Scuola, un milione di euro per il centro polivalente all’asilo Parisi del Borgo Vecchio

asilo parisi
ex asilo Parisi - foto a corredo del C.S.

Palermo. Dopo oltre 10 anni di chiusura dovuta ad un grave atto vandalico che ne ha compromesso la sicurezza, potrà tornare a nuova vita l’ex asilo “Alessandra Parisi”. La struttura che si trova in via Principe di Scordia, nel quartiere di Borgo Vecchio, sarà ristrutturata e riqualificata su decisione della Giunta che dopo una serie di confronti su idee e proposte con i cittadini e associazioni del quartiere ha approvato la delibera, la cui proposta è stata formalizzata dagli Assessori Marano e Mattina.

L’ex asilo sarà quindi destinato ad interventi educativi in favore dell’infanzia e l’adolescenza nel territorio di quel quartiere. Il costo dell’intera operazione è cofinanziato dall’impresa sociale “Con i bambini” e Fondazione con il Sud per l’importo di 500 mila euro e dal Comune, tramite i fondi nazionali della legge 285/97, per un analogo importo.

Dunque, nascerà nel cuore di Borgo Vecchio uno spazio polifunzionale per l’infanzia e l’adolescenza. In particolare, le aule al piano terra saranno ristrutturate per ospitare sezioni primavera o spazi gioco, anche nell’ottica del sistema integrato 0-6, mentre saranno allestiti degli spazi gestiti da associazioni del terzo settore, area scuola e servizi sociali del Comune di Palermo, per supportare la formazione continua dei ragazzi e degli adolescenti, che potranno fruire di una ludoteca e di una biblioteca. Previste anche aule dove poter svolgere attività di supporto scolastico, sportello psicologico, ma anche laboratori di musica, teatro, informatica e altre attività e discipline. Le attività saranno aperte alla partecipazione delle famiglie ed in particolare delle giovani madri con interventi di sostegno alla genitorialità.

La realizzazione delle schede tecniche per l’intervento edilizio sarà curata dal Coime, mentre l’area del Verde si occuperà della pulizia dello spazio esterno all’edificio con la creazione di spazi verde a corredo della struttura. Infine l’area della cittadinanza solidale svilupperà le schede tecniche di intervento per il contrasto della povertà educativa per l’utilizzo dei fondi statali.

I due assessori che hanno curato il percorso di redazione della delibera sottolineano che “oggi si compie un passo importante per portare finalmente a risultato un lungo lavoro che ha coinvolto i tanti cittadini e le tante cittadine che hanno a cuore lo sviluppo di Borgo Vecchio e dei suoi giovani, con i quali abbiamo lavorato a lungo per trovare una soluzione che si può concretizzare grazie al sostegno della Fondazione con il Sud e di “Con i Bambini”, confermando l’importanza della sinergia fra pubblico e privato sociale”.

Il Sindaco ha voluto affermato che “nel nome di Alessandra Parisi, giovanissima vittima della strage di Ustica, riprende oggi un cammino di speranza e fiducia nel futuro, di impegno per i più piccoli abitanti di Borgo Vecchio. Un quartiere, come dimostra la piccola grande storia del campetto di calcio, i cui giovani e giovanissimi amano e sanno prendersi cura dei beni comuni, quando opportunamente supportati, incoraggiati e sostenuti dalle istituzioni. Speriamo che presto questo spazio torni a nuova vita per il bene di quella comunità e di tutti i palermitani”.

“L’approvazione da parte della Giunta del progetto di riqualificazione dell’ex asilo Parisi al Borgo Vecchio è il coronamento di anni di lavoro nel e con il quartiere da parte del Comitato “Borgo Vecchio nel cuore”, che ha messo in rete le realtà associative del terzo settore, la parrocchia Santa Lucia, l’Ottava Circoscrizione e la scuola Politeama, intessendo un dialogo costante tra l’amministrazione e il territorio. La chiusura decennale di questa splendida struttura era una ferita viva nel quartiere, anche per la storia straordinaria che custodisce, essendo stato dedicato dal padre, l’ingegnere Roberto Parisi, alla piccola figlia Alessandra, uccisa nella strage di Ustica insieme alla madre, e a sua volta caduto per mano mafiosa insieme all’autista Giuseppe Mangano. Grazie al finanziamento di Fondazione con il Sud e ai fondi dell’assessorato Cittadinanza solidale, l’ex asilo diverrà uno spazio al servizio dei più piccoli e degli adolescenti, nonché delle mamme del quartiere, e la sua gestione sarà partecipata e condivisa dalle associazioni e dai cittadini di Borgo Vecchio, che già autogestiscono e si prendono cura del campetto restituito alla città lo scorso anno. Il Comitato continuerà a lavorare per ridare dignità e bellezza al Borgo, perché possa entrare presto nel circuito turistico della città, narrando anche le splendide storie dei Palermitani illustri a cui ha dato i natali, come l’antropologo Giuseppe Pitré e la musicista Giuni Russo”. Lo ha dichiarato Valentina Chinnici, capogruppo di Avanti Insieme e portavoce del comitato “Borgo Vecchio nel cuore”.

[Note stampa]