Politiche socialiDal Bilancio comunale 3, 5 milioni di Euro

A seguito dell’approvazione del bilancio da parte del Consiglio Comunale, la Giunta ha a sua volta approvato i Piani Esecutivi di Gestione di ogni settore dell’Amministrazione, ovvero la ripartizione del Bilancio per le singole aree ed interventi.

Nonostante i tagli e le politiche di austerità nazionali in corso ormai da parecchio tempo, l’Amministrazione ha posto attenzione alle situazioni di difficoltà sociali in città, garantendo interventi sia sul fronte dell’emergenza che sulla programmazione di medio periodo.

In particolare, sono stati previsti investimenti per gli interventi relativi all’emergenza casa, quelli relativi al trasporto dei disabili, al disagio psichico, alla gestione delle case di riposo, le residenze sanitarie assistite, le misure per contrastare le nuove povertà, il contributo alle famiglie affidatarie.

I fondi a carico del bilancio comunale, che si integrano con quelli relativi a trasferimenti regionali, nazionali e comunitari, ammontano a circa 3,5 milioni di euro, così suddivisi:
– interventi ambito sociale, fragilità 550.000
– interventi abitativi 200.000
– rsa 500.000
– trasporto disabili 151101
– assistenza domiciliare disabili gravi 418.279
– case riposo 1.000.000
– interventi residenziali per cittadini con disagio psichico 917.000
– affido 150.000
– contributi famiglie a basso reddito 30.000

“Si tratta di un’importante inversione di tendenza da parte dell’Aministrazione Comunale, sia della Giunta sia del Consiglio – ha dichiarato l’assessore alla Cittadinanza Sociale, Agnese Ciulla – soprattutto se si pensa che fino a due anni fa, non vi era traccia di queste tipologie di interventi nel bilancio comunale, segno di totale disattenzione a queste esigenze della città.”

“Siamo coscienti del fatto che vi è una sempre maggiore necessità di interventi per fronteggiare la crisi che sta mettendo in difficoltà tantissime famiglie – ha dichiarato il Sindaco Leoluca Orlando – ed è per questo che con il Bilancio proposto dalla Giunta ed approvato dal Consiglio abbiamo voluto dare un chiaro segnale non solo rispetto alla necessità, ma soprattutto rispetto alla possibilità di una politica attenta al sociale, così come alla scuola e alla cultura, che sono elementi fondamentali per gettare basi per una vera ripresa e rimettere in moto un vero sviluppo.”

“Allo stesso tempo – conclude il Sindaco – stiamo rimettendo in piedi un sistema ed una struttura tali da poter riprendere la progettazione per poter portare a Palermo nuovamente e in modo cospicuo fondi comunitari anche per questa tipologia di interventi.”