venerdì, 12 Agosto 2022
spot_img
HomeartePasolini Clandestinus, dal 24 giugno la mostra a Palazzo Reale

Pasolini Clandestinus, dal 24 giugno la mostra a Palazzo Reale

Fino al 27 luglio 2022

Pasolini clandestinus, outsider, corsaro. Un eretico pervaso da un profondo senso del sacro e da una radicalità visionaria che lo porta a sfidare le convenzioni e i luoghi comuni del pensiero dominante. E proprio da questa sua radicalità di pensiero nasce la fascinazione di Franco Accursio Gulino: artista saccense, di nascita e di ritorno, anche lui visionario, anche lui indagatore delle contraddizioni del suo tempo, anche lui pensatore non allineato. Gulino avvicina Pasolini nei primi anni Duemila, e da allora non lo ha più lasciato.

Nel centenario della nascita del grande intellettuale, trenta opere di Gulino formano Pasolini Clandestinus, mostra promossa dal Servizio Biblioteca dell’Ars e curata da Laura Anello, che si inaugura venerdì 24 giugno nelle sale degli ex Presidenti e Pompeiana, a Palazzo Reale, a Palermo. Vernissage alle 12 alla presenza del segretario generale Fabrizio Scimè, del presidente della Commissione di vigilanza sulla Biblioteca dell’Ars, Michele Catanzaro, dei componenti della Commissione, Stefano Pellegrino e Gianina Ciancio, di Giorgio Martorana, direttore del Servizio biblioteca dell’Ars e dell’Archivio Storico, dell’artista Franco Accursio Gulino e della curatrice Laura Anello.

La mostra – organizzata dal Servizio Biblioteca e Archivio storico dell’Assemblea Regionale Siciliana – fa parte del percorso abituale di visita alla residenza monumentale dei re normanni (apertura quattro giorni a settimana: lunedì, venerdì, sabato e domenica) e sarà visitabile fino al 27 luglio.

Franco Accursio Gulino è un artista eclettico: pittore, poeta, film maker. Spinto da una vera “necessità”, attraversato da un’energia che lo fa dipingere febbrilmente, giorno e notte, nella sua casa-studio a Sciacca dove sono accatastate centinaia di opere dipinte su tele, tavole, vecchie porte, finestre, cartoni, manifesti pubblicitari, in uno straripante bisogno espressivo. Ogni supporto diventa un libro su cui scrivere un capitolo formale, riagganciare un brandello di discorso già avviato. Perché Gulino ama procedere per capitoli, ritornare sull’opera compiuta e rileggerla, offrendole una possibilità di rinascita. I suoi “cicli” sono facilmente riconoscibili, e così lo è Pasolini: il rapporto (virtuale) tra i due nasce dalla visione de La Ricotta, episodio di Ro‐Go‐Pa‐G (Rossellini, Godard, Pasolini, Gregoretti) in cui il regista mette in scena nel 1963 la sua potente riflessione su Cristo: Gulino realizza una grande Crocifissione su uno sfondo rosso sangue e su un supporto plastico semitrasparente che gli dà una consistenza metafisica e trascendente. 

La faccia dell’intellettuale ora è la tavolozza della scrittura immaginaria tanto cara a Gulino – quella degli ultimi che non hanno voce, ma anche quella dell’incomunicabilità come condizione umana – ora è sormontata da una corona, ora ha la bocca pronunciata e rossa, ora ha le ciglia lunghe, ora ha la testa come il cono di un vulcano da cui erompe il pensiero” scrive Laura Anello nel suo testo in catalogo [Edizioni Caracol].

Franco Accursio Gulino bio

[Sciacca, 1949] studia a Palermo, si abilita all’insegnamento, vive e lavora tra Milano e Ferrara, ma poi decide di tornare in Sicilia: oggi si divide tra Sciacca e Roma. Suo il ciclo di opere dedicato all’isola Ferdinandea che nel marzo 2000 guadagna una pagina sull’Herald Tribune. Del 1997 è la mostra personale a New York, Design and the Embalmer, presentata da Gioacchino Lanza Tomasi all’Istituto Italiano di Cultura , l’anno successivo espone all’Art Gallery at Brooklyn College e presso Allen Priebe Gallery nel Wisconsin. Nel 1999, la personale In/Out ai Cantieri Culturali della Zisa a Palermo, quattro anni dopo In medio stat virtus alla Fondazione Orestiadi di Gibellina; e il Tabularium per il Concerto a 10 voci per l’Europa al Piccolo Teatro di Milano per l’entrata di nuovi paesi nell’Unione Europea. Nel 2011 viene inaugurata a Nairobi, in Kenia, Camminanti, parola che raccoglie in sé la storia dei migranti, dei clandestini, degli uomini in viaggio e in trasformazione a cui Gulino dedica la sua pittura da oltre un ventennio. Sin dagli inizi degli anni ’90, Gulino è impegnato nella realizzazione di un poderoso ciclo di più di 150 opere dedicate a Pier Paolo Pasolini: nascono diverse esposizioni e le scenografie per P.P.P. Siamo tutti in pericolo, regia di Daniele Salvo (Torino, Milano, Roma, Milano). Del 2014 è la mostra personale Clandestini. Passano all’asta i sogni, a cura di Laura Anello, nelle Carceri dello Steri a Palermo; nel 2015 nasce Memorie. Ritratto d’artista, a cura di Paola Nicita, a Palazzo Ziino (Palermo). Nel 2017 fa parte degli artisti di 19 Paesi riuniti in Imago mundi. Rotte Mediterranee per la Biennale Arcipelago Mediterraneo  a Palermo. Dal 2019 espone a St. Moritz, Montecarlo,  Gibellina, alla Saatchi Gallery di Londra in occasione dello StART Art Fair London. Nel 2021 riapre lo Spasimo di Sciacca  con le opere di Domus a cura di Laura Anello e di Anthony Francesco Bentivegna, all’interno del festival Le Vie dei Tesori. Sempre nel 2021 l’opera Passano all’asta i sogni è entrata nella collezione della Presidenza della Repubblica, al Quirinale. A marzo 2022 ritorna allo Spasimo per il Festival FerdinanDea e la personale Ferdinadea. Lo studio del pensiero. Su Gulino sono stati realizzati documentari e video d’arte, le sue opere sono esposte in collezioni pubbliche e private, nazionali ed internazionali.

SCHEDA MOSTRA

Franco Accursio Gulino

Pasolini Clandestinus

a cura di Laura Anello

24 giugno | 27 luglio 2022

[vernissage 24 giugno ore 12]

PALERMO | Palazzo Reale

Piazza Parlamento, 1

La mostra fa parte del percorso di visita abituale al Palazzo Reale e sarà visitabile ogni lunedì, venerdì, sabato e domenica.

Orari: lunedì, venerdì e sabato 8,30/ 16,30

domenica 8,30/12,30

Biglietti: www.federicosecondo.org

CORRELATI

Ultimi inseriti