Si presenta sabato al bookshop del Salinas il volume ”La Meschita. Il quartiere ebraico di Palermo”

La Meschita. Il quartiere ebraico di Palermo

La Meschita. Il quartiere ebraico di Palermo”, di Edizioni Kalós, sarà presentato sabato 26 gennaio, alle ore 16.30, al Museo Salinas –Bookshop Culture Concept Store, di piazza Olivella a Palermo.

Il volume di Francesco D’Agostino è arricchito con le fotografie di Sandro Riotta. L’evento è organizzato in collaborazione con Coop Culture, e si svolge nell’ambito delle iniziative dedicate al Giorno della Memoria.

Non è dato sapere quando gli ebrei giunsero a Palermo, la prima notizia certa della loro presenza risale al 598 d.C. Intorno all’anno Mille, poco fuori le mura meridionali e sulle rive del non più visibile torrente Kemonia, gli ebrei palermitani edificarono il loro sobborgo, l’harat al-Yahud (quartiere dei giudei), e vi abitarono sino all’espulsione del 1492. La Giudecca, a cui si accedeva attraverso la Porta di Ferro (Bab al-hadid), era suddivisa in due contrade: la Meschita e la Guzzetta, un dedalo di vicoli, piazzette, orti e giardini. La realizzazione della via Maqueda prima e della via Roma poi ne causò lo sventramento, sconvolgendo l’assetto viario originario. La Guzzetta fu quasi completamente cancellata, della Meschita rimangono invece poche e rare tracce. Nel percorrere le strade così come si presentano oggi, con un po’ d’immaginazione il visitatore attento, seguendo l’itinerario proposto dal volume “La Meschita. Il quartiere ebraico di Palermo”, può scoprire il fascino che questi luoghi conservano e tornare a respirare antiche atmosfere.

L’incontro sarà introdotto da Salvino Leone, Direttore editoriale Edizioni Kalós. Interverrà Chiara Utro, guida turistica. Saranno presenti Francesco D’Agostino e Sandro Riotta, rispettivamente autore e fotografo del volume.

 

 

Print Friendly, PDF & Email