straordinarie valevoli per il solo 2020 soggette a condizione sospensiva finalizzate all’utilizzo del Fondo Perequativo di cui all’art.11 della L.R. n.9/2020 – utilizzo quota spettante a valere sulla riserva di cui all’Intesa del 16 luglio 2020 in sede di Conferenza Regione – Autonomie Locali” – ai sensi del quale per il solo anno 2020, alle medesime categorie di utenze non domestiche di cui sopra, la tassa è ridotta, oltre che nella misura di cui al precedente art.24, nella misura di un ulteriore 11% sia nella quota fissa che nella quota variabile.

Anche in questo caso, l’agevolazione, che sarà compensata con pendenze precedenti riferite al medesimo tributo o, in assenza, con la tassa dovuta per l’anno 2021, è riconosciuta d’Ufficio alle suddette utenze ad eccezione di quelle riguardanti i campeggi, gli impianti sportivi, i negozi di abbigliamento, calzatura, libreria e cartoleria, le quali, essendo incluse in classi che comprendendo altre categorie commerciali che non hanno avuto imposte chiusure, non risultano automaticamente agevolabili.

Per quest’ultime utenze, il beneficio dell’agevolazione, è riconosciuto su apposita dichiarazione dell’interessato da presentare, esclusivamente attraverso il servizio di protocollo on line disponibile sulla piattaforma informatica denominata “cassetto tributi”, entro il termine del 1 marzo 2021.

IMU


Per quanto riguarda l’IMU, su proposta del Dirigente del Servizio ICI-IMU-TASI-, si chiede al Consiglio Comunale di approvare il Regolamento per le agevolazioni straordinarie soggette a condizione sospensiva ai fini dell’I.M.U. 2020 – Art.11 L.R. n.9/2020 – Fondo Perequativo degli Enti locali –– utilizzo quota spettante a valere sulla riserva di cui all’Intesa del 16 luglio 2020 in sede di Conferenza Regione – Autonomie Locali.

Inoltre, si propone di stabilire che:

–      l’efficacia del riconoscimento delle misure di agevolazione tributaria è strettamente subordinata all’ulteriore condizione sospensiva che entro il termine per l’approvazione del bilancio di previsione 2020/2022, a legislazione il 30 settembre 2020, sia approvata la proposta di Delibera di Consiglio Comunale avente ad oggetto “IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) – APPROVAZIONE ALIQUOTE ANNO 2020” – prot. 590736 del 08/05/2020;

–      dall’approvazione della presente deliberazione, non può sorgere a carico degli operatori economici interessati alcun diritto soggettivo e/o interesse legittimo, né un legittimo affidamento;

Infine, si propone di dare atto che la stima della misura economica dell’agevolazione di cui alla presente deliberazione ammonta ad un totale di  € 829.192,37.

L’ammontare definitivo sarà oggetto di rendicontazione alla Regione Siciliana a seguito della verifica delle istanze presentate dai soggetti beneficiari, ed il cui ammontare potrà subire modificazioni in maniera direttamente proporzionale alle effettive somme trasferite dalla Regione Siciliana.


Con la seconda proposta di delibera del Dirigente del Servizio ICI-IMU-TASI si chiede al Consiglio di approvare il Regolamento per le agevolazioni straordinarie soggette a condizione sospensiva ai fini dell’I.M.U. 2020 – Art.11 L.R. n.9/2020 – Fondo Perequativo degli Enti locali.
Per la stima della misura economica dell’agevolazione, l’ammontare definitivo sarà oggetto di rendicontazione alla Regione Siciliana a seguito della verifica delle istanze presentate dai soggetti beneficiari, e potrà subire modificazioni in maniera direttamente proporzionale alle effettive somme trasferite dalla Regione Siciliana.

ALTRE NEWS SULLA TARI

Il Consiglio comunale ha votato a maggioranza le tariffe TARI 2020. Non vi saranno aumenti della Tassa, che avrà pertanto le stesse tariffe del 2019, con una clausola che fa espresso riferimento alla situazione determinata dall’emergenza Covid e alla recente normativa regionale che ha aperto la possibilità a riduzioni ed esenzioni da compensare con fondi regionali, “nonché, in stretta connessione con gli effetti prodotti dall’emergenza epidemiologica, ogni altro intervento nazionale o regionale”. La delibera approvata, che emana tanto dai precedenti voti del Consiglio Comunale quanto dall’indirizzo della Giunta, aveva già ricevuto parere positivo dai Revisori dei Conti del Comune. Se alla fine dell’anno, una volta che sarà accertato e certificato il costo del trasporto dei rifiuti fuori provincia, dovesse essere necessario un aumento, questo sarà spalmato su tre anni.

“Auspichiamo ora – afferma il sindaco Leoluca Orlando – che con lo stesso spirito con cui la maggioranza del Consiglio comunale ha condiviso la proposta della Giunta, si arrivi presto all’approvazione dell’ulteriore proposta che riguarda la TARI, quella cioè che prevede una riduzione fino al 70% per le aziende colpite maggiormente dalla crisi economica legata al Covid-19. Sarà un ulteriore segno di attenzione per le imprese e un ulteriore segno di sensibilità da parte del Consiglio comunale”.

Approvate riduzioni TARI e IMU per le imprese costrette a chiudere durante il lockdown

Il  Consiglio comunale ha approvato mercoledì 30 settembre quattro delibere, due riguardanti la TARI e due riguardanti l’IMU. Tutte e quattro fanno riferimento al Fondo di perequazione approvato dalla Regione siciliana per compensare le minori entrate tributarie dei comuni a causa del Covid-19. Le delibere prevedono, per quanto riguarda la TARI, una possibilità di sconto fino al 70 per cento per le imprese che ricadono nelle tipologie elencate:
1 Associazione, museo, biblioteca, scuola, luogo di culto

2 Cinematografo, teatro

4 Campeggi e impianti sportivi

5 Stabilimento balneare

6 Esposizione, autosaloni

7 Alberghi con ristorante

8 Alberghi senza ristorante

11 Uffici, agenzia,

12 Banca ed istituto di credito, studi professionali

13 Negozi di abbigliamento, calzatura, libreria, cartoleria

15 Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato

16 Banchi di mercato di beni durevoli

17 Attività artigianali tipo botteghe: parrucchiere, barbiere, estetista

18 Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista

20 Attività industriali con capannoni di produzione

21 Attività artigianali di produzione di beni specifici

22 Ristorante, trattoria, osteria, pizzeria, pub

23 Mensa; hamburgheria

24 Bar, caffè, pasticceria

29 Banchi di mercato generi alimentari

30 Discoteche, night club

 
Di questo 70 per cento, l’11 per cento è subordinato all’effettiva disponibilità delle somme concordate al tavolo tra Regione e Autonomie locali. L’agevolazione sarà effettuata tramite compensazione con le somme dovute per gli anni precedenti o con la riduzione per l’anno 2021.
Per quanto riguarda l’IMU la riduzione approvata è fino a 8 dodicesimi di cui uno è sempre subordinato all’accordo Regione siciliana Enti locali. L’agevolazione è riconosciuta d’Ufficio alle utenze non domestiche citate, ad eccezione di quelle riguardanti i campeggi, gli impianti sportivi, i negozi di abbigliamento, calzature, libreria e cartoleria, le quali, essendo incluse in classi che comprendendo altre categorie economiche che non hanno avuto imposte chiusure, non risultano automaticamente agevolabili. Per queste ultime sarà possibile avanzare richiesta con un modulo che sarà disponibile on line nelle prossime settimane.