venerdì, 9 Dicembre 2022
spot_img
HomeSiciliaPorto di Trapani: presentato il progetto del waterfront. Il Video  

Porto di Trapani: presentato il progetto del waterfront. Il Video  

Trapani avrà il suo waterfront. Una rigenerazione che diventa capacità di cancellare degrado, abbandono, cantieri dismessi e di recuperare e potenziare attività produttive trascurate, quali la pesca, la piccola cantieristica, il mercato del pesce. E, naturalmente, le relazioni umane. Una grande occasione per la città che, con un progetto complessivo, attento alla storia e alle aspettative dei cittadini, supera una stagnazione lunga decenni su una delle parti più suggestive della città su cui insistono siti di grande valore: il Lazzaretto, San Francesco e la Colombaia che, con il suo parco naturalistico, diventa il riconoscibile primo impatto dei crocieristi con la città.

Il progetto del nuovo waterfront di Trapani è stato presentato ieri alla stampa dal sindaco
Giacomo Tranchida, dal presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia
occidentale, Pasqualino Monti, e dai rappresentanti del raggruppamento temporaneo di progettisti che si è aggiudicato il “Concorso internazionale di idee per la riqualificazione del waterfront storico del porto di Trapani.

Nuovo Terminal Passeggeri, passeggiata Darsena urbana e Parco del waterfront (Colombaia- Lazzaretto)”, avviato nel novembre 2020.

La riqualificazione del waterfront storico portuale di Trapani innesca processi di trasformazione urbana e di rigenerazione, capaci di interessare non solo la fascia costiera ma l’intera rete dei luoghi della città che entrano in rapporto con il mare e con le aree portuali. Inoltre, includendo siti di notevole interesse paesaggistico, esalta i valori storico- paesaggistici dell’area che è stata suddivisa in quattro ambiti progettuali:
Ambito 1 – PASSEGGERI
Ambito 2 – MERCATO E NAUTICA DA DIPORTO
Ambito 3 – DARSENA PESCHERECCI E PIAZZA URBANA
Ambito 4 – PARCO DEL WATERFRONT

Sette le proposte progettuali pervenute e nella selezione la commissione ha tenuto conto della qualità dell’idea presentata, delle caratteristiche della proposta ideativa, dell’inserimento dell’idea nel contesto e di soluzioni orientate alla sostenibilità.

Il progetto del nuovo waterfront è il frutto del lavoro corale del raggruppamento temporaneo di progettisti costituito da Technital Spa, Valle 3.0 srl, Peluffo &partners srl, arch. Marco Antonini, con la collaborazione dell’architetto trapanese Vito Corte e della professoressa architetto Carmen Andriani.

Altri interventi: il dragaggio dei fondali

Scadranno il prossimo 11 agosto i termini per partecipare al bando di gara relativo ai “Lavori di dragaggio dell’avamporto e delle aree a ponente dello sporgente Ronciglio”. L’opera di oltre 60,5 milioni di euro è compresa nel programma di interventi infrastrutturali complementari al Pnrr, ammessa al finanziamento statale. Il cantiere dovrebbe durare circa 720 giorni dalla consegna e prevede un premio di accelerazione nel caso di ultimazione in anticipo.

L’appalto prevede l’esecuzione dell’escavo dei fondali del porto di Trapani, limitatamente all’area indicata in progetto, fino alla quota – 11,00 m s.l.m.m. nell’avamporto per l’evoluzione e l’accosto delle grandi imbarcazioni alle banchine portuali, e fino alla quota -10,00m nei pressi delle banchine. Sono inclusi nell’importo dei lavori anche i costi di trattamento dei sedimenti. Il progetto esecutivo dei lavori ha ottenuto l’autorizzazione all’immissione in mare di parte dei materiali provenienti da dragaggio.

