Primo caso di coronavirus a Palermo. La paziente presenta leggeri sintomi influenzali

Il sindaco è tuttora in contatto con la Prefettura dove, nelle prossime ore, si svolgerà una riunione operativa con le autorità sanitarie uniche titolate a fornire indicazioni tecniche accurate sulle eventuali ulteriori misure precauzionali da adottare. GLI AGGIORNAMENTI

Il sindaco Leoluca Orlando, appena informato del caso della turista bergamasca in vacanza a Palermo, risultata positiva al coronavirus, è rimasto tutta la notte in contatto con le autorità sanitarie e con il Governo regionale per sincerarsi che tutte le procedure previste siano state messe in atto per l’isolamento della paziente che, al momento, presenterebbe soltanto leggeri sintomi influenzali.

“Si conferma l’importanza che in caso di sintomi influenzali si contattino le strutture mediche senza recarsi al pronto soccorso – ha detto il sindaco – così come si conferma la necessità di rispettare tutte le regole igieniche personali e ambientali che servono a impedire il contagio”.

Il sindaco è tuttora in contatto con la Prefettura, dove nelle prossime ore si svolgerà una riunione operativa con le autorità sanitarie uniche titolate a fornire indicazioni tecniche accurate sulle eventuali ulteriori misure precauzionali da adottare.

“È importante avere cura, per sé stessi e per gli altri, senza cedere alla paura” aveva dichiarato ieri pomeriggio a Catania all’incontro organizzato dal Governo Regionale, ancor prima che si venisse a conoscenza del primo caso di Covid 19. “È fondamentale assumere comportamenti e scelte importanti e non improvvisate per prevenire la diffusione del virus – ha aggiunto Orlando – così come è importante comunicare in modo corretto per evitare la diffusione di fobie e paure ingiustificate”.

Vademecum

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, anche nella veste di sindaco metropolitano e presidente dell’ANCI Sicilia, ha incaricato gli uffici di redigere, sulla base delle informazioni fornite dall’Istituto Superiore di Sanità, un piccolo vademecum di facile consultazione sul nuovo Coronavirus.
Il vademecum, disponibile all’indirizzo http://tiny.cc/Vademecum_Corona, contiene sia informazioni generali sul virus, i sintomi, le modalità di trasmissione e prevenzione. Contiene, inoltre, le 10 regole di prevenzione suggerite dal Ministero della Salute e dallo stesso Istituto Superiore.

Per Orlando, “è fondamentale informare i cittadini perché la prima difesa contro questa, come altre malattie, è la prevenzione; allo stesso tempo è fondamentale diffondere e far conoscere le informazioni corrette e scientificamente attendibili, per evitare che il proliferare di notizie sbagliate o non corrette inneschi fenomeni ingiustificati che non aiutano alla soluzione dei problemi”.

Mentre ieri, il presidente dell’Ordine dei Medici Toti Amato, quale componente del consiglio direttivo della Fnomceo (Federazione nazionale degli Ordini dei medici) ha invitato tutti i medici ad un incontro per discutere sull’emergenza da Coronavirus. “In Italia i contagi sono raddoppiati in 24 ore, colpendo medici, operatori sanitari e infermieri – ha detto Amato – . La condizione straordinaria impone che tutti i medici conoscano i protocolli operativi regionali e ministeriali per la gestione del virus, ma per prestare assistenza ai pazienti è indispensabile che per primi siano i medici e gli operatori sanitari a lavorare in piena sicurezza”.

“Nessuna interruzione del lavoro e dei servizi è prevista per gli uffici pubblici”. Lo hanno comunicato il sindaco Leoluca Orlando e il vicesindaco Fabio Giambrone nel corso dell’incontro in Prefettura.
E’ stato sottolineato che già domenica tutti gli uffici e tutto il personale, anche delle aziende partecipate, hanno ricevuto il vademecum con le 10 misure precauzionali. E’ stata, inoltre, data disposizione, anche col supporto delle ditte incaricate, e soprattutto per gli uffici che svolgono attività di front-office, di intensificare gli interventi di sanificazione negli uffici. infine, tutte le pattuglie della Polizia Municipale sono state dotate di kit con mascherina e tuta che, in caso di utilizzo, vanno smaltite come rifiuti speciali ospedalieri.

Si ricorda, inoltre, alla cittadinanza che tramite la App Telegram si possono ricevere aggiornamenti di Protezione civile e sicurezza in tempo reale sul proprio smartphone, visitando la pagina www.telegram.me/ProtezioneCivilePalermo