Sicurezza alimentare. Controlli della PM con sequestri e denuncie

Continua senza soste l’attività della Polizia Municipale a tutela dei consumatori:  gli agenti del nucleo antifrodi, dagli accertamenti compiuti sulle attività di somministrazione di alimenti e bevande in merito alla sicurezza alimentare, hanno riscontrato alcune irregolarità riguardanti le condizioni igienico sanitarie degli alimenti e la frode in commercio, per la vendita di prodotti alimentari congelati venduti come prodotto fresco.

Tre persone, titolari di altrettanti esercizi, rispettivamente ubicati in via Don Orione, via Pacinotti e via Dante, sono state denunciate all’autorità giudiziaria per frode in commercio e cattiva conservazione degli alimenti, mentre il titolare di un’attività di via  Autonomia Siciliana è stato denunciato per frode in commercio, ed in totale sono stati sequestrati circa 80 chili di prodotti congelati.

In via Don Orione, gli agenti del Naf hanno sequestrato circa sessanta chili di prodotti congelati ad una attività di prodotti di panetteria freschi, gastronomia, rosticceria, pasticceria, pizzeria e vendita al dettaglio di alimenti e bevande.

Durante gli accertamenti è stato riscontrato che nei banchi di vendita venivano esposte sfoglie con farcitura varia, (nutella, ricotta, marmellata), cassate con ricotta, pane integrale, senza l’esposizione del cartello degli ingredienti per le dovute informazioni agli avventori. Informazioni indispensabili per clienti soggetti ad eventuali allergie o intolleranze alimentari.

All’interno del laboratorio, diversi prodotti come sfince, bignè, arancinette con ripieni diversi (carne, burro), spiedini e crostini mignon, erano contenuti all’interno di due congelatori ed in procinto di essere sottoposti a  scongelamento.
Gli alimenti inoltre, erano in evidente cattivo stato di conservazione dove all’interno dei due frigo congelatori venivano accomunati, senza alcuna protezione ed in promiscuità tra loro, in attrezzature sporche ed in pessimo stato d’uso, con evidenti rischi di contaminazione.
Gli agenti procedevano quindi al sequestro dei due frigo congelatori contenenti circa sessanta chili di prodotti congelati: circa 20 chili di prodotti tra sfince e bignè e circa 40 chili di prodotti congelati di cui 20 chili circa tra  arancinette, spiedini e crostini mignon; tre chili circa di sfogline con varia farcitura; sette chili di mini cornetti; tre chili di pane integrale e circa 24 chili di ricotta congelata.
Il titolare L.L. di 30 anni, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione e frode in commercio.

L’altro intervento, in un bar di  via Pacinotti, dove durante il sopralluogo all’interno del laboratorio, è stata accertata la cottura in forno di cornetti surgelati di provenienza industriale e l’utilizzo di patatine fritte surgelate per la preparazione e manipolazione dei panini imbottiti somministrati agli avventori.
Nella sala di somministrazione, nessun cartello avvertiva i consumatori dell’uso di prodotti surgelati al posto di prodotti freschi.
Inoltre, è stato riscontrato in cattivo stato di conservazione, il ghiaccio alimentare utilizzato per la preparazione di aperitivi e cocktail, peraltro conservato in frigo in  promiscuità con altri alimenti ed a contatto con imballaggi di cartone; l’attività di autoproduzione di ghiaccio, veniva eseguita senza la prescritta macchina del ghiaccio e senza le prescrizioni del  vigente sistema HACCP.
Il titolare G.F. di 48 anni, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione e frode in commercio e circa 12 chili di prodotti surgelati sono stati sequestrati.

In via Dante, all’interno di un bar, anche in questo caso gli agenti verificavano che nei locali del laboratorio, cornetti e prodotti di pasticceria varia, venivano conservati all’interno di un congelatore pieno di ruggine, con le cerniere cedute e malfunzionante, senza indicazione della temperatura di esercizio, a causa del malfunzionamento del termostato.
Nei locali di vendita, nessun cartello informava il consumatore della presenza di prodotti congelati anziché freschi.
Circa dieci chili di prodotti tra mini flauti, cornetti integrali al miele, fagottini al cioccolato,  cornetti ai frutti di bosco, prodotti industrialmente da un marchio alimentare, venivano sequestrati ed il titolare, S.O. di 50 anni è stato denunciato all’autorità giudiziaria per detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione e frode in commercio.

Infine, in via Autonomia Siciliana, all’interno di un’altra attività di somministrazione di alimenti e bevande, è stato accertato che il titolare poneva in vendita, prodotti congelati di finger-food (alette e crocchette di pollo piccanti), senza preventiva informazione  ai consumatori nei menù  e nei listini prezzo esposti al pubblico.  All’interno di un frigo-congelatore venivano riscontrati circa cinque chili di prodotti congelati che sono stati sequestrati. Il titolare I.D. di 45 anni, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per frode in commercio.-