Rap e Reset: raggiunto l’accordo per la mobilità interaziendale

Rap e Reset - Palermo
Rap e Reset - Palermo

“Un risultato che di fatto porta a compimento il lungo e faticoso lavoro di salvataggio dei lavoratori delle società fallite Gesip e Amia, confermando la bontà delle scelte fatte con la nascita delle nuove società partecipate. Un risultato importante raggiunto grazie all’impegno dell’assessore Giambrone e dei tanti che in questi anni si sono impegnati per trovare la giusta soluzione allo sfascio e al fallimento in cui versavano le aziende nel 2012”. Lo dichiara il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, in merito all’accordo raggiunto ieri fra RAP e Reset per la mobilità interaziendale di 94 unità di personale da destinare a servizi di pulizia e decoro. 

I consiglieri comunali di Avanti Insieme componenti della III Commissione Consiliare, Paolo Caracausi e Massimo Giaconia, esprimono soddisfazione per l’accordo raggiunto sulla mobilità dei lavoratori da Reset a Rap. “Il passaggio dei lavoratori idonei – dicono i Consiglieri – ci fa ben sperare che alcuni servizi non soddisfacenti di Rap come lo spazzamento e lo svuotamento dei cestini, finalmente possano essere effettuati con una certa regolarità. Auspichiamo che al più presto venga effettuata la medesima operazione per il passaggio dei lavoratori in Amat per colmare parte dei vuoti in organico tra gli autisti. Le economie che si produrranno grazie a queste operazioni di mobilità interaziendale sommate ad eventuali ulteriori stanziamenti in bilancio possano portare all’aumento delle ore lavorative per i restanti dipendenti della Reset. La III Commissione, che dal suo insediamento ha seguito la problematica, continuerà a monitorare la vicenda delle aziende partecipate con l’obiettivo di dare servizi adeguati alla città nel rispetto della dignità lavorativa”.

 

“L’accordo raggiunto ieri sulla mobilità di 94 operatori dalla Reset alla Rap è un importante risultato per la città: il passaggio di questo personale, a costo zero per i palermitani, consentirà a Rap di potenziare i suoi servizi di spazzamento e raccolta e a Reset di alleggerire le spese”. Lo dicono Giuseppe Badaglicca e Nicola Scaglione della Fiadel-Cisal, commentando l’esito dell’incontro tenutosi ieri tra l’amministrazione comunale e i vertici delle due aziende. “Nonostante la contrarietà di altre organizzazioni sindacali, la Fiadel-Cisal ha insistito perché si realizzasse questa mobilità – continuano Badagliacca e Scaglione – e anche il Segretario generale ha confermato che è possibile usare le graduatorie del 2016. Attendiamo adesso la firma del contratto che avverrà nei prossimi giorni, a cui seguiranno le visite mediche”.

Sull’argomento leggi anche:

Print Friendly, PDF & Email