giovedì, 25 Luglio 2024
spot_img
HomeSiciliaSanto Stefano di Camastra celebra la ceramica

Santo Stefano di Camastra celebra la ceramica

Il comune del messinese, per due fine settimana, organizza “Ceramica sotto le stelle” tra aboratori a cielo aperto, decorazioni “live”, e momenti culturali: si potranno realizzare oggetti insieme ai maestri ceramisti. E poi un convegno con personalità di spicco

La celebrazione della ceramica e dei suoi artigiani. A Santo Stefano di Camastra, per due fine settimana (29 e 30 giugno e 6 e 7 luglio) si terrà l’evento “Ceramica sotto le stelle”. 

Un doppio appuntamento per celebrare l’arte dei ceramisti, con sessioni “live” per poter creare e decorare un oggetto di ceramica, momenti culturali e di approfondimento, appuntamenti per grandi e piccini e anche della buona musica e uno spettacolo teatrale.

“Continuiamo il nostro percorso di valorizzazione e promozione della nostra ceramica – dice l’assessore di Santo Stefano Fausto Pellegrino – Abbiamo lavorato a questa iniziativa insieme al sindaco Francesco Re e al collega assessore Alessandro Amoroso. Obiettivo è quello non solo di raccontare quest’arte della ceramica che si perde nella notte dei tempi. Ma anche parlare di futuro e potenzialità di questo settore, soprattutto per i nostri ragazzi che frequentano il liceo artistico e che, grazie all’intervento del dirigente Antoci, stanno riscoprendo la passione per la foggiatura e la decorazione delle ceramiche artistiche. La ceramica può e deve ancora far parlare di sé”.
 
L’evento “Ceramica sotto le stelle” è stato anticipato qualche tempo da un altro evento “gemello”, “Buongiorno ceramica”. E le ceramiche di Santo Stefano, insieme a quelle di Monreale, Collesano, Sciacca, Burgio e Caltagirone, sono state le protagoniste alla Bit di Milano, in cui hanno svelato il “passaporto“, lo strumento perfetto non solo per promuovere questi oggetti unici nel mondo, ma anche le bellezze artistiche e culturali di questi comuni: “Un normale proseguimento delle attività messe in campo per promuovere la ceramica stefanese e quella degli altri comuni che credono in questo progetto – dice Pellegrino – Abbiamo voluto fortemente dedicare due fine settimana ai nostri maestri ceramisti e alle loro produzioni, cercando di non realizzare una semplice fiera-mercato o una mostra, ma rendendo protagonisti anche grandi e piccini che potranno vivere il mondo della ceramica in maniera unica”.
 
Il momento più atteso “Mettiamoci le mani” (il 29 e 30 giugno e il 6 e 7 luglio dalle 10 alle 16) si terrà in via Umberto. Si tratta di laboratori di decorazione e ceramica aperti a tutti. Insieme agli esperti, si potrà di modellare l’argilla, ma anche decorare pezzi pronti e da infornare. Il 29 giugno, alle 19,30 a Palazzo Trabia, l’inaugurazione della mostra “Culti solari” di Mario Lo Coco.

Il 30 giugno, alle 18,30, sempre a Palazzo Trabia, la tavola rotonda dal titolo “Il design, i decori e l’arte dei maestri tornianti. Quale ceramica per i mercati del nuovo millennio”? “Un appuntamento molto importante e fortemente voluto – dice l’assessore Pellegrino – Quando si parla di ceramica non si pensa a quelle che possono essere le nuove produzioni, veri e propri oggetti moderni e di design. E la ceramica può ancora dare molto nel campo dell’arredamento”.

A seguire sarà svelato il passaporto della ceramica. Alle ore 21, in piazza Duca di Camastra, lo spettacolo musicale “F&F Duo” con i due volte campione del mondo di fisarmonica Pietro Adragna e Chiara Sernesi.

Il 7 luglio, alle ore 18,30 a Palazzo Trabia, l’inaugurazione della mostra “Disegna una filastrocca”, a cura dei bambini dell’istituto comprensivo Santo Stefano di Camastra. E alle ore 21, in piazza Duca di Camastra, la commedia “Il ritorno di Diabolik”, a cura del teatro stabile nisseno. Tutti gli eventi sono gratuiti. L’evento è stato organizzato con il contributo dell’assessorato regionale siciliano al Turismo.

CORRELATI

Ultimi inseriti