Rifiuti, pioggia di multe a Palermo. Regione e Chiesa lanciano un appello per l’ambiente

Ben 407 multe su 802 controlli da gennaio a oggi sono state elevate da parte dei vigili di Palermo durate i controlli sul corretto conferimento dei rifiuti. Il 60% è per aver gettato la spazzatura fuori dagli orari stabiliti, il restante per avere abbandonato i sacchetti fuori dai bidoni, per avere mischiato l’immondizia o per il mancato rispetto del calendario della differenziata. I controlli rientrano nel piano di lotta all’abbandono indiscriminato di rifiuti predisposto dalla polizia municipale e in particolare dal comandante Gabriele Marchese.

Sull’argomento è intervenuto anche il Presidente della Regione Nello Musumeci, lanciando un appello al buonsenso dei siciliani. «In Sicilia, per risolvere definitivamente il problema legato allo smaltimento dei rifiuti – ha dichiarato Musumeci -, c’è assolutamente bisogno di una nuova coscienza civica. Le istituzioni potranno fare sforzi immani, al limite del miracolo, ma se nel cittadino manca la consapevolezza di una vera, profonda cultura ambientale la battaglia non potrà mai essere vinta».

Il governatore è intervenuto durante i lavori del secondo EcoForum regionale sui rifiuti e l’economia circolare organizzato da Legambiente Sicilia ai Cantieri Culturali della Zisa di Palermo. Musumeci ha annunciato che nei prossimi giorni approderà in aula a Palazzo dei Normanni il nuovo disegno di legge regionale sui rifiuti.

In favore della differenziata si è scomodato persino l’arcivescovo di Monreale Michele Pennisi «Anche nel messaggio di quaresima di quest’anno, basandomi sul magistero di papa Francesco, ho suggerito alcuni insegnamenti pratici, come non sprecare l’acqua, non accendere luce se non c’è bisogno, fare la differenziata, condurre una vita sobria che porti a un rispetto maggiore del Creato. Dopo la Laudato siì sulla cura del creato, i temi del rispetto ambiente, dell’energia alternativa e della differenziata sono entrati in quello che è il cammino educativo della Chiesa», ha spiegato l’arcivescovo, a indicare come i temi del rispetto dell’ambiente, dei riciclo dei rifiuti e dell’energia pulita siano parte della missione cattolica.

Print Friendly, PDF & Email