Rubrica Arte – Giovanni Mattaliano

Giovanni Mattaliano

 

 

Giovanni Mattaliano
Giovanni Mattaliano

RIPROPONIAMO CON ALTRE OPERE IL POETA GIOVANNI MATTALIANO

Biografia dell’Autore

Giovanni Mattaliano, nasce a Palermo, nel cuore di un quartiere popolare dove esiste uno dei mercati storici di Palermo “ Ballarò “. e passa la sua  infanzia giocando tra le bancarelle di frutta e pesce. Dopo aver conseguito la licenza elementare, si affaccia nel mondo del lavoro presso un’ officina  meccanica dove imparerà il “ mestiere “ che lo accompagnerà fino all’attuale lavoro presso l’Amat di Palermo. In questo contesto, comincia a coltivare la  sua vena poetica, riuscendo ad esprimere in versi, soprattutto in vernacolo,  ciò che il suo profondo senso religioso ed umano riesce a trarre dalla sua  esperienza quotidiana.    Ha partecipato al concorso di poesia dialettale “ Loredana Torretta Palminteri “   classificandosi al primo posto con la poesia “ U Viculicchiu “. Con questa   pubblicazione è alla sua prima esperienza di poesia edita.

POESIE DI GIOVANNI MATTALIANO

Li stragi di Palermu
 
Scurri lu sangu ‘nta li strati di Palermu ,
scurri lu sangu comu ciumi
‘sta bedda terra ca Diu vosi criari
e cu tantu amuri ‘nni vosi rialari
‘sta terra biniritta e vasata di lu mari ,
omini d’onuri la vonnu pigghiari

Nni vonnu arrubbari lu suli e lu mari,
e puru a vucca nni vonnu attuppari.
Stu mali tintu unni voli lassari:
poviri mischineddu ‘ntall’allaria li ficiru satari.
Omini onesti sirvitura di Statu,
vulianu sarvari stu Statu malatu
Lu so travagghiu vulianu fari,
ma eroi nun vulianu divintari.

Passaru vintanni ri ‘sta mattanza
è puru lu statu e omu di panza
Lu stessu statu ca iddi crireru
e n’finu alla fini cu sangu u sirveru,
lassaru muggheri  e picciriddi
ca chiancinu lacrimi e suranu friddi.

Ora Prisirenti e senaturi s’arricamparu
cu palori o ventu e milli discursi nni lassaru

Sti poviri martiri lassatili ‘npaci
pirchì a pruteggiri a vita nun fustivu capaci!
La genti onesta ch’arraggia lu cori
e  sta ca spiranza c’a Palermu nun mori

(poesia dedicata alle persone che hanno creduto ai valori delo stato, Falcone, Borsellino e agli uomini della scorta)
Terra biniritta e terra maliritta

Nni chianci lu cori
vidiri li nostri figghi lassari ‘sta terra,
terra maliritta e biniritta
amurusa e  amara
china di spini ma sempri pinzata
e tinuta ‘nta lu cori.

Cori malatu, ca  sapi ca figghi e picciriddi
parteru suli ‘ncontru a lu distinu
lassaru matri cu li minni stanchi
vu fei e nenti latti.

Chianci lu cori e nun lu  fa capiri
quannu sentu ‘na vuci di luntanu
ri picciriddie parri e riri
e ‘na lacrima ti scinni
pi  essiri prisenti e strincìlli ‘nta lu pettu.

Terra duci, pi cu mancia e mancia a tri muccùna
ridennu spinsiratie ajutati da furtuna,
terra  amara pi cu talia e ‘a notti mancu dormi

ca lu pitittu addoghia li vuredda.
Chianci lu cori quannu vai alla marina
E viri picciriddicu nanni accumpagnati
c’accattanu aquiluni e vannu scurrazzannu
facennu cazzicatummuli ‘nta lu pratu

E penzu ‘stu distinu tintu ca tantu s’accaniu
e asai ti senti sulu e nuddu ti talia.
‘Sta terra martoriata, affussata
spurpata e arrusicata

Sicilia maliritta ma bedda e fascinusa
sfuttari ti facisti da genti di malaffari
e ora nun si capaci
di dari da manciari

Terra biniritta
cca stamu c’à spiranza
di nesciri ì ‘stu fossu e ghiri a rispirari
picchì si u suli affaccia
vulemu fantasiari

(Poesia dedicata ai nostri figli che per motivi di lavoro lasciano la nostra terra)

 

Print Friendly, PDF & Email