È stato riaperto all’utenza l’ufficio postale di Sant’Anna di Caltabellotta

poste-italiane
poste-italiane

L’ufficio postale di Sant’Anna di Caltabellotta è stato riaperto. Finalmente ieri mattina, 24 marzo 2016, alle ore 8 quella porta di vetro è stata aperta nuovamente a tutti i cittadini della piccola frazione che hanno manifestato la loro gioia per l’evento.

Sono stati tre anni di gravi disagi per i santannesi, ma soprattutto per gli anziani, costretti per qualsiasi operazione, dalla riscossione della pensione al semplice pagamento di una bolletta elettrica, a recarsi a Caltabellotta, a 7 chilometri di distanza o a Ribera, aumentando il tragitto di altri  15 km.

Lo sportello postale di Corso Vittorio Emanuele era stato chiuso  da Poste Italiane nel novembre del 2012, per ottemperare ai tagli previsti dal piano messo a punto dal Ministero dello Sviluppo Economico e dell’allora ministro Scajola. Alla base della decisione la regola, dettata dal piano, secondo la quale Poste Italiane deve garantire uno sportello ogni 6 chilometri al 97% della popolazione residente. E dunque l’unico ufficio postale di riferimento diventava quello di Caltabellotta, ma nella cittadina montana risiede non il 97 ma l’85% della popolazione, il restante 15% vive proprio nella frazione di Sant’Anna.

Da ciò ne scaturì una dura reazione da parte dei santannesi. In primis crearono un comitato cittadino, coordinato da Cosimo Tamburello insieme all‘ Avv. Turturici,  e subito dopo avviarono una ferma azione di protesta con ricorsi, petizioni, azioni legali e persino incontri con il prefetto di Agrigento.

Così, ad un mese dalla sentenza del Tar (Tribunale Amministrativo Regionale) di Palermo, l’ufficio postale riprende la sua attività. Il provvedimento giurisdizionale n. 507 del 23 febbraio ha accolto favorevolmente il ricorso presentato dall’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Paolo Segreto e dal comitato cittadino che chiedeva l’annullamento del provvedimento delle Poste Italiane e ha condannato l’ente Poste anche al pagamento di 3000 euro, a favore del comune di Caltabellotta, oltre agli accessori e spese legali.

L’evento è stato festeggiato nel pomeriggio di ieri con un rinfresco in piazza, dove i cittadini hanno ringraziato coloro che hanno lottato in questi anni per la riapertura dell’ufficio postale.

Ampiamente soddisfatti per l’obiettivo raggiunto anche il Primo cittadino, il delegato sindaco di Sant’Anna Gaspare Sala, il vice presidente del consiglio Caterina Cusumano e  Cosimo Tamburello in rappresentanza del comitato cittadino.