Sposa del Mediterraneo: ecco il bilancio della fiera dedicata agli sposi

Un espositore della fiera degli sposi
Un espositore della fiera degli sposi

Sposa del Mediterraneo” la fiera organizzata dalla società Medifiere ha chiuso i battenti ieri. Si  è conclusa, così,  la settimana dedicata al giorno del grande si, il bilancio della manifestazione sembra esser assolutamente positivo. Abbiamo chiesto agli organizzatori ed ai commercianti com’è andata.

Per Massimiliano Mazzara di Medifiere «Siamo davvero contenti, per noi quest’anno una era scommessa perché abbiamo anticipato la data della manifestazione.  Abbiamo riscontrato un successo strepitoso, superiore a tutte le nostre attese, sia per le coppie che hanno visitato la fiera sia per gli espositori che hanno fatto dei grandi affari. Rifaremo nuovamente la fiera degli sposi dal 3 al 6 gennaio inaugurando il nuovo anno con le collezioni di abiti da sposa presentate in anteprima. Dal 23 al 25 di novembre ci ritroveremo invece per una fiera importantissima la MediEdilizia alla sua seconda edizione, quest’anno la vediamo ancora più grande con numerosi esperti del settore, una manifestazione importante che riunisce tutte le aziende nel mondo dell’edilizia locali, nazionali e anche qualche azienda estera».

Pareri positivi anche da parte degli espositori che hanno apprezzato l’organizzazione e afflusso di visitatori.

La responsabile dell’atelier Butterfly  al GCPress ha dichiarato «la fiera per noi è andata più che bene, abbiamo registrato soltanto il giorno dell’inaugurazione circa 2000 contatti che non sono affatto pochi, si è notato che chiunque venisse in fiera rappresentava un possibile acquirente, certo ci sono cose da migliorare come ad esempio la musica troppo alta che confonde i visitatori spingendoli ad andar via piuttosto che rimanere, ma in generale il bilancio è positivo come organizzazione ci sentiamo di dare 110 e lode. Noi torneremo anche a  gennaio a presentare la nuova collezione, non è il primo anno che partecipiamo e riteniamo sia un’ottima vetrina».

Lo studio fotografico Digiservice ci ha confidato «abbiamo avuto un riscontro positivo anche se ci aspettavamo un afflusso maggiore di visitatori. N, onostante ciò abbiamo acquisito numerosi contanti, oggi noi lavoriamo principalmente sui social per farci conoscere, fino a qualche hanno fa la fiera era l’unica vetrina possibile specialmente per chi come noi non ha un negozio su strada. Però il contatto umano diretto, nel far toccare con mano i nostri lavori è sempre un ottimo incentivo».

Soddisfatti anche gli esponenti del gruppo musicale Almada’ «per noi la fiera è andata più che bene come prima manifestazione dell’anno dedicata agi sposi possiamo dire di aver acquisito numerosi contatti».

In soldoni: “Sposa del Mediterraneo” sembra essere andata ben oltre le aspettative di tutti, non ci resta che darvi appuntamento a gennaio per una nuova settimana dedicata al giorno più bello.

Print Friendly, PDF & Email