VIDEO PROGETTO

IL PROGETTO


Trapani, grazie alla sua posizione equidistante dal canale di Suez e dallo stretto di Gibilterra, si
trova in uno snodo nevralgico dei traffici marittimi del Mediterraneo sia di lungo che di corto
raggio.L’alto valore storico, architettonico e paesaggistico di questo tratto di costa, più volte
modificata nel corso del tempo, la ‘piazza d’acqua’ compresa fra il complesso del Lazzaretto e la
Fortezza della Colombaia, il profilo del monte di san Giuliano cha fa da sfondo alla città storico
contro la orizzontalità delle saline, stabiliscono dei punti di riferimento identitari e formali di questo
luogo e punti di partenza delle proposte progettuali.
Il progetto generale di waterfront è semplice conseguenza di una complessa attività di
conoscenza, di acquisizione di dati e informazioni, di ricerca delle fonti, di connessione tra elementi
con caratteristiche differenti e, infine, di volontà a trovare le più utili connessioni e di verifica delle
soluzioni proposte con le richieste del bando. Il contesto paesaggistico nel quale si inserisce il
progetto è caratterizzato da sempre maggiore naturalità e, di converso, di sempre più debole
urbanità, muovendosi lungo la direttrice che dalla Stazione Marittima termina nell’isola della
Colombaia. Su questo progressivo mutamento di carattere e di densità di segni antropici si
inserisce, ricomponendo tutto in un’unica lettura, l’elemento predominante: il mare.
I quattro ambiti individuati, ovvero il nuovo terminal passeggeri, il mercato e la nautica da diporto,
la darsena pescherecci e piazza urbana e il parco del waterfront, definiscono un campo allungato
fra la città e il mare con caratteristiche proprie: è una interfaccia urbano-portuale, né città né porto,
ma con i caratteri di entrambi.
Il progetto offre l’occasione di una pianificazione inedita e sperimentale fondata sulla
valorizzazione di entrambi i caratteri, sulla ibridazione delle funzioni e, soprattutto, sul tessuto delle
connessioni. L’aspetto relazionale è la vocazione principale della interfaccia urbano-portuale:
specializzare le funzioni e creare cortocircuiti da e verso la città, verso l’acqua come verso terra,
ma anche verso il territorio di appartenenza, è una delle aspettative più importanti. Creare le
premesse per costituire non tanto un insieme inerte di edifici e spazi aperti, congelati in un
masterplan, quanto un campo relazionale e multidirezionale a funzioni miste, è un’altra delle sfide:
più vicina ad una infrastruttura che ad un progetto urbano, l’interfaccia potrebbe funzionare come
una sorta di grande magnete, attivo su due fronti sia quello di prossimità, a vantaggio delle aree
limitrofe, sia alla lunga distanza, in un sistema territoriale più ampio.
Ambito 1
L’ambito 1 è destinato ad accogliere il nuovo scalo passeggeri del porto di Trapani, l’edificio del
nuovo Terminal e la sistemazione del viale Regina Elena-Passeggiata alla Marina. Qui è previsto
l’ampliamento del molo a “T” in grado di accogliere il nuovo Terminal, i parcheggi e le aree di
servizio, con la definizione di una nuova viabilità di accesso. L’idea progettuale propone un
banchinamento che si sovrappone per forma al banchinamento attuale, ma con una forma più
assottigliata e con l’accesso al molo disegnato come prosecuzione del viale Duca d’ Aosta. Il
nuovo Terminal sarà posizionato su questo banchinamento, più vicino alla città, lungo i percorsi
cittadini e non isolato né lontano dalla storica passeggiata “alla Marina”. Il proseguimento del viale
Duca d’Aosta genera un nuovo disegno del molo stesso e della linea del Lungomare mettendosi in
relazione con la Stazione Marittima appena ristrutturata.
Ambito 2
L’ambito 2 è un coacervo di attività e di funzioni. Qui convergono energie, urbanità, percorrenze,
percezioni, paesaggio, mare, infrastrutture, memorie, lavoro. In poche parole, qui converge tutto
quello che è l’identità storica e potenziale della città e del suo porto. Qui l’idea è di unire i due

archetipi, ovvero una piazza come luogo sia di commercio che di lavoro che di vita cittadina, e una
copertura “infrastruttura”. Un sistema di volte in calcestruzzo, come canne di organo in sequenza
copre questo spazio. Al di sotto di esso si sviluppa tutto lo spazio per il mercato vero e proprio,
mentre sono mantenute le volumetrie preesistenti. L’idea è di inventare uno “spazio intermedio”,
ovvero trasformare la copertura degli edifici esistenti in terrazzo aperto/coperto pubblico, con dehor
e bar, caratterizzato da una straordinaria vista sul golfo e da un “cielo” ceramico colorato delle
volte a botte. Al piano terra, lo spazio pubblico attraversabile, che unisce le attività del mercato a
quelle commerciali e di servizio, oltre a quelle di lavoro relativo al rimessaggio, sempre nel rispetto
degli spazi di lavoro e sicurezza. È l’ambito che include anche la nautica da diporto.
Ambito 3
L’ambito 3 è costituito dall’area che va dalla piazza ex Scalo d’Alaggio (piazza Vittime motonave
Maria Stella) all’area antistante il Lazzaretto, comprendendo le banchine settentrionale, nord-
occidentale e sud-occidentale della darsena pescherecci, la via Lutazio Catulo, con il tratto di
spiaggia e la piazzetta del Tramonto/prolungamento Via Carolina. In questo ambito si cerca di
mettere ordine a una molteplicità di usi, di consuetudini e di funzioni che attualmente non sono
regolamentati e che alimentano una complessiva condizione di marginalità e di precarietà. Questo
ambito è dedicato ai parcheggi, assieme alla riqualificazione degli spazi esistenti da destinare alle
attività della pesca e ad attività legate ai turisti e ai residenti.
Ambito 4
È formato dal Lazzaretto, dal Parco del waterfront e dal ponte di collegamento che consente la
continuità della passeggiata ciclopedonale tra la lingua di terra del villino Nasi e l’isola della
Colombaia. Il “Parco del waterfront” rappresenta un’occasione per Trapani di ritornare città-
arcipelago, riappropriandosi della propria originaria morfologia. Questa volontà progettuale si attua
paesaggisticamente attraverso “il distacco” del Lazzaretto dalla terraferma, e il ritorno alla sua
natura di Isola di S. Antonio. Una serie di azioni di scavo permetterà alle acque di ridisegnare i
confini tra terra e mare, ripristinando quelle condizioni così fortemente compromesse dai
“colmamenti”, susseguitisi a partire dalla fine del XIX sec. Queste operazioni allontaneranno
metaforicamente dal porto anche la lingua di terra che ospita il Villino Nasi e che si protende verso
il mare aperto. Tale sensazione di entrare in un ambito “altro” dalla città verrà rafforzato dagli
interventi di riqualificazione naturalistica della vegetazione. La componente ecologica farà da guida
anche per gli interventi sull’altra lingua di terra presente: l’Isola della Colombaia. La posizione
straordinariamente strategica del Lazzaretto, sia in termini di possibilità di utilizzo dello sbocco a
mare e del porticciolo turistico, sia paesaggistico che di collegamento con la Colombaia e il suo
futuro Museo, che di accessibilità veicolare diretta, lo pone nelle migliori condizioni per ospitare un
albergo di livello (da 4 a 5 stelle), senza intervenire in modo impattante sul manufatto esistente.

CORRELATI

Ultimi inseriti